sabato, Settembre 24, 2022
22.6 C
Roma
spot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeAltroSocialeArea 95, supporto psico-sociale a vulnerabili e senza dimora

Area 95, supporto psico-sociale a vulnerabili e senza dimora

Dal protocollo Salute per tutti, l'iniziativa Area 95 che fornisce supporto psicoterapeutico alle categorie più fragili

Attivo, da oggi giovedì 8 settembre 2022 nei locali di Binario 95, il Presidio Psico Sociale chiamato Area 95. Una nuova azione di sostegno psicologico e psichiatrico per la tutela della salute mentale delle persone senza dimora o particolarmente vulnerabili della nostra città

Il servizio, realizzato nei locali concessi in comodato d’uso da FS Italiane, si inserisce all’interno delle azioni sviluppate dal Protocollo “Salute per Tutti” siglato dall’Assessorato e Dipartimento Politiche Sociali e Salute di Roma Capitale con istituzioni sanitarie ed enti del terzo settore tra cui in particolare l’IRCCS IFO San Gallicano. L’azione progettuale, realizzata da Binario 95 e SMES Italia (Salute Mentale ed Esclusione Sociale), in collaborazione con il Poliambulatorio Caritas di Roma, è sostenuta dai fondi del progetto Dottor Binario finanziato dalla Regione Lazio alla cooperativa sociale Europe Consulting Onlus.

Area 95, “Salute per tutti”

All’interno del Presidio Area 95 saranno presenti operatori sociali, psicoterapeuti, psichiatri e personale sanitario, che garantiranno la possibilità di realizzare interventi psicoterapeutici individuali o di orientamento e accompagnamento ai servizi sociali, ma anche supportare gli enti o gli operatori del terzo settore nella gestione di quei casi particolarmente complessi di persone con problematiche psichiatriche che versano in condizioni di emarginazione estrema nelle vie della nostra città. Il presidio Area 95 non vuole certamente sostituirsi ai servizi istituzionali per la salute mentale quanto piuttosto rappresentare un ulteriore strumento di connessione tra il mondo della strada e quello delle istituzioni sanitarie.

“Nell’ambito della rete dei servizi già esistentispiega l’assessora alle Politiche Sociali e alla Salute di Roma Capitale Barbara Funari si aggiunge questo nuovo spazio che rappresenta un aiuto concreto per i senza tetto che hanno bisogno di un sostegno psicologico e psichiatrico. Un passo in avanti significativo per aiutare i cosiddetti ‘hard to reach’, persone fragili difficili da raggiungere”.

L’intervento psicologico e psichiatrico su un soggetto senza dimoraafferma Giuseppe Riefolo, psichiatra e presidente di SMES Italia permette di cogliere la sofferenza psicologica differenziandola dalla generica emarginazione sociale. L’azione si inquadra all’interno di un percorso più ampio di riflessione e confronto su buone prassi e innovazione che, sviluppato a livello europeo, abbiamo provato a calare negli ultimi due anni con alcune azioni pilota in due città del nostro paese, Roma e Firenze. Ora grazie ad un forte partenariato locale vogliamo a Roma dargli concretezza e una prospettiva più ampia di sviluppo e consolidamento”.

Per i venti anni dell’Help Center di Roma Termini con oltre 30.000 persone senza dimora prese in carico, Binario 95 offre alla città un nuovo servizio sperimentale per andare incontro alle persone più dimenticate e continuare a contaminare positivamente il modo di fare sociale nel nostro paese”, afferma Alessandro Radicchi, presidente della Europe Consulting Onlus e fondatore del Polo Sociale Roma Termini.Area 95 vuole rappresentare quel ponte tra chi vive in strada e soffre di malattie mentali, numero purtroppo sempre in aumento, e i servizi psichiatrici istituzionali. È questa una delle sfide dell’integrazione sociosanitaria, che potrà concretizzarsi solo quando qualcuno proverà davvero a metterla in pratica con esempi sperimentali come questo”.

A chi si rivolge

Persone senza dimora e fragili, che si auto segnalano, oppure accompagnate dagli operatori dei servizi sociali, dei centri di accoglienza e delle unità di strada. In particolare, l’attività è diretta a quei profili di persone vulnerabili che, per motivi documentali e/o socio-relazionali, non sono nelle condizioni di accedere autonomamente ai servizi istituzionali per la salute mentale. Per questo il Presidio opererà in collaborazione con i clinici dei principali Dipartimenti di Salute Mentale della nostra Capitale, tra cui in particolare il DSM della ASL Roma1, dell’INMP e gli SPDC del Policlinico Umberto I e del S. Spirito.

Modalità di accesso

L’accesso è gratuito su appuntamento tramite segnalazione telefonica dal lunedì al venerdì, dalle 9:30 alle 17:00 al numero unico di Binario 95, 06 94809595, oppure, per chi avesse difficoltà a telefonare, presentandosi all’Help Center per prenotare un colloquio preventivo. Per gli operatori sociali del territorio sarà inoltre possibile prenotare colloqui di confronto in presenza o on line per la trattazione di casi particolarmente complessi o anche per concordare interventi specifici direttamente in strada.

Leggi anche

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

I PIù LETTI