La storica 1000 Miglia diventa Green

Dal 27 al 29 settembre, da Brescia a Milano, si potrà rivivere tutta l’emozione della leggendaria competizione automobilistica con una novità: la 1000 Miglia si fa green per vetture elettriche ed ibride. Un’occasione per sensibilizzare sui temi della mobilità e della sostenibilità, con un’enfasi particolare sulla filiera italiana dei settori dell’automotive e dell’energia

0

La storica 1000 Miglia diventa Green. Esiste una competizione motoristica italiana che più di tutte ha scritto la storia. Ci riferiamo alla 1000 Miglia, nata nel 1927 grazie all’intuito di due giovani rampolli della nobiltà bresciana, Aymo Maggi e Franco Mazzotti, coadiuvati da Giovanni Canestrini, redattore della “Gazzetta dello Sport”. Su strade non ancora asfaltate e per nulla sicure, i piloti attraversavano l’Italia settentrionale e centrale, arrivando da Brescia a Roma per un totale di 1600 chilometri, per l’appunto millemiglia.

Il pubblico, come testimoniato in molte pellicole cinematografiche, pensiamo ad “Amarcord” di Federico Fellini, attendeva con ansia ed emozione il passaggio di questi bolidi il cui percorso era segnato da semplici frecce rosse divenute nel corso del tempo il simbolo della gara. Era l’epoca dei gentlemen drivers, dove piloti professionisti, nobili ed imprenditori, condividevano la passione per la velocità.

Nel 1957 a causa del tragico incidente del pilota Alfonso Cabeza de Vaca, che costò la vita a 10 persone del pubblico, la manifestazione venne sospesa per riprendere nel 1982 con una diversa formula: non più corsa di velocità su strada, ma gara di regolarità per auto storiche.

Nasce la 1000 Miglia Green

Il 2019 segna un’altra tappa storica di questa leggendaria competizione. Nasce infatti la 1000 Miglia Green, la prima gara di regolarità riservata a vetture elettriche e ibride che andrà in scena, tra il 27 e il 29 settembre, da Brescia a Milano, concepita per mettere in luce la vocazione originale della 1000 Miglia di promuovere l’innovazione e il progresso della mobilità alla luce dei valori legati alla cultura e al territorio.

Dai rombi al silenzio dei motori

Dalla sua nascita, infatti, “la corsa più bella del mondo” esprime il senso positivo e profondo del progresso sociale e tecnologico, nella visione di un futuro che è sempre un’opportunità e lo rappresenta nel suo brand: una freccia rivolta al futuro. Ora con la 1000 Miglia Green, si raggiungono i temi della mobilità e della sostenibilità, con un’enfasi particolare sulla filiera italiana dei settori dell’automotive e dell’energia.

Le auto elettriche e le ibride prendono il posto dei capolavori dell’automobile costruiti dagli anni Venti agli anni Cinquanta, ma ai rombi dei motori che sfrecciavano tra città e paesi si sostituisce il silenzio sosenibile dei motori elettrici.

1000 Miglia Green: La scelta di Brescia e Milano

Al centro del progetto c’è Brescia, città di manifattura pesante che ha saputo convertirsi, investire e svilupparsi nella filiera dell’automotive. Il supporto di esperti della materia, sul modello di sviluppo delle smart cities, darà il via alle attività della manifestazione: al Green Talk di apertura sono attesi infatti gli interventi delle Istituzioni, delle Università, di Case Automobilistiche, Energy Provider e Partner.

Sarà protagonista anche Milano, capitale economica d’Italia, con una immersive experience nel futuro della mobilità alternativa, non solo esponendo prototipi, ma dando la possibilità alle persone di provare le vetture che stanno attuando tale cambiamento.

Le categorie di vetture

Con riguardo alla varietà di soluzioni tecnologiche in fase di produzione e sviluppo della mobilità sostenibile, la partecipazione è aperta alle seguenti categorie di vetture:

1) Elettriche fuel-cell

2) Elettriche (ev/bev)

3) Elettriche con range extender (erev)

4) Plug-in hybrid (phev)

5) Full/mild hybrid

6) Vetture storiche elettriche ed elettrificate prodotte fino al 1990 ed elettriche replica prodotte dal 1991, ma i cui caratteri estetici richiamino vetture di produzione antecedente.

Il programma della 1000 Miglia Green

Ecco il programma dettagliato della tre giorni:

Venerdì 27 settembre:

Ore 15:00 – Apertura Paddock “1000 Miglia Green” e presentazione vetture partecipanti a Brescia;

Ore 16:00 – Green Talk di apertura;

Ore 19:45 – Partenza 1° tappa su percorso cittadino con prove di regolarità nel centro storico di Brescia; cena e pernottamento concorrenti a Brescia.

Sabato 28 Settembre:

Ore 09:00 – Partenza da Brescia 2° tappa Brescia – Milano;

Ore 10:00 – Apertura 1000 Miglia Green Village di Milano;

Ore 12:00 – Buffet concorrenti presso il Lago di Como;

Ore 18:00 – Arrivo 2° tappa presso il 1000 Miglia Green Village di Milano; cena e pernottamento concorrenti.

Domenica 29 Settembre:

Ore 10:00 – Partenza da Milano 3° tappa Milano – Arese/Monza;

Ore 11:30 – Arrivo presso il Centro di Guida Sicura ACI-Vallelunga di Arese/Autodromo di Monza;

Ore 13:00 – Buffet conclusivo e cerimonia di premiazione.

Nella giornata di venerdì il 1000 Miglia Green Village Milano sarà aperto dalle 15.00 in Piazza Gae Aulenti e ospiterà stand espositivi di case partecipanti e partner, possibilità di fare test-drive e un’area intrattenimento dove si potrà seguire in diretta streaming la gara da Brescia.

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta