Attività commerciali, tutti pronti per la riapertura?

Negozianti e commercianti: come prepararsi in queste settimane alla riapertura delle attività commerciali e cercare di buttarsi alle spalle questo brutto periodo il prima possibile

0

Riapertura delle attività commerciali, “ritorno al futuro” o alla normalità? Chiamatela come volete ma qui bisogna rimettere in moto il paese altrimenti per non morire di covid, moriremo di fame. Una considerazione che appare banale, che certo non vuole incitare alla rivoluzione dell’andarsene a zonzo ma semplicemente dire al governo di proseguire sulla strada presa.

Non solo perché i 400 miliardi stanziati, definiti da Conte “una potenza di fuoco”, possono rappresentare un segno concreto ma perché serve tanto altro ancora per supportare imprese, lavoratori, aziende, commercianti, artigiani. Che una volta ottenuto il prestito, non vanno lasciati soli. Altrimenti la sovvenzione a poco serve.

Riapertura si o riapertura no, insomma, un dato è certo. Bisogna prepararsi tutti a convivere con l’emergenza sanitaria. Inutile fare finta di niente. Il coronavirus, picchi, non picchi, vaccini e bollettini, al momento è tra noi e e prima di poter dire “abbiamo vinto” servirà ancora tempo. “Pathos delle distanze”, mascherine, negozi da frequentare coi “doppi turni”  saranno la realtà della riapertura. La quarantena obbligatoria ha messo in crisi l’intero sistema del commercio che, a causa delle ordinanze nazionali, ha visto botteghe, negozi, bar e punti vendita chiudere fino a data da destinarsi.

Ma in questo momento, oltre ad attendere che arrivi al più presto la notizia del “ritorno alla normalità”, portando alla riapertura dei locali commerciali, gli imprenditori stanno riorganizzando la loro struttura di business anche grazie all’utilizzo del digitale che in questi giorni dimostra tutta la sua forza sotto molti aspetti.

Riapertura: sette consigli per riportare le persone dall’online al punto vendita, dopo l’emergenza

Sono tante le attività che si possono implementare e progettare in queste settimane per farsi trovare preparati alla riapertura, pronti per accogliere di nuovo i clienti all’interno delle proprie strutture.  Xtribe, la startup italiana che ha creato un geomarketplace disponibile tramite app per comprare, vendere e barattare prodotti e servizi, ha stilato una lista di 7 passi da seguire per prepararsi a riportare i clienti dal virtuale al reale.

  •  Progettare una strategia commerciale che sia in grado di comprendere le aspettative dei clienti “post riapertura”. Chiedersi “Come posso migliorare l’esperienza d’acquisto di chi entra nel mio negozio?”, “Come avviene il processo di vendita? Come posso migliorarlo?”, “Quali nuovi strumenti si possono adottare per l’assistenza al cliente?” sono domande essenziali da cui partire.
  • Comunicare su più canali la propria offerta commerciale può essere la mossa giusta per ampliare le proprie possibilità di vendita. In questo momento, ricordare – anche attraverso gli strumenti online – ai clienti e potenziali tali quali sono i valori, i vantaggi e i gli elementi di forza di un punto vendita fisico può essere utile per prepararsi al post emergenza.
  • Utilizzare i canali digitali per creare aspettativa per la riapertura offline: utilizzare i canali online per creare attesa nei confronti della riapertura e per comunicare in modo costante con i propri clienti può essere un’azione efficace da mettere in campo, soprattutto in questo periodo di chiusura forzata.

Attività commerciali, tutti pronti per la riapertura?

  • Scegliere una piattaforma in cui costruire il proprio profilo per quando ci sarà la riapertura dell’attività: uno degli strumenti possibili è rappresentato proprio dalle piattaforme come Xtribe. Si tratta, nello specifico, di un geomarketplace che permette ai commercianti di iscriversi e iniziare a proporre e vendere i propri prodotti attraverso un’app dotata di una chat che permette di incrementare le occasioni di vendita. L’obiettivo di Xtribe è riuscire a portare i clienti e potenziali tali dall’online all’offline, facendo in modo di ridare valore a tutte quelle attività locali che meritano attenzione e che mettono il cliente al centro, focalizzandosi sulla cura dei dettagli.
  • Focalizzarsi sulla scrittura e sulla descrizione della propria attività e dei propri prodotti o servizi: saper scrivere la propria descrizione e presentazione in modo efficace su tutti i canali digitali selezionati è il miglior modo per ottimizzare il proprio vantaggio competitivo poiché, più chiaro e in linea con il proprio contesto è il messaggio, maggiori saranno le possibilità di aumentare la propria clientela.
  • Creare di un minisito: è con un minisito che si ha la possibilità di mostrare tutta la propria offerta commerciale, fornendo in modo chiaro i dettagli di ogni prodotto e avendo la possibilità di essere in costante contatto con i propri clienti grazie ad una chat, come permette l’app Xtribe. Iniziare a progettare questo strumento in questo periodo, per essere pronti ad utilizzarlo in fase di riapertura dell’attività al pubblico, può essere un passo molto importante.
  • Preparare delle promozioni speciali o un’iniziativa dedicata per la riapertura e comunicare queste azioni ai clienti: in vista della riapertura si possono studiare e creare in queste settimane delle promozioni ad hoc, riservate ai propri clienti, per fidelizzarli maggiormente una volta che si potrà tornare alla normale vita lavorativa. I clienti si saranno affidati all’online in queste settimane, ma è importante ricordare loro perché i punti vendita fisici hanno un valore aggiunto.

Leggi anche:

Dal tessile alle mascherine, la storia di Noctis;

Toscanini: un’azienda sostenibile e circolare;

Restate a casa o estate a casa? Ora si comincia a parlare di tempi.

 

 

 

 

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta