Cosa ci faccio con la plastica? Lo dice Corepla

Corepla è il Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclo ed il Recupero degli Imballaggi in Plastica e la sua mission è fare in modo che quest’ultima diventi sempre più una risorsa. Allo studio con Eni la possibilità di un idrogeno verde proprio dalla plastica

0

Corepla è il Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclo ed il Recupero degli Imballaggi in Plastica e fa parte del “Sistema Conai” ovvero il Consorzio Nazionale Imballaggi.

La plastica è fondamentale per la conservazione e il trasporto di tanti prodotti alimentari. Del resto, più del 50% di tutte le merci in Europa è imballato con tale materiale che nel corso del tempo è diventato sempre più leggero, tanto che il peso medio del packaging in plastica si è ridotto del 28% negli ultimi 10 anni. Il problema è il suo non riciclaggio poiché invece si tratta di un materiale prezioso da questo punto di vista.

La plastica da rifiuto a risorsa: la mission Corepla

Ed è qui che interviene anche il Consorzio, nel comunicare le tante possibili soluzioni di recupero della plastica che comunque rimane utile strumento per non sprecare i cibi. Ad esempio con quelli che vengono chiamati “imballaggi intelligenti”, ad atmosfera modificata, la carne viene protetta dal contatto con l’ossigeno, prolungandone così la durata di due settimane, soprattutto non interferendo con la qualità. Ma ciò vale anche per il pesce o la verdura. Questo tipo di packaging è dotato di dispositivi particolari, i Radio Frequency Identification, che danno informazioni sullo stato qualitativo dei cibi, migliorando prestazioni, riducendo gli sprechi e, quindi, le emissioni. Fornendo pure indicazioni al consumatore per come rendere  più facile il riciclo e agevolandone la separazione fin da dentro casa.

Cosa ci faccio con la plastica? Lo dice Corepla
Dal riciclo di plastica si ottengono anche oggetti d’arredo

Come si ricicla la plastica

Riciclare la plastica, in seguito a una corretta gestione differenziata del rifiuto, è un processo che comprende una serie di operazioni: macinazione, lavaggio, vari stadi di asportazione delle frazioni indesiderate, cui si aggiunge in molti casi il processo di granulazione.

Alla fine si producono dunque appunto granuli o scaglie, cioè nuova materia prima in cui si è trasformato il rifiuto, a seconda del polimero lavorato di partenza. Si parla esattamente di Materia Prima Secondaria (MPS) o End of Waste, pronta per essere immessa in un nuovo processo produttivo. Spesso questa MPS ha caratteristiche molto simili, ma mai identiche, al polimero vergine.

La tecnologia porta soprattutto a un riciclo aperto, cioè dal polimero/rifiuto riciclato si ottiene di solito un oggetto diverso da quello che era in origine. Tanto per capirci, con le MPS si realizzano  manufatti per l’edilizia (come tubi, interruttori, canaline), ma anche per l’arredamento (componenti per sedie e mobili), l’automotive (vari componenti stampati), l’agricoltura (tubi per irrigazione, vasi). Solo in alcuni casi possono ritornare ad essere quello che erano, imballaggi, formando flaconi per detersivi. E possono essere anche usate per l’SRA (Secondary Reducing Agent), una sorta di carbone artificiale adoperato nelle acciaierie come combustibile e agente riducente nelle reazioni di ossidazione dei minerali ferrosi.

Cosa ci faccio con la plastica? Lo dice Corepla
Bei vasi portafiori di plastica riciclata

Le MPS di PET (cioè polietilentereftalato, tipico delle bottiglie di bibite e vino) si usano nella produzione di fibre di tessuto/non tessuto e fiocco per  imbottiture e tappeti. La normativa europea ha disciplinato il PET riciclato (rPET) che può servire anche per imballaggi a contatto con alimenti, da solo o in strati con il PET vergine, ottenendo ancora bottiglie per l’acqua.

Dalla plastica un idrogeno verde. Il progetto Corepla/Eni

Tra le iniziative del Corepla, un recente accordo con l’Eni finalizzato ad avviare progetti di ricerca per produrre idrogeno e biocarburanti dai rifiuti di imballaggi in plastica non riciclabili, anche cioè di quelle frazioni che fino ad oggi non possono essere riusate. Nei prossimi 6 mesi un gruppo di studio studierà tutte le possibilità in proposito.

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta