Stemma, il magazine sulle Hoya, tra poco, il secondo numero

Stemma, il primo magazine ufficiale in Italia sulle splendide Hoya, piante di raro fascino, è cosa fatta. Il notiziario dell'Associazione Italiana Hoya è realtà. Tra poco, il secondo numero, tutto da sfogliare

0

Il primo magazine ufficiale in Italia sulle splendide Hoya, piante di raro fascino, è cosa fatta. Il notiziario dell’Associazione Italiana Hoya è realtà. Si chiama Stemma. Hanno saputo trasformare il loro sogno in una rivista sfogliabile specializzata e di settore i tre “visionari” che hanno saputo crederci fino in fondo: Giulia Campus, presidente dell’associazione, Rita Reale e Toti Bellavista. Tra poco, potremo sfogliare il secondo numero, ricco di argomenti interessanti e di curiosità tutte da scoprire.

HoyaStemma, il magazine sulle Hoya, è realtà
Stemma, il magazine sulle Hoya, è realtà

Il magazine, ricco di immagini e contributi “dotti”, con interviste e approfondimenti curati da chi conosce il mondo delle Hoya in maniera approfondita, da vero esperto di settore, è la sintesi di un lavoro attento e ricercato. Ce ne racconta le linee principali in questa intervista il presidente dell’Associazione Italiana Hoya, Giulia Campus che ha saputo crederci9 fino in fondo.

Giulia, cosa ha significato poter realizzare questo magazine?

Realizzare questa rivista, con le proprie mani e con l’aiuto delle due persone che mi affiancano, Rita e Toti , è un grande sogno che si concretizza, un grande traguardo per noi che lo abbiamo realizzato ma anche per tutti gli appassionati di Hoya che finalmente potranno sfogliare un manuale interamente in italiano.Tra mille difficoltà incontrate, la tenacia, la voglia e il grande amore che si ha per queste piante, ha reso possibile tutto questo.

Stemma

Gli argomenti principali trattati?

In questo primo numero si affronteranno argomenti vari. Ci sarà un ampio articolo dedicato all’Hoya imperialis, croce e delizia di tanti appassionati, approfondimenti su Hoya multiflora, aspetti di fitopatologia e l’intervista ad un grande personaggio come Torill Nhyuus, grande esperta e collezionista di Hoya.

Sul nostro notiziario, verranno sempre affrontate le specie, tematiche di coltivazione, problemi fitosanitari riscontrati nel genere, curiosità e interviste, insomma un giornale che parla di Hoya a 360 gradi.

Ogni quanto verrà stampato?

Il notiziario Stemma, il nostro organo di informazione all’interno dell’associazione, sarà un trimestrale e soprattutto sarà un cartaceo, per un totale di 40 pagine a colori.

Come viene distribuita?

Stemma verrà inviato a casa, ad ogni socio, in omaggio. L’adesione e quindi il tesseramento all’Associazione Italiana Hoya daranno il diritto ad ottenere la nostra rivista.

Quali altre iniziative con la vostra associazione?

Sicuramente le idee sono tante, il percorso sarà lungo, ci saranno tante attività da fare, come per esempio partecipare alle mostre, partecipare a convegni, organizzare incontri tra i soci. Punteremo tanto sulla divulgazione e la nascita di questo giornale non è un caso!

Cosa significa per te questo risultato?

Chi mi conosce da vicino sa quanto sia testarda, da buona sarda che sono. Nella vita serve anche questo, credere in qualcosa e far si che si realizzi. Devo dire che l’aver incontrato persone che hanno creduto in ciò che facevo mi ha aiutato a creare e a concretizzare, ciò in cui ho scommesso. Un grazie va a Rita e Toti due amici/soci sempre presenti, senza il loro supporto nulla sarebbe stato.

Stemma, il magazine sulle Hoya, è realtà

Abbiamo altre pubblicazioni in Italia come Stemma?

In Italia, a parte qualche opuscolo andato in stampa qualche anno fa, non c’è nulla che possa occuparsi in maniera approfondita di questo genere di piante tanto amato. Non vi sono testi in lingua italiana, né riviste che possano dedicarsi alla coltura delle Hoya.

Per questo motivo la nostra Associazione ha puntato molto sull’informazione e sulla divulgazione, perché le informazioni corrette possano arrivare da un ente che lavora, che si prepara, che raccoglie materiale e lo trasmette agli appassionati che saranno informati costantemente.

Parliamo del secondo numero che sarà pronto a breve?

Avremo tante novità e curiosità tra cui articoli dedicati a Hoya imbricata, Hoya pubicalyx e le sue cultivar, approfondimenti sulla morfologia delle Hoya, sui marciumi radicali e una lettura sul coltivatore. Non solo. Avremo anche una bella intervissta, particolarmente curata e attenta, ad un personaggio illustre ma non vogliamo svelare chi. Sarà davvero una bella sorpresa.

Cosa ti senti di dire ora che questo sogno si realizza?

L’unica risposta che continuo a pensare è il ringraziare tutte le persone che hanno sostenuto questo progetto, chi ci ha guidato per un lavoro professionalmente ottimo.

Ringraziamo te Daniele, per la tua grande disponibilità ed amicizia, Alessandra Amore per la tanta pazienza, Pina Medde e Filippo Bellavista per il supporto dietro le quinte, Torill Nyhuus per la generosità nel raccontarsi e tutti quelli che con grande stima ci seguono e ci incoraggiano in questo progetto associativo unico in Italia.

Aspettiamo allora il secondo numero di Stemma.

Informazioni

Per associarsi, avere tutte le informaazioni che desiderate e ricevere il secondo numero di Stemma potete scrivere via mail al seguente indirizzo:

Associazioneitalianahoya@gmail.com

https://www.facebook.com/GiuliaCampus74/

Lascia una risposta