Coronavirus: sblocco del Governo ai florovivaisti, riprende vendita fiori e piante

Per il Dcpm del 22 Marzo si tratta di attività agricola consentendo quindi. la vendita anche al negozi di semi, piante e fiori ornamentali, piante in vaso, fertilizzanti

0

Il Governo, con una decisione a sorpresa, a seguito dell’intervento della Ministra dell’Agricoltura Teresa Bellanova, riapre la vendita dei prodotti florovivaistici.

Così infatti commenta Teresa Bellanova la faq pubblicata nella notte che esplicita con chiarezza le attività florovivaistiche consentite ai sensi del Dpcm del 22 marzo scorso, come riportato dall’Ansa: “Il grido di allarme che si è levato dal settore florovivaistico non è rimasto inascoltato: semi, piante, piante da frutto, fiori ornamentali, piante in vaso, fertilizzanti potranno essere prodotti, trasportati e commercializzati. I negozi per la vendita resteranno aperti dovunque non solo nella Grande distribuzione”.

Per prodotti agricoli si intendono le attività florovivaistiche che rientrano nel raggio delle coltivazioni agricole”, precisa la ministra, “un segmento rilevante, come testimoniano i numeri: 100 mila addetti in 27 mila aziende per oltre 2,5 miliardi di fatturato oltre l’indotto, tra cui la parte relativa alla commercializzazione”. Bellanova rileva ancora che “il lavoro congiunto dai nostri uffici con quelli del Mise e con il contributo importante delle Associazioni, mette in salvo un settore determinante per il nostro Paese“.

Le organizzazioni agricole come Coldiretti e Agrinsieme, nonché Cia e Uncem Piemonte, esprimono soddisfazione alla decisione del Governo, nonostante la situazione resta ancora critica.

I balconi del popolo italiano potranno tornare ad essere fioriti e colorare uno dei periodi più bui della storia italiana.

 

 

Foto: Pixaby

Fonte: Ansa

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta