A raccogliere frutta tra le vie di Parma: buona, sana e solidale

Sabato 8 e domenica 9 dicembre alcune vie di Parma chiamano i cittadini alla raccolta dei cachi prodotti dagli alberi di città. E’ la Festa del Raccolto Urbano, giunta alla terza edizione, che vuole ribadire l’importanza del verde cittadino e riscoprire il valore dell'accesso diretto al cibo, la capacità di organizzarsi ed equipaggiarsi alla raccolta e la voglia di festeggiare ciò che la natura produce.

0

A raccogliere frutta tra le vie di Parma: buona, sana e solidale. Nel 2016 a Parma si dà vita alla prima Festa del Raccolto Urbano. L’origine si deve alle numerosissime richieste pervenute da parte di associazioni e cittadini (Fruttorti di Parma in primis) di preservare e valorizzare il bellissimo patrimonio storico, culturale, naturale e produttivo rappresentato dalle alberature frutticole presenti nell’area urbana di Parma, in particolare quelle degli alberi di cachi.

Una risposta ed una valida alternativa a chi, tra gli amministratori comunali, aveva ipotizzato il taglio degli alberi, messi a dimora dal comune addirittura nel lontano 1962. Un’occasione per ribadire l’importanza del verde urbano, ovviamente curato e manutenuto, fonte di sostentamento, ossigeno, ombra, bellezza e contrasto all’inquinamento e al riscaldamento globale per i cittadini, ma allo stesso tempo una risorsa per gli animali, come gli uccelli, che riescono a sopravvivere tra il cemento proprio grazie a queste piccole e insospettate oasi di cibo e rifugi. Senza trascurare l’aspetto semplicemente estetico, con le vie che si colorano dell’arancio brillante dei frutti.

Così il 10 e 11 Dicembre 2016 decine di cittadini hanno partecipato alla Prima Festa del Raccolto Urbano, che ha visto cogliere e donare quasi due tonnellate di cachi.

A raccogliere frutta tra le vie di Parma: buona, sana e solidale (Foto Fruttorti Parma)

Il prossimo weekend, sabato 8 e domenica 9 dicembre, si festeggia la terza edizione della Festa del Raccolto Urbano, ribadendo la volontà di celebrare il patrimonio naturale, culturale e produttivo rappresentato dalle alberature frutticole presenti nell’area urbana di Parma. Si tratta, in questa stagione, di 142 alberi di cachi dislocati in 7 vie cittadine.

Sabato 8 Dicembre dalle 9:30-16:30: Festa in Via Cremona con raccolta dei cachi in Via Cremona e vie limitrofe (Barili, Boccaccio e Baratta), ristoro, mostra fotografica.
Domenica 9 Dicembre 9:30-13:30: Raccolta in Via Cocconcelli, Via Marchesi e Via Salmi

A raccogliere frutta tra le vie di Parma: buona, sana e solidale (Foto Fruttorti Parma)

Un’occasione di incontro e socializzazione tra i cittadini e le diverse associazioni che prendono parte all’iniziativa. Un evento festoso, senza limiti di età. Chi partecipa potrà munirsi di aste raccogli frutta e ceste. I cachi, che si stima saranno oltre due tonnellate di frutti in totale, saranno distribuiti ai cittadini che prenderanno parte all’iniziativa e donati ai banchi alimentari aderenti all’iniziativa.

Un’altra falsa credenza che questa festa è capace di sfatare è che la frutta urbana sia altamente inquinata. Le autorità sanitarie locali, esperti del settore e la letteratura scientifica in materia avevano informato che sebbene l’aria delle nostre città sia inquinata le piante da frutta (a differenza degli ortaggi a foglia) non assorbono gli inquinanti urbani né via assorbimento radicale né attraverso la buccia. A volte la frutta cresciuta in città risulta avere minori residui di inquinanti di quella reperibile nei supermercati in quanto non è stata trattata con pesticidi, stoccata, trasportata ed imballata in materiali potenzialmente inquinanti.

Nel 2017, a conclusione del raccolto, i cachi sono stati analizzati da un laboratorio certificato, risultando privi di inquinanti e pienamente a norma di legge.

Per maggiori informazioni scrivere a perparmacittaverde@gmail.com e visitare il sito

Per un video della manifestazione QUI

A raccogliere frutta tra le vie di Parma: buona, sana e solidale (Foto Fruttorti Parma)

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta