Cantine Aperte a Natale e legge quadro sull’enoturismo

Nel mese di dicembre torna l’evento natalizio promosso dal Movimento Turismo del Vino Toscana Cantine aperte a Natale. I produttori del vino in cantina a fare da tutor per scegliere i vini più indicati per il menù. Inoltre, una legge quadro sull'enoturismo

0

Cantine aperte a Natale: torna per tutto il mese di dicembre, nelle cantine del Movimento Turismo del Vino Toscana, l’appuntamento con Cantine Aperte a Natale, il format che porta nel periodo natalizio, a partire dalla
festa dell’Immacolata e per tutto il mese, i tanti wine lovers alla scoperta dei vini delle feste. E, notizia di poco fa, la Toscana è la prima regione ad avere una legge quadro sull’enoturismo che coinvolge anche il divieto di utilizzare bicchieri di plastica per la somministrazione e degustazione.

Le cantine di MTV Toscana sono pronte ad accogliere i wine lovers e supportarli nella scelta delle bottiglie da stappare per le festività natalizie. Al via anche Best Xmas Pairing, il contest con i food blogger di Aifb per scoprire il miglior abbinamento di ricette tradizionali con un vino toscano.

L’Associazione Movimento Turismo del Vino Toscana è un ente non profit che raccoglie oltre cento soci fra le più prestigiose cantine del territorio, selezionate sulla base di specifici requisiti, primo fra tutti quello della qualità dell’accoglienza enoturistica. Obiettivo dell’associazione è promuovere la cultura del vino attraverso le visite nei luoghi di produzione. Ai turisti del vino il Movimento vuole, da una parte, far conoscere più da vicino l’attività e i prodotti delle cantine aderenti, dall’altra, offrire un esempio di come si può fare impresa nel rispetto delle tradizioni, della salvaguardia dell’ambiente e dell’agricoltura di qualità.

Una legge quadro sull’enoturismo

Notizia dell’ultim’ora: la Toscana è la prima regione italiana ad avere una legge quadro sull’enoturismo. Il Movimento turismo del vino Toscana ha accolto con grande entusiasmo questo provvedimento che ancora una volta va a rimarcare l’importanza di questo settore in Toscana. “Una legge che rafforza ancora di più quanto già avevamo in Toscana e che non solo aiuta le imprese a dare un servizio di qualità, ma che tutela in questo il consumatore stesso – commenta il Presidente del Movimento turismo del vino Toscana, Violante Gardini – con strumenti che hanno come obiettivo finale quello di evidenziare l’alta qualità dei vini toscani”.

Tra gli aspetti maggiormente ben accolti dal Movimento, anche rispetto alla legge quadro nazionale, il divieto di utilizzare bicchieri di plastica per la somministrazione dei vini in degustazione (cosa permessa dalla legge quadro nazionale), ma soprattutto di poter utilizzare edifici di nuova realizzazione come ambienti per le degustazioni (questo non era possibile con la legge sugli agriturismi) il che si traduce nella possibilità per le aziende di utilizzare spazi panoramici e ancora più emozionanti per gli appassionati.

La Toscana è la patria preferita dai wine lovers. Non è un caso che, Cantine Aperte, sia nato in Toscana, la regione dove l’enoturismo in pratica è di casa, non solo per la grande e qualificata offerta rappresentata in ogni luogo dalle cantine, ma anche e soprattutto per un’accoglienza che negli anni ha saputo fare la differenza. A certificare le ragioni di tale successo l’ultima edizione del rapporto sul turismo enogastronomico redatto dalla World Food Travel Association e dell’Università degli Studi di Bergamo in collaborazione con il Touring Club Italiano. Tra gli elementi che giustificano secondo il rapporto una crescita esponenziale di questa forma di turismo, la cosiddetta offerta “emozionale” di cui la Toscana è all’avanguardia. Dalle cantine d’autore, ai grandi cru, dal trekking nei vigneti, alle passeggiate a cavallo, questo e tanto altro alla base del successo.

La legge in sintesi

Sono disciplinate da questo provvedimento “tutte le attività di conoscenza del vino espletate nel luogo di produzione, le visite nei luoghi di coltura, di produzione o di esposizione degli strumenti utili alla coltivazione della vite, la degustazione e la commercializzazione delle produzioni vinicole aziendali, anche in abbinamento ad alimenti, le iniziative a carattere didattico e ricreativo nell’ambito delle cantine e dei vigneti”.

La legge stabilisce le modalità di avvio dell’impresa, chi sono i soggetti che possono fare enoturismo, i requisiti degli operatori e i requisiti e gli standard minimi di esercizio. Viene anche costituito anche un albo degli operatori, mentre il compito di effettuare controlli e applicare sanzioni viene demandato alla Regione.

Si prevede, ad esempio, che oltre all’imprenditore agricolo singolo o associato che svolge attività di vitivinicoltura, possano avviare l’attività anche i comitati di gestione delle Strade del vino, le cantine sociali cooperative e i loro consorzi e i Consorzi di tutela dei vini a denominazione e indicazione geografica. Tra i requisiti e gli standard minimi di qualità per svolgere le attività di enoturismo, si chiede un’apertura annuale di un minimo di tre giorni a settimana; strumenti per la prenotazione delle visite; materiale informativo sull’azienda e sui suoi prodotti, stampato in almeno tre lingue; ambienti dedicati all’accoglienza; attività di degustazione del #vino all’interno delle cantine e delle aziende agricole.

Il primo master sull’enoturismo nasce proprio in Toscana. Dal 2019 proprio in Toscana si svolge il primo master dedicato all’accoglienza in cantina, fortemente voluto dal Movimento turismo del vino Toscana, in collaborazione con Il Sole 24 Ore Business School. Obiettivo del master è proporre una formazione multidisciplinare, rivolta a chi ha una preparazione di base di tipo economico, enologico, agronomico o turistico, per diventare professionisti dell’accoglienza.

Tornando a Cantine Aperte

Cantine aperte a Natale è, insomma, una bella occasione per scegliere i vini da abbinare ai menu del periodo natalizio grazie ai suggerimenti del produttore in persona, e passare un pomeriggio o alcuni giorni in cantina. La possibilità di ricevere consigli personalizzati sul menù delle feste e sui regali da fare agli amici abbinando il vino toscano che risponde ad ogni personalità è una bella sfida. “Da secoli in ogni famiglia viene deciso il menù delle feste, Natale, Santo Stefano, il cenone di capodanno ed il pranzo del primo dell’anno, lasciamo che le tradizioni vadano avanti com’è giusto che sia ma, per finire il capolavoro, c’è bisogno di scegliere la bottiglia adeguata che riesca ad esaltare quei gusti unici. A trovare la bottiglia giusta ci pensiamo noi quest’anno», spiega il Presidente del Movimento Turismo Vino Toscana, Violante Gardini.

Cantine Aperte a Natale, per scegliere il vino giusto delle feste
Violante Gardini

C’è anche Best Xmas Pairing

In concomitanza con Cantine Aperte a Natale, MTV Toscana lancia il contest “Best Xmas Pairing”: in collaborazione con l’Associazione italiana food blogger (Aifb) dieci blogger da tutta Italia (eccetto la Toscana) proporranno una ricetta in abbinamento con un vino toscano. Le ricette potranno essere rifatte da tutti, ma soprattutto votate direttamente sul sito di MTV Toscana alla pagina dedicata. Un modo per scoprire le tradizioni natalizie di ogni regione italiana in abbinamento ai grandi vini toscani. Per votare è possibile collegarsi al sito www.mtvtoscana.com.

Cantine Aperte a Natale, per scegliere il vino giusto delle feste

Dai più piccoli ai più grandi, tante le attività promosse dalle cantine toscane. Nei programmi delle aziende che aderiscono a Cantine Aperte a Natale spiccheranno anche giochi per bambini: dai tradizionali giochi toscani delle feste, come la “ruzzola del panforte”, un antico gioco da fare sui tavoli di casa facendo rotolare uno dei dolci senesi più conosciuti nel periodo natalizio, ad attività di tipo didattico per un avvicinamento graduale al mondo del vino. Alcune cantine faranno anche un piccolo omaggio natalizio a chi acquisterà in occasione dell’evento ed altre hanno studiato prezzi speciali che saranno riservati ai partecipanti di Cantine Aperte a Natale.

Per scoprire le aziende aderenti a Cantine Aperte a Natale con tutti i programmi e le informazioni necessarie:
Associazione Movimento Turismo del Vino Regione Toscana
Località Casato 17, 52014 Montalcino – Tel. +393497160023 – Email info@mtvtoscana.com
www.mtvtoscana.com

Articolo aggiornato in redazione alle 21.54.

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta