lunedì, Giugno 27, 2022
38.4 C
Roma
spot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeAttualitàCOOPI lancia appello per Malawi colpito da Ciclone Ana

COOPI lancia appello per Malawi colpito da Ciclone Ana

Il ciclone Ciclone Ana ha colpito il Malawi. L’Ong COOPI è sul campo e lancia l’appello: “Aiutiamo la popolazione più colpita”

Alle ore 12 del 24 gennaio 2022 il ciclone Ana si è abbattuto sul Malawi, lasciando dietro di sé perdite devastanti, COOPI interviene

Il Malawi è stato colpito dal ciclone Ana il 24 gennaio, abbattendosi su 20 Distretti (di 28), provocando lo sfollamento di 100.000 persone e danni ingenti ad altre 870.000. La maggiore devastazione si è verificata nei distretti di Chikwawa e Nsanjie, ancora sott’acqua, dove opera la ong italiana COOPI – Cooperazione Internazionale.

Il 21 gennaio 2022, una depressione tropicale che si è formata a nord-est del Madagascar nell’Oceano Indiano ha attraversato il Canale di Mozambico dove si è intensificata sviluppandosi in una tempesta tropicale moderata (chiamata Ana) domenica 23 gennaio 2022.

Ana è arrivato in Mozambico alle ore 12.00 circa di lunedì 24 gennaio 2022 e successivamente si è diretta verso il Malawi meridionale, lasciando dietro di sé perdite devastanti in termini di vite umane e distruzioni su larga scala di beni e infrastrutture.
Piogge torrenziali e venti hanno devastato l’intera regione meridionale, con stazioni meteorologiche a Chikwawa che hanno registrato precipitazioni di oltre 300 mm in meno di 24 ore.

Il 26 gennaio, quando i primi rapporti hanno iniziato ad arrivare dai distretti, il presidente del Malawi ha dichiarato lo stato di calamità nazionale.

Proprio a Chikwawa e Nsanjie, non appena il Dipartimento del Cambiamento Climatico e dei Servizi Meteorologici ha emesso l’allerta, COOPI ha diffuso messaggi di allerta sulla tempesta tropicale attraverso le radio locali e i comitati di protezione civile, al fine di avvertire le comunità del ciclone in arrivo e delle necessarie misure precauzionali da prendere.

COOPI lancia appello per Malawi colpito da Ciclone Ana
Foto @COOPI

Finora le valutazioni rapide condotte dai Comitati Distrettuali per la Protezione Civile, con il supporto cruciale di COOPI e di altri partner, hanno confermato che sono state colpite 460.000 persone, di cui 73.000 si sono rifugiate nei campi per sfollati. Le operazioni di ricerca e salvataggio sono ancora in corso.

Chikwawa è il distretto che ha sofferto di più per il passaggio del ciclone, con danni estesi in tutte le 12 autorità tradizionali. Attualmente è stato stimato a più di 84.000 il numero delle famiglie coinvolte, ma è probabile che aumenti, dato che le squadre di valutazione stanno iniziando solo ora ad essere dispiegate, e che i livelli dell’acqua stanno iniziando solo adesso a ritirarsi.

Giuseppe Valerio, capo missione di COOPI in Malawi spiega: “La maggior parte delle case sono state completamente danneggiate e l’acqua, le fonti e le strutture sanitarie sono state contaminate, il che significa che c’è un’alta probabilità di diffusione di malattie quali colera e malaria, nei prossimi giorni e settimane, dato che il paese è ancora nel mezzo della stagione delle piogge”.

“Chikwawa e Nsanje” – precisa – “avevano già subito forti piogge la settimana dal 9 al 14 gennaio 2022, che avevano devastato 3.136 ettari a Chikwawa, colpito 3.333 famiglie e sfollato 2.888 famiglie. Pertanto, gli effetti del ciclone Ana avranno un effetto cumulativo negativo su distretti già in difficoltà”.

Gli aiuti di COOPI in Malawi

In coordinamento con i Distretti e gli altri attori che partecipano alla risposta umanitaria, COOPI prevede di intervenire per rispondere ai bisogni più immediati delle popolazioni colpite, attraverso l’acquisto e la distribuzione di:

1) kit per sopravvivenza neonati e infanti (copertina, cappellino per neonati cotone, calzini per neonati cotone, asciugamano, tutina per neonati, fascia per portare il bambino);
2) materiali per la potabilizzazione dell’acqua e kit di prima necessità (sapone, sapone per bucato, spazzolino, dentifricio, asciugamani, assorbenti, carta igienica, ecc.);
3) acquisto e distribuzione di beni essenziali per le persone che hanno perso le proprie abitazioni (per esempio, kit di costruzione: sega, chiodi, martello, corda, ecc.; utensili da cucina: pentola, tanica per portare/conservare acqua; piatti e posate; bicchieri; torce solari).

COOPI ha pertanto lanciato un appello straordinario per aiutare il Malawi, raggiungibile all’indirizzo sostieni.coopi.org/emergenza-malawi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -spot_img

I PIù LETTI