Energy Way e il potere dei dati per risparmiare energia

Siamo andati a Modena ed abbiamo verificato sul campo la validità e l’innovazione del percorso educativo #alloraSpengo di Energy Way. I ragazzi delle scuole medie imparano a programmare dispositivi hardware open source e ad utilizzare fondamenti di coding e di analisi dei dati per risparmiare energia e condividere buone pratiche di sostenibilità a scuola.

0

Energy Way è un’azienda di Data Science giovane e dinamica formata da matematici, ingegneri ed esperti in Intelligenza Artificiale. Fondata 4 anni fa a Modena, nella creative valley italiana, offre modelli matematici innovativi al servizio dell’efficienza e della sostenibilità delle imprese. In sostanza si trasformano i numeri in conoscenza per fornire alle aziende soluzioni efficienti, ottimizzando le risorse disponibili a vantaggio delle persone, delle organizzazioni e del pianeta.

Energy Way e il potere dei dati per risparmiare energia

Noi di Green Planet News siamo andati ad incontrarli in occasione del media briefing dedicato al progetto #alloraSpengo, ideato da Energy Way e lanciato nel 2016 con il plauso dell’allora Ministro dell’Ambiente Galletti, della Regione Emilia Romagna, del Sole 24 Ore e di Forbes. Un’occasione per verificare di persona le potenzialità dell’iniziativa e soprattutto scoprire un approccio al risparmio energetico e alla sostenibilità assolutamente innovativo.

#alloraSpengo, al quale abbiamo già dedicato un nostro articolo e del quale si è conclusa con successo la fase pilota, ha visto il coinvolgimento di 7 scuole medie, ed ha insegnato ai ragazzi a risparmiare energia, spiegando come le ricadute economiche possano contribuire ad una crescita dei livelli formativi. Gli studenti apprendono nozioni indispensabili relativamente alle nuove tecnologie, imparano a programmare dispositivi hardware open source e ad utilizzare fondamenti di coding e di analisi dei dati, applicando le conoscenze acquisite ad un caso pratico di gestione dei consumi energetici delle scuole stesse.

Tra i partecipanti all’evento anche il dirigente scolastico dell’ I.C. Pertini di Reggio Emilia, Daniele Cottafavi, tra i primi a credere nel progetto #alloraSpengo e ad introdurlo presso l’ istituto da lui coordinato.

Per la scuola secondaria di primo grado “Mattarella”, la professoressa di tecnologia Maria Beatrice Abbati ha accompagnato tre studenti di terza media che hanno partecipato al progetto di coding organizzato durante la mattinata.

Durante l’incontro stampa giornalisti e presenti hanno partecipato al workshop tenuto da Pietro Monari, responsabile dei progetti Education di Energy Way, potendo toccare con mano l’approccio data-driven e ripercorrendo le attività svolte in classe dagli studenti.

E’ stato spiegato come leggere una bolletta, quali dati è importante verificare, ma soprattutto sono stati creati dei circuiti di monitoraggio per caricare e visualizzare i dati all’interno del portale open TheArtOfData, lo stesso portale usato dai ragazzi per monitorare i loro consumi di energia a scuola. Tra cavetti, schede e computer abbiamo verificato quanto può essere interessante e coinvolgente per gli studenti, e non solo, confrontarsi con un approccio scientifico al tema del risparmio energetico.

Energy Way e il potere dei dati per risparmiare energia
Energy Way e il potere dei dati per risparmiare energia

Giovanni Anceschi, COO di Energy Way ed ideatore di #alloraSpengo, è intervenuto presentando il progetto ed i suoi tratti distintivi: “le tecnologie Open Source, impiegate in #alloraSpengo, permettono ai ragazzi di condividere le conoscenze digitali acquisite durante il percorso anche al di fuori della propria classe, diffondendo i valori di sostenibilità. Inoltre, il progetto favorisce negli studenti lo sviluppo di alcune delle 8 Competenze Chiave espresse dall’UE: competenze digitali; competenze personali, sociali e di apprendimento; competenze civiche; competenze di sensibilizzazione ed espressione culturale”.

Pietro Monari è responsabile dei progetti Education di Energy Way

L’obiettivo è quello, come sottolineato da Fabio Ferrari, CEO e fondatore di Energy Way di “diffondere il progetto presso le scuole di tutto il territorio nazionale, grazie all’appoggio sempre più numeroso di aziende e organizzazioni che sostengono l’iniziativa”. Le scuole coinvolte sino ad ora appartengono tutte alle province di Modena e Reggio Emilia, ma la volontà è quella di uscire dai confini regionali. Ad esempio, in Toscana, presso l’I.C. G. Carducci di Arcidosso Sul Monte Amiata, in provincia di Grosseto, si è avviata una prima sperimentazione dove è stato presentato il progetto che probabilmente partirà a breve.

Energy Way e il potere dei dati per risparmiare energia

Per un video illustrativo del progetto: #alloraSpengo

Lascia una risposta