domenica, Gennaio 16, 2022
8 C
Roma
spot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeAmbienteSostenibilitàCONOU porta a Connext la sua ricetta per imprese e sostenibilità

CONOU porta a Connext la sua ricetta per imprese e sostenibilità

Il CONOU Consorzio Nazionale degli Oli Minerali Usati presenta a Connext la propria esperienza di eccellenza gestionale e di approccio alla sostenibilità sul tema del greenwashing

La transizione ecologica, si dice, non è un “pranzo di gala”: cioè costa, sul piano economico e sociale. In pochi però aggiungono che non farla costa e costerà infinitamente di più

Il CONOU, il Consorzio Nazionale degli Oli Minerali Usati, con la sua presenza all’edizione 2021 di Connext, la due giorni di networking aziendale tenutasi il 2 e 3 dicembre e organizzata da Confindustria presso il Mi.Co di Milano, ha voluto offrire una risposta a due domande fondamentali: Come può un’organizzazione diventare davvero sostenibile? È possibile completare la transizione ecologica auspicata senza compromessi o scorciatoie?

Il Consorzio ha portato all’attenzione di espositori e stakeholder di Connext la propria esperienza d’eccellenza nella gestione e avvio a rigenerazione degli oli minerali usati.

A partire dal percorso di crescita delle aziende che compongono la rete di raccolta consortile dalla dimensione familiare a quella di realtà industriali affermate, è un racconto che rivela l’evoluzione realizzata del CONOU nei suoi quasi quattro decenni di vita.

Una storia fin dalle origini votata all’economia circolare, all’innovazione e all’integrazione di sistema che premia oggi la filiera italiana degli oli usati da molteplici punti di vista: da quello ambientale, grazie al traguardo del recupero di un rifiuto pericoloso e della sua rigenerazione per l’intera quantità della quota raccolta nel nostro Paese, a quello economico con il risparmio sulle importazioni di prodotti petroliferi fino a quello sociale, occupazionale e di preservazione della salute.

CONOU, imprese e sostenibilità non è qualcosa di astratto

“Diventare sostenibili e applicare davvero i criteri dell’economia circolare, seppure faccia parte di un processo che richiede dedizione, programmazione e visione, non è qualcosa di astratto o impossibile da raggiungere – ha dichiarato Riccardo Piunti, Presidente del CONOU”.

“Come dimostrano infatti numerose ricerche – prosegue Piuntile imprese che negli ultimi anni, anche durante i mesi della pandemia, hanno investito in ecoinnovazione, hanno ottenuto performance più brillanti di quelle che non lo hanno fatto. Prova del fatto che essere sostenibili non è solo qualcosa che fa bene all’ambiente o alla comunità di riferimento, ma può rivelarsi la chiave di volta per affrontare al meglio delle possibilità la sfida della rinascita e della riconversione complessiva delle nostre attività. Le aziende che hanno investito su manager e professionisti qualificati e preparati stanno avviando più rapidamente la transizione”.

Dal greenwashing alla sostenibilità ben eseguita, la situazione reale

La transizione ecologica, si dice, non è un “pranzo di gala”: cioè costa, sul piano economico e sociale. In pochi però aggiungono che non farla costa e costerà infinitamente di più, basti pensare alle conseguenze che la crisi climatica impatta non solo sull’ambiente ma sulla sicurezza delle persone e sulla redditività di intere e grandi filiere produttive.

Il Consorzio, con la volontà di mettere a sistema e condividere le proprie competenze e know how in tema di sostenibilità e economia circolare, ha ospitato nell’ambito di Connext un talk dal titolo “Imprese e sostenibilità: transizione ecologica o greenwashing?” che ha visto il confronto aperto tra rappresentanti di realtà produttive nazionali e associazioni ambientaliste sull’attualità dei temi della transizione ecologica.

L’evento organizzato insieme all’agenzia eprcomunicazione ha ripreso il format EprTalks, già sperimentato del “processo”, per trovare attraverso il role playing una chiave narrativa e di confronto su una tematica tanto attuale quanto poliedrica.

Dall’evidenziazione dei casi virtuosi di sostenibilità, la discussione, alternando testimoni dell’”accusa” e della “difesa” moderati dalla green blogger Tessa Gelisio, ha messo in luce le criticità e i limiti burocratici e di sistema che spesso ostacolano il processo di conversione ecologica.

“Abbiamo voluto introdurre una riflessione sul ruolo delle competenze e della managerialità con il nostro talk qui nella sede di Connext, davanti ad un pubblico di professionisti ed esperti – ha aggiunto il Presidente del CONOU Piunti -. Ci auguriamo di aver seminato così, per quanto possibile, i grani della sostenibilità e che questi possano portare frutto per la collettività”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -spot_img
spot_img

I PIù LETTI