Saturdays for Future, la campagna per il consumo responsabile

Sabato 30 novembre torna, per la seconda volta, il Saturdays for Future in tutta Italia. Dopo il successo della prima edizione

0

Sabato 30 novembre torna in Italia, per la seconda volta, il Saturday for Future, una giornata dedicata all’impegno per la produzione e il consumo responsabili. Con quali obiettivi? ridurre al minimo i rifiuti, riciclare e scegliere in modo responsabile i prodotti che acquistiamo.

Un contributo per realizzare l’obiettivo 12 dello Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030, sottoscritta nel 2015 da 193 Paesi dell’Onu, inclusa l’Italia.

Obiettivo 12: Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo
  • Lo sviluppo e la crescita economica richiedono la produzione di beni e servizi che migliorino la qualità della vita. Lo sviluppo sostenibile richiede di minimizzare l’impiego di risorse naturali, i materiali tossici usati, i rifiuti e gli inquinanti generati lungo l’intero processo di produzione e di consumo.
  • Un argomento che verrà approfondito la prossima settimana nell’articolo “Agenda 2030, gli obiettivi Economici dello Sviluppo Sostenibile”.

Dal Fridays al Saturday for Future

L’idea dei Saturdays for Future è stata lanciata dal portavoce dell’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile (Asvis) Enrico Giovannini e dal presidente del comitato scientifico di NeXt  Leonardo Becchetti sull’onda della mobilitazione globale sul clima, Fridays for Future.

Produttori, distributori e consumatori hanno accolto la proposta e realizzeranno iniziative in tutta Italia. Con l’aiuto di Responsabilità Sociale RAI attraverso una capillare promozione sui social in pochi giorni hanno raggiunto milioni di persone.

Asvis – Saturdays For Future
L’ASviS invita tutte e tutti, compresi i media, a lavorare insieme per i Saturdays for Future e si rivolge in particolare:
  • alle consumatrici e i consumatori, soprattutto i giovani desiderosi di partecipare alla creazione di un modello sostenibile di sviluppo;
  • alle oltre 230 organizzazioni aderenti all’ASviS che vogliono contribuire al cambiamento di modelli di produzione e di consumo e renderli coerenti con uno sviluppo sostenibile;
  • ai docenti che vogliono utilizzare i Saturdays for Future per una formazione “attiva” sui modelli di produzione e consumo responsabile;
  • alle associazioni di consumatori che vogliono passare dalla “tutela ex post” dei consumatori alla tutela “ex ante”, promuovendo la nuova figura del consum-attore;
  • alle associazioni imprenditoriali e i sindacati che vogliono coinvolgere i loro iscritti per realizzare iniziative volte alla promozione di modelli di produzione e consumo responsabili;
  • alle imprese produttrici di beni e servizi che intendono rendere più sostenibili i processi produttivi e migliorare la trasparenza delle informazioni rivolte ai consumatori;
  • alle imprese della Grande distribuzione organizzata (Gdo) e le Botteghe del commercio equo e solidale che vogliono valorizzare le buone pratiche di sostenibilità nei confronti dei loro clienti;
  • ai media che vogliono sensibilizzare il grande pubblico attraverso la comunicazione sul consumo responsabile e lo sviluppo sostenibile.

Saturdays for Future, come partecipare

  • Sul sito internet ufficiale della manifestazione è possibile informarsi, ma anche interagire con altre persone interessate alle tematiche affrontate.
  • È possibile proporre eventi ed iniziative specifiche da organizzare su tutto il territorio nazionale, ma anche partecipare al dibattito e prepararsi attivamente alla manifestazione del 30 novembre.

Dall’economia lineare all’economia circolare

  • Il concetto di economia circolare risponde al desiderio di crescita sostenibile, nel quadro della pressione crescente a cui produzione e consumi sottopongono le risorse mondiali e l’ambiente. Finora l’economia ha funzionato con un modello “produzione-consumo-smaltimento”, modello lineare dove ogni prodotto è inesorabilmente destinato ad arrivare a “fine vita”. (come riportato da: Publications Office of the EU)

Il Circular Economy Network (CEN) è un progetto che si propone, sulla spinta della strategia europee, di stimolare nel nostro Paese uno sviluppo dell’economia circolare capace di sostenere le sfide climatiche, ecologiche e sociali proposte dalla green economy, accrescendo al tempo stesso la competitività delle nostre imprese sui mercati internazionali. (da il rapporto sull’economia circolare in Italia 2019 a cura del Circular Economy Network ed Enea).

Fonte: Asvis
Per tutte le informazioni sugli eventi in programma: https://saturdaysforfuture.it/

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta