domenica, Giugno 20, 2021
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeAltroCulturaAndare in motocicletta, una visione del mondo

Andare in motocicletta, una visione del mondo

Mercoledì 3 aprile, alla Fondazione Sozzani di Milano (corso Como 10, ore 19) Maria Nadotti insieme a Benedetta Marietti e Michele Lupi presenteranno il volume Sulla Motocicletta (Neri Pozza, pagine 160, euro 12,50) di John Berger  noto in tutto il mondo come critico d’arte, poeta, narratore, sceneggiatore cinematografico, autore teatrale e disegnatore

“Guidare una motocicletta non ha niente a che fare con la velocità. È un’esperienza intensissima di libertà psichica e fisica”. Nel 2002, in un’intervista a una stazione radio di Los Angeles, John Berger descrive così la sua passione per la motocicletta, sorta durante il servizio militare nell’esercito britannico – lo destinarono al compito di “staffetta”, di addetto al recapito di messaggi – e mai più abbandonata, tanto che, ad Antony, alle porte di Parigi, lo si vede, quasi novantenne, dare lezioni di guida alla figlia sedicenne dell’amica Tilda Swinton.

Guidare una moto, per Berger e la sua Honda “Blackbird”,  è “un’esperienza intensissima di libertà psichica e fisica» poiché è un’arte che «differisce da ogni altro tipo di guida”.

Andare in motocicletta, “un’arte spinoziana”

Solcare le ali del vento a bordo di una moto è un’arte “spinoziana” – come scrive Andy Merrifield in questo volume, ricordando come Spinoza impregni ogni gesto reale e di pensiero di Berger – perché “interessa l’intero corpo e il suo istintivo senso dell’equilibrio”.

Come riportato oggi dal Corriere della Sera in un articolo firmato da Gianluigi Collin: “Berger ha disegnato e scritto molto sul tema della moto, ma in modo non organizzato. In un suo libro, Il taccuino di Bento (dedicato al filosofo Spinoza), dà corpo con le parole alle sue passioni: ‘Per anni sono stato affascinato da un certo parallelismo tra l’atto di pilotare una moto e l’atto del disegnare. È un parallelo che mi affascina, perché può rivelare un segreto. A proposito di movimento e visione. Guardare avvicina. Una moto la piloti con gli occhi, con i polsi, e con l’inclinazione del corpo. Gli occhi sono i più importanti dei tre. La moto segue e vira verso tutto ciò su cui si fissano. Segue il tuo sguardo, non le tue idee”.

Con la sua meccanica e le sue due instabili ruote, la moto è, per Berger, mezzo di trasporto d’elezione, ma anche metafora, supporto al lavoro congiunto di corpo e mente, strumento di ricerca e di piacere che implica costantemente una perfetta coincidenza tra occhio e mente, mano e cuore.

Il libro, curato da Maria Nadotti, è un omaggio all’arte di guidare la motocicletta secondo John Berger, offerto a tutti coloro che ne condividono in qualche modo l’”esperienza di libertà”.

Perché, come ricorda Robert Pirsig nel suo celebre Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta, “In motocicletta si va più per viaggiare che per arrivare. È l’andare che conta. È quella la destinazione”. Come sulle strade della vita.

spot_img

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Rimani in contatto

4,061FansLike
1,601FollowersFollow
6FollowersFollow
483FollowersFollow
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

Iscriviti alla nostra newsletter

Lascia la tua email e rimani sempre aggiornato con le nostre news.
Qui la tua privacy è al sicuro, nessuna traccia di spam.

I PIù LETTI