Clear Wood, il legno trasparente come vetro

Arriva dalla Svezia il nuovo legno trasparente multifunzionale per applicazioni di bioedilizia

0

Clear Wood, di che si tratta? Il team svedese, dopo anni di perfezionamento nella ricerca, ha recentemente presentato l’ultimo prototipo di legno trasparente, una delle ultime innovazioni sul legno che la scienza offre alla bioedilizia. Come si è arrivati a questo?

Nel 2016 i ricercatori sono partiti da un comune legno di balsa, da cui hanno eliminato chimicamente la lignina, un polimero organico dal colore brunastro che insieme alla cellulosa costituisce la maggior parte della biomassa dei vegetali.

Un primo passo importante, che non basta però per ottenere il legno trasparente. “Quando viene rimossa la lignina il legno diventa di un bel colore bianco, ma per sua natura non è mai trasparente”, spiega il professore Lars Berglund del Wallenberg Wood Science Center di KTH Royal Institute of Technology di Stoccolma, e “per ottenere questo effetto ne abbiamo modificato un po’ la struttura nanoscopica”.

Il materiale così ottenuto, composto quasi completamente di cellulosa, è stato quindi impregnato con un polimero acrilico per renderlo più resistente e aumentarne la trasparenza. Il risultato è una lamina di legno che lascia passare circa l’85% della luce: più opaco quindi che trasparente, ma questo, spiegano i ricercatori, rappresenta in realtà un vantaggio.

Clear Wood, il legno trasparente come vetro
Foto: Pixabay

Dal 2016 al 2019, l’evoluzione del Clear Wood

Il materiale ha già dimostrato eccellenti proprietà ottiche e termoisolanti. Un team di scienziati svedesi lo ha reso anche in grado di assorbire, immagazzinare e rilasciare il calore. Clear wood è stato presentato al congresso Spring 2019 National Meeting & Exposition dell’American Chemical Society (ACS) dallo stesso team del KTH Royal Institute of Technology di Stoccolma guidato dal professore Lars Berglund che aveva concluso la ricerca nel 2016.
Il materiale ecologico trasparente tramite modifiche alla struttura del legno su micro e nano scala, sviluppato nel 2016, è stato ottimizzato grazie a variazioni che hanno reso il materiale un valido sostituto della plastica, del cemento e del vetro.

L’ingrediente “segreto”

Il segreto è nel glicole polietilenico (PEG), un polimero ottenuto dall’ossido di etilene che si comporta come un materiale a cambiamento di fase e mostra un’alta affinità con le fibre lignee. Afferma Berglund: “Intendiamo anche lavorare ulteriormente con diversi tipi di legno. Il legno è di gran lunga il materiale bio più utilizzato negli edifici, è interessante che il materiale provenga da fonti rinnovabili e offra eccellenti proprietà meccaniche, tra cui resistenza, tenacità, bassa densità e bassa conduttività termica”.

Rappresenta un ottimo componente per costruire pannelli solari, che in futuro potrebbero essere incorporati direttamente all’interno delle pareti o di speciali “finestre solari”, diminuendo ulteriormente le spese energetiche e l’impatto ambientale delle abitazioni.

“Oggi usiamo il vetro, ma questo materiale ha il difetto di essere un cattivo isolante e ci sono quindi grandi perdite di calore”, spiega al New Scientist Céline Montanari del KTH Royal Institute of Technology di Stoccolma.
I ricercatori precisano che “Il legno è davvero sorprendente, perché è 10 volte migliore nel trattenere calore, ma non fa passare la luce”. Sebbene il legno trasparente non sia un isolante altrettanto buono del legno naturale è comunque circa quattro volte migliore rispetto ai doppi vetri delle nostre finestre.

Il futuro del legno trasparente

La prossima sfida per i ricercatori svedesi, ideatori del legno trasparente capace di assorbire e conservare il calore, sarà quella di fare in modo che il processo di produzione del materiale sia industrialmente sostenibile. La prospettiva è che in cinque anni si possa renderlo disponibile per piccoli interventi di interior design.

Gli scienziati si propongono comunque di migliorarne nei prossimi anni le capacità di conservazione del calore per renderlo ancora più efficiente a livello energetico. Prevedono, inoltre, che il legno trasparente possa essere disponibile sul mercato in soli cinque anni.

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta