Barefooting: libera i piedi la mente li seguirà

0

Avete mai sentito parlare di barefooting? Vi chiederete cosa si nasconda dietro questa misteriosa parola. In realtà è la cosa più semplice del mondo. E’ una vera e propria filosofia di vita e attira le persone che amano vivere, camminare o correre a piedi nudi riappropriandosi degli spazi naturali e delle sensazioni che può trasmettere al corpo il contatto diretto col terreno.

I seguaci di questa filosofia amano ripetere: “libera i piedi, la mente li seguirà”. Effettivamente ognuno di noi verifica quotidianamente quanto liberatorio sia, tornando in casa, buttare via le calzature, magari un tacco 12, e mettere i piedi a contatto con il pavimento. Quanta felicità regali.

Il barefooting fa bene, a parecchie cose: alla circolazione del sangue, ai piedi stessi che si rafforzano, è migliorativo della termoregolazione e della postura, permette un massaggio naturale soprattutto su superfici ruvide, ma soprattutto ha il potere di regalare pace alla mente. Per provarne i benefici non c’è però bisogno di bruciare le proprie scarpiere per sempre. Si può anche solo testare per qualche ora. In Italia esistono luoghi e strutture ricettive che offrono percorsi e guide per farlo al meglio, anche con i nostri bambini. Ecco di seguito tre proposte.

Passeggiando tra foglie secche ed erbe alpine                                                          Un bosco tutto intorno, un laghetto di montagna che si vede dal terrazzo della camera, il prato fiorito dell’altipiano. Sono loro i protagonisti tattili di “The Barefoot-Experience”, la dedica speciale per chi desidera una full immersion nel verde all’hotel Seehof Nature retreats di Naz (BZ).

C’è una guida che accompagna gli ospiti a calpestare i materiali naturali, in un percorso che unisce l’acqua del lago naturale di Flötscher Weiher, la croccantezza delle foglie secche, il solletico delle erbe alpine. In questo vero e proprio rifugio naturale che sul contatto con l’ambiente basa la propria filosofia, camminare a piedi nudi fa parte della vacanza, e si può fare anche ad occhi chiusi. Provare per credere. E-mail: info@seehof.it

Un sentiero multisensoriale                                                                                       Un sogno: arrivare in Sardegna, togliersi le scarpe, camminare scalzi tra le dune di sabbia della spiaggia Su Giudeu di Chia (CA). Un appuntamento felice quello degli ospiti dell’Hotel Aquadulci, unito al mare da un sentiero che riunisce quattro terreni diversi, quattro sensazioni da provare una dopo l’altra. E così si può uscire dalla stanza con un paio di infradito in mano, passare dal giardino all’inglese sulla passerella di legno che attraversa il parco di morbide dune, rifugio dei fenicotteri rosa. E dopo le sabbie bianche, finalmente, il mare. E-mail: info@aquadulci.com

Sulle orme di San Francesco                                                                                    San Francesco scelse Gubbio per spogliarsi di tutti i suoi averi ed entrare in comunione con la natura. C’è la potenza religiosa della natura nel Sentiero del Santo lungo il Percorso Francescano per la Pace, che unisce Gubbio ad Assisi, e passa accanto al Castello di Petroia (PG), autentico maniero medievale. Il parco naturale dell’Hotel Castello di Petroia è un’oasi che si apre su ampie vallate, tra boschi e pascoli. Togliere le scarpe per camminare nell’immensa tenuta diventa quasi naturale, oggi come allora. E-mail: info@petroia.it

Fonte: ufficio stampa Ella Studio di Carla Soffritti e C.                                                  E-mail info@ella.it  Sito web www.ella.it

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta