Dizionario e Rivoluzione Green

Il Cambridge Dictionary, che dal 1995 pubblica dizionari in inglese per gli studenti, tramite il proprio canale ufficiale Instagram, ha certificato che nel 2019 la parola che ha ottenuto più “mi piace” è “upcycling”, cioè il riciclo e la trasformazione di materiali di scarto. Recente aggiunta nel vocabolario online è anche il sostantivo “plastic footprint”, cioè la plastica utilizzata e scartata da ognuno e considerata in termini di danno ambientale. Tutto ciò testimonia come il tema green influenzi anche il vocabolario inglese, con una crescente attenzione alle problematiche ambientali

0

Dizionario e Rivoluzione Green. Le parole sono importanti, diceva Nanni Moretti in “Palombella Rossa”, e ci sono termini che in un dato momento storico e sociale lo sono più di altri. Lo sa bene Cambridge University Press Dictionary che condivide e racconta ogni giorno tramite il proprio account ufficiale di Instagram @CambridgeWords una parola presente nel dizionario. In un momento in cui il tema “green” è al centro del dibattito politico mondiale non c’è da stupirsi che sia “upcycling”  la parola dell’anno 2019 (Word of the Year 2019), come riporta Cambridge English , che da oltre 80 anni opera nel nostro paese come ente certificatore del livello di lingua inglese. La traduzione della definizione che Cambridge Dictionary dà ad “upcycling” è: utilizzare materiali di scarto, destinati ad essere gettati, per creare nuovi oggetti dal valore maggiore del materiale originale.

Secondo Peter McCabe, Head of Italy per Cambridge Assessment English, “Le nuove parole in inglese sono particolarmente importanti per chi sta imparando la lingua, in quanto possono essere inserite facilmente nel proprio vocabolario abituale. Di solito, l’inglese fa da capofila e altre lingue tendono poi a seguire l’esempio o adottando direttamente il nuovo termine in inglese o trovando un equivalente nella propria lingua.”

Foto Pixabay

Condivisa il 4 luglio 2019, “upcycling” è stata la “parola del giorno” che nell’ultimo anno ha raccolto più consenso e like da parte dei followers e degli utenti su Instagram.

Inoltre, le ricerche della parola “upcycling” sul sito del Cambridge Dictionary sono cresciute del 181% dal 2011, anno in cui è stata aggiunta per la prima volta sul dizionario online, e sono raddoppiate soltanto nell’ultimo anno.

“È per noi una soddisfazione vedere come chi sta imparando la lingua e anche gli insegnanti, parte della nostra community in tutto il mondo, votino questi termini sui nostri canali.” spiega McCabe. “Questo gesto dimostra che una lingua globale come l’inglese può aiutare a creare consapevolezza intorno ad un problema andando oltre ai confini delle diverse nazioni”.

Per identificare le parole da aggiungere nel Cambridge Dictionary, gli autori hanno utilizzato dati provenienti dal sito web, dai blog, dai social media: “upcycling” è stata aggiunta nel dizionario dopo aver notato un picco nelle ricerche relative a questa parola nel 2010.

Foto Pixabay

Altra aggiunta recente del Cambridge Dictionary – sottolinea  Cambridge English – è il sostantivo “plastic footprint”, cioè la misurazione della quantità di plastica che qualcuno utilizza e poi successivamente scarta, considerata in termini di danno ambientale. Dopo essere stata identificata dagli autori del dizionario, “Plastic footprint” ha ottenuto 1.048 voti nel sondaggio del blog New Words , con il 61% dei lettori che ha suggerito di aggiungerla al Cambridge Dictionary.

Il tema ambientale influenza dunque anche il vocabolario inglese, includendo nuovi termini e concetti, come flight shaming (che arriva dalla Svezia), l’espressione che vuole far luce sugli effetti delle emissioni degli aerei. I termini in questione tendono poi ad evolversi in molti modi e prendere sfumature diverse, come è stato per global warming: la parola si è trasformata progressivamente, nell’uso comune, in climate change e ora molti giornali si riferiscono al fenomeno con termini come climate emergency o climate crisis.

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta