Merano Wine Festival: l’elegante salotto del wine e food

Parte oggi la 27°edizione del Merano Wine Festival, una delle manifestazioni più importanti del mondo del vino dedicato ad appassionati ed addetti ai lavori. Un calendario fitto di eventi e tante etichette in degustazione

0

Il Merano Wine Festival è una manifestazione internazionale nata nel 1992 con l’intento di essere un punto di incontro e di riflessione tra produttori, opinion leader, professionisti del settore e consumatori, un salotto dell’eccellenza enogastronomica che ospita più di 500 case vitivinicole tra le migliori in Italia e nel mondo, 200 artigiani del gusto e 15 chef tra i più importanti al mondo.

Una location raffinata ed elegante, il Kurhaus, un ambiente incantevole, costruito alla fine del XIX secolo, uno dei capolavori in stile liberty più famosi di tutta l’area alpina, che farà da scenario a questa cinque giorni durante i quali il vino non sarà l’unico protagonista ma l’ospite d’onore.

Il successo del Merano Wine Festival è dovuto al fatto di ospitare protagonisti ambasciatori di qualità, e portare alla kermesse solo il meglio del cibo e del vino. E se la qualità la fa padrone non manca un calendario ricco di eventi ed incontri.

Merano Wine Festival: l’elegante salotto del wine e food

Novità di quest’anno é The Circle, un programma di iniziative di intrattenimento in Piazza della Rena dedicati alle storie di uomini, di cibo, di vino e di territori. Un’attenzione particolare, in questa edizione, sarà dedicata al settore dei vini biologici, biodinamici, naturali, “orange” e PIWI (vitigni resistenti alle malattie), in crescita negli ultimi anni, con l’evento Naturae e Purae nelle prime due giornate, uno spazio dedicato ai concetti di naturalità e purezza nel mondo del vino. Protagonisti di Naturae e Purae il “Wild Cooking” con chef rinomati e “Biodinamica” dove si potrà degustare una selezione di vini biologici, biodinamici e PIWI.

All’interno delle Masterclasses avranno luogo, invece, una varietà di degustazioni guidate di eccellenze enologiche nazionali ed internazionali con lo scopo di creare cultura e sapere. Il ricavato sarà devoluto ad un’associazione di beneficenza. L’edizione di quest’anno vedrà anche un’importante tavola rotonda sul futuro del vino e sugli impatti del cambiamento climatico sulla vinificazione.

Merano Wine Festival: l’elegante salotto del wine e food

Il preoccupante tema sarà affrontato domani, sabato 10 novembre, da un parterre di esperti che si interrogherà insieme al climatologo Georg Kaser su come anticipare i tempi prima che sia troppo tardi in vista dell’aumento della temperatura che entro il 2050 caratterizzerà il futuro della viticoltura.

Da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori in Virginia, guidati dal climatologo Lee Hannah, le maggiori regioni vitivinicole come il Cile, la Toscana, la Borgogna e l’Australia, vedranno ridotte le loro aree coltivabili dal 25% al 73%, ciò porterà i viticoltori a spostare i vigneti in altri ecosistemi.

Tra gli altri appuntamenti, la degustazione guidata da Luca Gardini “Vini di mare, Vini di montagna”, i vini della “The official selection”, le eccellenze gastronomiche della “Gourmet area” e la nuova area “Spirits Experience Area” dedicata ai distillati, liquori, vermouth e amari.

Collocata nella graziosa Promenade, a due passi dal Kurhaus, nei giorni del Festival si alterneranno al suo interno cocktail bar, tasting e seminari tematici, per conoscere da vicino l’universo della mixology. Saranno protagonisti il whiskey, il distillato nobile; le origini del rum, alla scoperta della storia e cultura dei Caraibi; la liquoristica italiana, tra tradizione e innovazione ed infine il vermouth e i suoi segreti.

Il Merano Wine Festival si concluderà con una grande festa, la “Catwalk Champagne”, la sfilata di ben oltre 250 champagne di 50 aziende francesi tra le più famose. Un appuntamento unico, esclusivo ed emozionante. Il ricco programma del festival potrà essere consultato su www.meranowinefestival.com

Lascia una risposta