venerdì, Dicembre 2, 2022
8.6 C
Roma
spot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeAltroSocialeCrazy for football, la partita da vincere contro le malattie mentali

Crazy for football, la partita da vincere contro le malattie mentali

Il sogno mondiale per Crazy for football a Napoli. Oltre 20 atleti campani alle selezioni per entrare nella nazionale dei pazienti psichiatrici

Atleti, amanti dello sport, pazzi per il calcio, uniti dal sogno di indossare la maglia azzurra. Ma per loro sfidarsi campo è anche una cura contro le malattie mentali delle quali soffrono

Da oggi anche i pazienti ospitati in strutture sanitarie campane potranno avere la possibilità di entrare nella squadra di Crazy for football, la nazionale italiana di calcio a 5 per persone con problemi di salute mentale, detentrice del titolo mondiale. Oltre 20 atleti, già preselezionati e divisi per ruolo, hanno partecipato questa mattina, nel centro sportivo Cercola (Napoli), alle selezioni ufficiali per la Campania dei nuovi giocatori della nazionale italiana di calcio a 5 per arricchire la rosa della squadra che parteciperà alla prossima Dream world cup.

Crazy for football, una grande motivazione per “l’inclusione”

Per queste persone indossare la maglia della nazionale significa un po’ nascondere lo stigma della malattia mentale, cioè quello ‘stemma’ di cattiva qualità che spesso porta le persone a nascondersi e non accedere alle cure migliori. La grande motivazione di vestire la maglia azzurra farà in modo che i nostri giocatori trovino lo stimolo ad alzarsi dal letto per allenarsi”, ha spiegato alla Dire lo psichiatra Santo Rullo, ideatore del progetto.

“Le persone con problemi di salute mentale – ha aggiunto – devono prendere farmaci che rendono sedentari anche per tutta la vita. Più tempo riescono a trascorrere praticando esercizio fisico e facendo sport, minori sono le possibilità di sviluppare malattie cardiovascolari, obesità e malattie dismetaboliche che per le persone con patologie psichiatriche tendono a ridurre del 20% l’aspettativa di vita media. Questo sembra un gioco, ma in realtà è a tutti gli effetti un intervento sanitario”.

Parte di un progetto di vita

Tutto è cambiato con la legge Basaglia e la decisione di chiudere i manicomi. “All’interno del manicomio – ha detto lo psichiatra il campo di calcio, il teatro e il bar erano luoghi dove vivere momenti non di inclusione, ma di esclusione: le persone giocano esclusivamente per passare il tempo. Invece, adesso l’idea è quella di portare sempre più le attività a non essere esclusivamente intrattenimento, ma parte di un progetto di vita”.

Enrico Zanchini è il ct della nazionale italiana Crazy for football e ha diretto le sedute di allenamento insieme al suo vice Riccardo Budoni. “Non posso più rinunciare a questo progetto, per me ormai – ha detto Zanchini – questa maglia è una seconda pelle. Questo ruolo mi dà grandissime soddisfazioni, sul piano sportivo oltre che umano: incontro persone che mi arricchiscono”.

Tra i partner del progetto, per la tappa campana delle selezioni, l’educatore in servizio all’Asl Luciano Evangelista e fondatore di ‘Calcio Insieme’, che da 28 anni consente ad atleti con malattie psichiatriche di sfidarsi in un vero campionato di calcio. Alcuni suoi pazienti hanno preso parte alle selezioni di oggi.

“Per noi ha detto Evangelistaquesto momento rappresenta il massimo della gratificazione. Finalmente abbiamo l’opportunità di far capire, a quanti ancora oggi hanno dei dubbi, che la salute mentale ha bisogno necessariamente dell’aspetto sociale, di inclusione. Non bastano operatori o psichiatri coraggiosi per consentire ai nostri pazienti di vivere una vita dignitosa. Crazy for football trasmette un elemento: l’entusiasmo. Altrimenti, i nostri pazienti continueranno a schivare l’umanità come sono abituati a fare”.

Massimiliano Cresci lavora in Emme Due, struttura di Sessa Aurunca (Caserta) e oggi ha accompagnato quattro pazienti ad affrontare le selezioni.

“Il loro pensiero fisso era entrare a far parte della nazionale. Per loro – ha raccontato giocare a calcio significa sentirsi importanti, il calcio è la migliore cura mentale. Ieri sera erano molto tesi, ansiosi di incontrare l’allenatore. Qualcuno non ha dormito pensando all’irripetibile occasione di stamattina”.

Fonte e foto: Agenzia DIRE

Leggi anche

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -spot_img

I PIù LETTI