Tessuti ecosostenibili, di che si tratta realmente?

Il rispetto del Pianeta passa anche attraverso una scelta consapevole dei nostri acquisti. E' la sfida del futuro, utilizzare sempre di più materiali che non impattino negativamente sul nostro eco-sistema

0

Verso la moda ecosostenibile, etica, ambiente nel rispetto del lavoro delle persone e dei diritti degli animali. Attualmente l’industria del tessile e dell’abbigliamento ha un ruolo cruciale a livello ambientale perché, oltre a essere uno dei principali consumatori di acqua a livello globale, incide per circa un decimo sul totale delle emissioni di gas serra presenti nell’atmosfera. È diventata fondamentale la scelta dei tessuti ecologici per ridurre l’inquinamento provocato dall’industria della moda.

Tessuti naturali ecosostenibili

Cotone, lino, juta, canapa, agave, kapok, ramié, cocco, ananas, ginestra, lana e seta rientrano nella cerchia dei tessuti derivati da fonti rinnovabili come anche l’acetato, il triacetato e la viscosa che vengono prodotti artificialmente partendo dalla cellulosa degli alberi o dagli scarti di altre filiere produttive.

Tessuti ecosostenibili, di che si tratta realmente?

Il cashmere ha molte caratteristiche ecologiche infatti è un materiale, naturale, biologico, è biodegradabile, è una materia prima naturale, non contiene OGM, l’estrazione è meccanica, non necessita sostanze tossiche né per l’estrazione ne per la lavorazione.

Il bambù è un materiale adatto per la moda ecosostenibile nonostante sia un tessuto artificiale, ma non contiene OGM, è biodegradabile, non utilizza sostanze tossiche durante l’estrazione e la lavorazione del tessuto.

Il tencel, chiamato anche Lyocell, è un materiale scoperto di recente che si ottiene dagli alberi di eucalipto dai quali viene presa la polpa di legno, e ciò rende la fibra cellulosa artificiale più compatibile dal punto di vista ambientale.

Tessuti sintetici non ecosostenibili

Questa categoria comprende tutte le fibre sintetiche più utilizzate nell’industria dell’abbigliamento e sono: il nylon, utilizzato principalmente nella calzetteria e nell’intimo femminile grazie alla sua elasticità, il poliestere, l’acrilico e l’elastam, meglio conosciuto con il nome di lycra. Sono tutti tessuti ad alto rischio di dispersione di sostanze chimiche pericolose e con un bassissimo tasso di biodegradabilità. Quanti di noi hanno dovuto scegliere almeno una volta nella vita tra capi in cuoio, pelle, similpelle o ecopelle ?

Facciamo un pò di chiarezza

Il cuoio e la pelle sono disciplinati dalla legge 1112/66 e riservati esclusivamente a prodotti ottenuti dal processo di concia di spoglie animali. La similpelle (o pelle sintetica) è un materiale di derivazione industriale. Può essere un prodotto totalmente di sintesi oppure può anche trattarsi di un tessuto sul quale è stato “spalmato” un materiale sintetico e plastico come il poliuretano (è questo il caso della denominazione pelle sintetica in PU). È un tessuto impermeabile e richiede sicuramente meno cure e manutenzione

Molti pensano che l’ecopelle sia un sostituto della pelle ma non è esattamente così. L’ecopelle è infatti una pelle vera e propria, quindi di origine animale ma trattata con il processo di concia “al vegetale”, un trattamento della pelle a base di acqua, zolfo e calcio, seguito da un bagno in acqua ed estratti di mimosa, e da uno di acqua e coloranti di origine naturale. La tintura, lo smaltimento avvengono seguendo dei protocolli che prevedono un impatto ambientale ridotto nella tutela dei lavoratori e del consumatore.

Tessuti ecosostenibili, di che si tratta realmente?

Quali sono le certificazioni per un prodotto ecosostenibile?

Certificazione Gots, Global organic textile standard

La Global organic textile standard(Gots) è leader mondiale nella definizione dei criteri ambientali e sociali che devono guidare la produzione e la lavorazione delle fibre organiche, dalla raccolta all’etichettatura del prodotto finito. Sviluppata da una serie di organizzazioni operanti nell’agricoltura biologica, la Gots controlla ogni minimo anello della filiera tessile con l’intento di verificare la totale assenza di sostanze chimiche non conformi ai requisiti base sulla tossicità e sulla biodegradibilità.

Certificazione Ocs, organic content standard

Promosso dall’associazione Textile exchange, che si occupa di individuare e condividere realtà meritevoli all’interno dell’industria tessile e dell’abbigliamento, il certificato Organic content standard (Ocs) è una garanzia per i consumatori che intendono acquistare capi fatti con materie prime di natura organica. Si tratta di una validazione del contenuto dichiarato dalle aziende di moda produttrici in merito alla provenienza delle fibre naturali da agricoltura biologica e alla loro tracciabilità lungo tutto il processo produttivo.

Certificazione Grs, Global recycle standard

Global recycle standard (Grs) è una certificazione che viene applicata non solo ai prodotti ma anche alle aziende produttrici che utilizzano materiali riciclati all’interno delle loro creazioni. Il certificato, sviluppato dall’ente Textile exchange e gestito in Italia da Icea (Istituto per la certificazione etica e ambientale), ha infatti il compito di dimostrare che i materiali dichiarati cento per cento riciclati siano stati effettivamente ottenuti da scarti lavorati attraverso processi ecologici.

Certificazione Fsc, Forest stewardship council

Specifico per il settore forestale e per i prodotti derivati dalle foreste, legnosi e non, il certificato rilasciato dal Forest stewardship council (Fsc) attesta che la materia prima impiegata nel capo d’abbigliamento proviene da foreste gestite in maniera responsabile nel totale rispetto dei lavoratori, degli abitanti e del territorio.

Quali sono gli obiettivi della Certificazione

Promuovere la qualità di prodotti tessili e di capi di abbigliamento ottenuti nella salvaguardia dell’ambiente e della tutela della salute e sicurezza dei lavoratori e degli utilizzatori finali;

diffondere informazioni trasparenti sulle caratteristiche dei prodotti tessili ecologici;

favorire presso operatori del settore e consumatori la scelta di prodotti che siano rispettosi dell’uomo e dell’ambiente.

E il riciclo?

Il riciclo è uno dei punti chiave del settore. Per una riduzione minima degli scarti, nella moda ecosostenibile si cerca di riutilizzare tutto il possibile e di buttare via solo lo stretto necessario. Dal riciclo dei materiali che provengono dalla raccolta di abiti dismessi, da oggetti post-consumo appartenenti ad altri settori industriali o da scarti ed eccedenze prodotti nei diversi stadi della filiera. Dal riciclo della plastica per ottenere dei materiali innovativi, dei filati morbidi come la seta e ignifughi. Il riciclaggio della plastica ha un basso impatto ambientale in termini di acqua e di anidride carbonica.

2030 nell’ Agenda dell’ Onu

Come chiede l’Onu nell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, bisogna costruire nuovi sistemi di produzione a minore impatto ambientale.

Oggi una maglietta richiede, in media, 2.700 litri d’acqua per essere prodotta, genera elevate emissioni di CO2 e utilizza soprattutto fibre e coloranti di sintesi. Di fronte a questo, considerato che la produzione mondiale di indumenti è destinata a crescere del 63% entro il 2030, le potenzialità di una filiera del tessile ecologicamente orientata sono enormi, fino a rappresentare il 20% del fatturato del settore in Italia (4,2 miliardi). D’altra parte, già ora il 55% degli italiani è disposto a pagare di più per capi di abbigliamento ecofriendly realizzati con eco-tessuti.

Ecofriendly

La rivoluzione eco-friendly si chiama bio-fabbricazione, cioè lo sviluppo di prodotti realizzati esclusivamente con materiali organici e quindi biodegradabili al 100%.

Parlando di tinture naturali “green” ed eco-tessuti

Sono tanti i vantaggi delle tinture naturali, collegate all’uso di fibre vegetali e animali (dalla lana alla seta, dal lino alla canapa). Si va incontro alle esigenze di una quota crescente di popolazione che avverte problemi di dermatiti allergiche da contatto dovute ai coloranti sintetici.

Che fare?

Colorare vestiti e accessori utilizzando tinte 100% naturali realizzate con gli scarti agricoli. Creare tessuti partendo dalle foglie del carciofo bianco, dalle tuniche delle cipolle ramate, dalle scorze del melograno fino ai ricci del castagno, passando dai residui di potatura del ciliegio e dell’ulivo. Crediamo nel futuro della moda ecososenibile ed etica che fa bene all’ambiente ed ai lavoratori.

Come è possibile?

Con la scelta delle fibre tessili vegetali come il cotone, coltivate biologicamente, o in maniera naturale come la canapa ed il bamboo ed altre, con l’utilizzo dei i colori di origine vegetale o minerale, con l’ottimizzazione dei processi produttivi per evitare inutili sprechi di acqua ed energia e cercando di ridurre i trasporti delle merci soprattutto su ruota o aerei.

Foto: Pixabay

Caro lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta