Biogas dagli scarti dei rifiuti organici, un brevetto italiano

Il macchinario si chiama P.A.S.S. ed è stato creato dalla Palmieri Group a Gaggio Montano nel bolognese. È un impianto che separa rifiuti organici dalla plastica e produce biogas. Un singolo macchinario che fa il lavoro di cinque

0

Arriva da Gaggio nel bolognese e si chiama P.A.S.S. (Palmieri Advance Splitting System) il brevetto della Palmieri Group, azienda tra i leader mondiali nelle macchine da riciclaggio. È un impianto che separa rifiuti organici dalla plastica e li trasforma in biogas.

Biogas, parliamo di un progetto avveniristico per il settore della raccolta differenziata. L’obiettivo primario del macchinario, lungo 10 metri e alto 3, della Palmieri Group è quello di spremere una parte del prodotto che, una volta immesso nei biodigestori, sarà in grado di produrre biogas. Un singolo macchinario che lavora per cinque.

Biogas, come trattare e trasformare i rifiuti organici

Il marchio Palmieri Group con P.A.S.S., dopo 20 anni di presenza nel settore del riciclaggio, affronta una nuova sfida: entrare nel settore delle energie rinnovabili.

P.A.S.S. è un sistema dotato di avanzata tecnologia composto da vari moduli come pretriturazione, spremitura e deferrizzatore, un modulo che si può inserire fra le due fasi iniziali per eliminare ferro e manganese.

Il procedimento è semplice: viene caricata dall’alto, tramite appositi sistemi di carico, il rifiuto entra in una zona di pretriturazione e, a caduta, passa in una vasca per la spremitura.  Vengono separati i rifiuti plastici e ferrosi fino a spremere la parte molle che, immessa nei biodigestori, è pronta ad essere  utilizzata per produrre biogas. Parliamo di una resa di circa 15 tonnellate l’ora.

Un macchinario è già in funzione a Pavia, un altro è pronto per partire per la Croazia. Un progetto importante per la gestione e trasformazione dei rifiuti organici. Una raccolta differenziata che crea biogas, una delle fonti alternative maggiormente utilizzate per la produzione di energia rinnovabile. Un primo passo verso un futuro ecosostenibile.

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta