Bimbi in festa all'Hortus Urbis

0

Bimbi in festa all’Hortus Urbis. Domani, festa del papà, all’Hortus Urbis si celebra l’allegria domenicale dell’arrivo della primavera tutti insieme: famiglie e bambini a divertirsi con l’intento particolarmente importante di sensibilizzare alla natura e al significato così “fulgido” dell’arrivo di questa stagione

Bimbi in festa all’Hortus Urbis. Il Generale Inverno indietreggia.
Invece, non ferma la sua avanzata lei, la primavera.
Incede lentamente, vestita di soli fiori e di sorrisi.

Bisogna saperla accogliere, allora, e festeggiarla in maniera adeguata.
Il modo migliore è aspettarla insieme a tanti bambini. Quando ci sono i bambini, scoppia d’improvviso il colore e la festa prende forma, diviene vera festa, non “divertissement”.

L’Hortus Urbis, che domani celebra il suo quinto compleanno, è un orto-giardino didattico lungo l’antico Almone a due passi dalla via Appia Antica, la Regina Viarum. Il progetto è inedito non solo per il tema scelto, l’orto antico romano con vocazione didattica, ma anche per la modalità di realizzazione che ha visto il contributo corale e generoso di tante realtà che hanno in comune l’essersi “rimboccate le maniche” per recuperare aree abbandonate a Roma per restituirle all’uso di tutta la cittadinanza.
Dalle 10 alle 13, la festa è aperta a tutti, si dà il via ad un nuovo ciclo stagionale, con la realizzazione, in un tripudio corale e ludico, di nuove aiuole, nuovi alberi da frutto, nuove staccionate e tutto quello che riconduce all’attività didattica della realizzazione di un orto e di un mini appezzamento di terreno.

Con “BIMBI IN FESTA” si avviano i laboratori per bambini che proseguiranno tutte le domeniche fino a giugno. Vi saranno un laboratorio di timbri di verdure  e delle letture con racconti nell’orto.
Si festeggia l’arrivo della primavera anche con il baratto di semi e piante.

 

Si parte così:

Alle 10.00 e alle 11.30 – TIMBRI DI VERDURE PER PICCOLI GIARDINIERI

Attività per bambini
Rose nell’insalata e trifogli nel peperone sono solo alcune delle forme che si nascondono nella verdura e nella frutta.
In questo modo si decoreranno, insieme a Gioia Marchegiani, carta e biglietti.
Possono partecipare i bambini da 4 anni in su con una donazione prevista a partire da 2 euro, due turni dalla durata di 50 minuti, alle 10 e alle 11 e registrazione sul posto.

Dalle 10.30 alle 12.00 – LETTURE all’OMBRA dell’ORTO

Attività per bambini
Letture di storie per bambini dai libri scelti da Cristiana Pezzetta.
Per bambini di tutte le età, solita minima donazione e registrazione sul posto.

Dalle 11 alle 13 – Baratto di semi e piante

Attività per tutti
Il baratto di semi è giunto alla sua VIII edizione all’Hortus Urbis. Si tratta di una delle tradizioni contadine più antiche che oggi l’Hortus Urbis, attraverso queste iniziative, si ripropone di recuperare. Lo scambio di semi è un incentivo all’ottimizzazione della produzione, a condurre il proprio orto o giardino praticamente a costo “zero”. Non solo.

Con lo scambio di semi si tenta anche di preservare e diffondere le antiche tipologie e la biodiversità.
L’iniziativa è per famiglie e curiosi, appassionati giardinieri e orticultori, adulti e bambini.

Hortus Urbis ha visto la sua nascita nel 2012 con l’attivazione di un’area verde non utilizzata nel parco dell’Appia Antica, destinata, successivamente, a spazio pubblico e utilizzata come orto a vocazione didattica con una selezione di piante utilizzate ai tempi dell’antica Roma.

Il progetto fa parte dell’iniziativa Zappata Romana, un gruppo di ricerca nato su orti e giardini condivisi a Roma nato nel 2010 per proporre un’azione collettiva di appropriazione dello spazio pubblico urbano, sensibilizzando allo sviluppo di pratiche ambientali, economiche e sociali innovative.

Un modo “rivoluzionario” per far vivere la città e far conoscere al meglio la natura, facendo “condivisione” ed esperienza. A guardare il successo negli ultimi tempi degli orti urbani e delle pratiche “agricole” che hanno trasformato semplici curiosi in “hobby farmers” sempre più “tecnologici” e “agguerriti”, sperimentazioni di questo tipo si sono rivelate vincenti e utili. Per l’ambiente e per i cittadini.

L’orto di Hortus Urbis è composto da 16 aiuole quadrate e occupa un’area di circa 50 piedi romani di lunghezza per una superficie di circa 225 metri quadri.

Nell’orto, con il contributo sempre determinante ed encomiabile dei volontari, oltre alle attività di giardinaggio e la realizzazione delle aiuole sono state realizzate: una compostiera, un forno in terra cruda, una insect house, una pergola e un impianto di irrigazione.

E’ prevista anche la realizzazione di un’area per l’allevamento dei lombrichi, un semenzaio, un frutteto con alberi da frutto antichi.

Il piacere dello scambio delle proprie varietà orticole o da giardinaggio mentre ci si racconta della bellezza delle piante e di come saranno i prossimi frutti della terra, sono delizie sopraffine per palati sensibili. E amanti della vita.

E allora buona primavera e buon lavoro.

Divertiamoci, affondiamole le mani in questa terra, accarezziamola, sentiamone il profumo, ascoltiamone il battito dei secoli e della storia.

Bimbi in festa all’Hortus Urbis vi aspetta.

 

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta