Gli aquiloni che catturano il vento e producono energia pulita

L’idea è sostituire le attuali pale eoliche con aquiloni per catturare il vento aumentando l’efficienza energetica. Un progetto finanziato dalla Comunità Europea che presto potrebbe essere commercializzato portando un notevole abbassamento dei costi delle rinnovabili. Un'ala gonfiabile connessa a un generatore di terra da un cavo ad elevate prestazioni

0

In un futuro non troppo lontano produrre energia pulita e soprattutto rinnovabile in Europa potrebbe non costare molto, grazie a un progetto finanziato dalla comunità europea del piano Horizon 2020.

Kitepower-System-4

Gli aquiloni che catturano il vento e producono energia pulita, un’idea semplice quanto geniale. Sostituire le attuali pale eoliche con “aquiloni”, ovvero delle ali gonfiabili connesse a terra a un generatore a tamburo, tramite un cavo ad elevate prestazioni. In questo modo si abbatterebbero i costi di produzione, trasporto e funzionamento, aumentando al contempo la produzione energetica.

Dal 2017

Il sistema, già messo a punto e in fase di test dal 2017, è facile da utilizzare e richiede appena una giornata di apprendimento da parte degli operatori. Infatti è già stato finalizzato un primo sistema pilota in grado di produrre 100 kW, sufficienti per alimentare fino a 200 piccole abitazioni.

La soluzione inoltre si è rivelata relativamente silenziosa, visivamente discreta e abbastanza sicura anche per uccelli e pipistrelli. Nello sviluppo sono coinvolte diverse realtà industriali e accademiche francesi, tedesche e olandesi, con a capo l’Università di Delft .

Un aquilone volante utilizza il 10% del materiale necessario per una turbina eolica, come ha spiegato il ‎coordinatore del progetto, Roland Schmehl, della Delft University of Technology. “E poiché l’intero sistema si inserisce in un piccolo contenitore per il trasporto e il generatore è a terra, è più facile da installare e manutenere”. ‎

V5_40sqm-Valkenburg-5

Come funzionano?

Le ali dell’aquilone in sviluppo potranno salire fino a 500 metri di altezza, dove i venti sono molto più forti, per sfruttare in maniera efficiente tutte l’energia dei venti, diminuendo al contempo i costi e l’impatto ambientale rispetto alle attuali pale eoliche.

L’aquilone opera in “cicli di pompaggio”: in una prima fase infatti l’aquilone decolla, salendo fino alla massima altezza consentita, in veloci manovre trasversali alla direzione del vento. In questo modo tira con forza il cavo a cui è connesso azionando così un generatore a tamburo. Una volta giunto alla massima altezza, l’aquilone viene poi recuperato per essere quindi lanciato nuovamente. ‎

2019-08-29-Kitepower-25_40_60_sqm-by_Henri-Werij-min

Gli aquiloni e l’Impatto ambientale

Il lancio commerciale dovrebbe ormai essere all’orizzonte, inizialmente puntando soprattutto a servire le comunità più isolate e non connesse alla rete elettrica principale.
I ricercatori stanno ora raccogliendo ulteriori dati al fine di definire con più precisione l’impatto ambientale.

Nel frattempo ‎Schmehl (Kitepower) e due suoi colleghi, amministratori delegati rispettivamente di uno spin-off della Delft University e di un consorzio di cinque aziende partecipanti alla ricerca, hanno già depositato il brevetto della soluzione in Olanda, e avviato il processo per un brevetto europeo, puntando a essere pronti per il mercato entro la fine del 2020.‎

 

Foto: Kitepower

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta