Apiario di Comunità di Castel del Giudice, sostegno finanziario all’apicoltura

Creato un microcredito a tasso agevolato da Banca di Credito Cooperativo di Roma per sostenere le nuove imprese apistiche

0

Il progetto Apiario di Comunità di Castel Giudice riunisce più di 30 neoapicoltori e apicoltrici uniti in un unico impegno: prendersi cura di circa 15 milioni di api italiane autoctone sul territorio appenninico dell’Alto Molise e del vicino Abruzzo.

Al fine di sostenere le imprese apiarie, la Banca di Credito Cooperativo di Roma ha creato un nuovo prodotto finanziario, un Microcredito a tasso agevolato aperto a tutti coloro che vogliono intraprendere un percorso in apicoltura e avere uno strumento utile a disposizione.

apiario

Di cosa si tratta?

La Banca ho voluto creare un finanziamento a tasso agevolato e procedure riservate appositamente per accompagnare progetti che investono sullo sviluppo del territorio.

Un’opportunità che mette insieme la sostenibilità ambientale, grazie allo straordinario lavoro di impollinazione e di salvaguardia della biodiversità svolto dalle api, e la sostenibilità economica, tramite la creazione di nuove opportunità occupazionali date dall’apicoltura.

L’obiettivo è far cresce il progetto nel lungo termine, cercando di coinvolgere fino a 70 persone, così da usufruire delle altre risorse che la Banca ha a disposizione nel proprio budget.

«La sostenibilità ambientale e le politiche di sviluppo del territorio – spiega il sindaco di Castel del Giudice Lino Gentiledevono andare di pari passo con la sostenibilità economica. Come avviene con l’Apiario di Comunità, un progetto divenuto luogo di formazione agricola e ambientale, di socialità, di impresa sociale, di gestione sostenibile del territorio, ma anche un punto di partenza per creare nuova imprenditorialità».

All’acquisto dei materiali apistici e delle arnie per l’installazione del primo apiario, ha contribuito Il Comune di Castel del Giudice, tramite un finanziamento pubblico.

L’apiario

L’apiario è situato vicino al meleto biologico dove si è svolta la formazione nel 2019. Ora 30 nuovi apiari sono dislocati tra l’Alto Molise e l’Abruzzo.

Apiario di Comunità d Castel Giudice, sostegno finanziario all’apicoltura
Apiario di Comunità d Castel Giudice, sostegno finanziario all’apicoltura

«L’Apiario di Comunità – spiega Riccardo Terriaca, esponente del Gruppo Volape che si occupa della formazione e progettazione – è espressione di un’economia locale che contraddicendo tutte le logiche economiche basate sulle grandi economie di scala, porta alla ribalta il concetto che “piccolo è bello e fattibile, se costruito insieme”.

Le banche locali

Le banche locali, in questo caso Banca di Credito Cooperativo di Roma, hanno una funzione fondamentale per le comunità di piccoli borghi di montagna, come Castel del Giudice, dove la partecipazione diretta della cittadinanza alle scelte di sviluppo, la trasformazione di ogni debolezza in forza, la valorizzazione delle qualità ambientali del territorio, hanno costruito un modello di governance innovativo.

Nelle riuscite operazioni di azionariato popolare che hanno portato alla creazione della RSA, del meleto biologico Melise e dell’albergo diffuso Borgotufi, la Banca ha assunto un ruolo di accompagnamento importante.

Emergenza Covid

In piena fase 2 dell’emergenza Covid19, grazie alla partecipazione dei i cittadini della comunità, dell’ente pubblico (il Comune di Castel del Giudice), all’attività di formazione svolta dei corpi intermedi (il Gruppo Volape), di associazioni ambientaliste (come Legambiente Molise promotrice del progetto dell’Apiario di Comunità) e dell’istituto di credito (Banca di Credito Cooperativo di Roma), si aprono nuove aziende che si insediano anche per la tutela dell’ambiente.

 

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta