Tempo di magia, a spasso tra i mercatini di Natale

Natale tempo di mercatini, su e giù per lo Stivale se ne vedono davvero di belli. Sebbene la tradizione dei mercatini di Natale si deve ai paesi del Nord Europa, in Italia la prima regione ad abbracciare questa suggestiva tradizione è stata il Trentino

0

Da Bolzano a Bressanone, da Vipiteno alla Val Pusteria, in tante località è possibile respirare l’aria natalizia, atmosfera magica, prodotti tipici, artigianato sono gli ingredienti principali dei mercatini che ci permettono di ritornare ad essere bambini. E se al Trentino spetta il posto d’onore, eventi suggestivi che rievocano la magia del Natale, non mancano in nessuna regione italiana.

Green Planet News vi offre una piccola panoramica di quelli forse meno conosciuti ma capaci di regalare grandi emozioni. Partiamo dal Trentino ormai famosissima per i suoi mercatini di Bolzano, Bressanone, Merano, Vipiteno, Trento, solo per citare i più celebri, che meritano menzione non solo per l’atmosfera che regalano, per i profumi che si ritrovano, per le decorazioni, l’artigianato ed i prodotti tipici, ma anche per il loro essere “ecologici”.

I mercatini di Trento e Bressanone hanno dedicato un’attenzione particolare all’ambiente: dalla gestione dei rifiuti all’uso di energia prodotta da fonti rinnovabili. Dall’utilizzo di stoviglie compostabili alle buste per lo shopping, fatte di carta frutta ottenuta dal riciclo del tetrapak; dai cibi e bevande stagionali con ingredienti biologici ai trenini elettrici che faranno spostare i visitatori del mercatino.

Tempo di magia, a spasso tra i mercatini di Natale
Photo by Sabri Tuzcu on Unsplash

Non solo magia ma anche attenzione alla natura. Restando in Trentino ci spostiamo ad Ala, la città di Velluto. Il mercatino di Ala, ospitato nei palazzi barocchi, fonde i profumi di vin brulè e pasticceria tipica, alla preziosità dei tessuti: sete dipinte a mano e decorazioni di stoffa che si ispirano alla storia di questa città, famosa nel Settecento per la produzione di velluti di seta. Ala ha mantenuto ancora oggi l’atmosfera barocca dell’epoca.

Un elegante centro storico con palazzi di pregio che si aprono ai visitatori per accogliere spettacoli d’arte, musica e poesia. E proprio le stanze e gli androni di questi preziosi palazzi, ospiteranno il Mercatino e le manifestazioni a tema nei quattro weekend prima di Natale, con chiusura il 23 Dicembre. Per maggiori informazioni www.visitrovereto.it.

All’atmosfera dei mercatini, dei prodotti tipici e dei loro profumi, aggiungiamo la tradizione del presepe. Andiamo a Cesenatico ed abbandoniamo le atmosfere nordiche per un Natale diverso. Nel porto leonardesco della città si potrà ammirare il presepe galleggiante, l’unico al mondo, arrivato alla sua 32° edizione.

Tempo di magia, a spasso tra i mercatini di Natale

Cinquantadue statue d’autore saranno ospitate sulle antiche barche del museo della Marineria. Dalla prima domenica di dicembre sino all’Epifania, le barche della Sezione Galleggiante del Museo della Marineria diventano il palcoscenico del Presepe.

Nato nel 1986 con la statua di San Giacomo, patrono di Cesenatico, nel corso degli anni se ne sono aggiunte di nuove. Sculture a grandezza naturale. Il presepe non ospita solo la Sacra Famiglia ma anche personaggi comuni ritratti in scene di vita quotidiana.

Così insieme ai tradizionali pastori, si possono vedere chi salpa o rammenda le reti, chi conduce le imbarcazioni, chi vende il pesce; senza tralasciare particolari singolari come la presenza di un gruppo di delfini che si affacciano dall’acqua con curiosità.

Uno spettacolo di grande effetto grazie anche alle illuminazioni delle barche che si riflettono sull’acqua del canale. Per maggiori informazioni: www.presepemarineria.it. E siccome il presepe rappresenta più di ogni altra cosa lo spirito del Natale, vi portiamo anche a Greccio, nelle colline reatine.

Questo piccolo borgo medioevale, conosciuto per la presenza di San Francesco, ospita la rappresentazione del primo presepe vivente. Presso il Santuario Francescano di Greccio la manifestazione rievoca storicamente l’evento che portò San Francesco, con l’aiuto di Giovanni Velita e il popolo di Greccio a rappresentare la Natività.

La Rievocazione Storica del Presepe di Greccio del 1223 vede la partecipazione di personaggi in costumi medievali ed è realizzata in sei quadri viventi. Oltre alla rappresentazione del Presepe, a Greggio si può ammirare il Santuario del Presepe, il luogo nel quale San Francesco, nella notte del Natale del 1223 rappresentò con personaggi viventi la natività.

A Greggio si respira la vera tradizione del Natale, oltre al presepe vivente, ad accogliervi colori, luci, sapori e musica: artigianato da una parte e arte presepiale dall’altra. Per dettagli e per conoscere il programma del periodo natalizio: www.presepedigreccio.it

Ma la magia del Natale è fatta anche di luci e se queste si trasformano in opere d’arte, lo spettacolo è assicurato. Andiamo a Salerno dove sino al 20 Gennaio 2019 torna “Luci d’Artista”. Luminarie spettacolari, vere e proprie opere d’arte che illumineranno ogni angolo della città.

Tempo di magia, a spasso tra i mercatini di Natale
Foto del Comune di Salerno, realizzata da Massimo Pica

Quest’anno lo spettacolo di luci è dedicato alla Costiera, si potranno ammirare acquari e pergolati di limoni. Lo spettacolo delle luci sarà arricchito da concerti nei vicoli della città e dai mercatini tradizionali. Per un’anteprima virtuale dello spettacolo delle luci: www.lucidartistasalerno.it

Lascia una risposta