giovedì, Aprile 25, 2024

Rome 16°C

Emanuele Filiberto a Verissimo: “Attacchi disgustosi dopo morte di mio padre”

(Adnkronos) – "Gli attacchi sono stati disgustosi dopo la morte di mio padre. Non ci hanno lasciato nemmeno il tempo del lutto. Per tutta la vita mio padre ha combattuto e anche fino alla fine è stato un leone". Emanuele Filiberto di Savoia ricorda così il padre, Vittorio Emanuele, scomparso a febbraio all'età di 86 anni. "Certi giornalisti sembravano San Pietro, pareva dovessero decidere chi poteva andare in Paradiso e chi no… Ci sono persone che sono tornate su questioni e argomenti di tanti anni fa. Ho letto articoli uno o due giorni dopo la morte di mio padre, ho visto trasmissioni totalmente inutili: è stato triste per loro, non per mio padre", dice a Verissimo, ospite di Silvia Toffanin su Canale 5. Vittorio Emanuele si è spento dopo una malattia e dopo settimane di ricovero. "Si può dire che se ne sia andato in un modo anche bello.. eravamo tutti con lui, abbiamo potuto essere insieme giorno e notte fino a che ne ha avuto abbastanza di combattere… per tutta la vita ha combattuto e anche fino alla fine è stato un leone", aggiunge. "Ho passato tre settimane in ospedale con lui, era lucido, abbiamo riso, abbiamo parlato della sua gioventù, di sua madre. Se ne è andato in un modo molto sereno.. Erano le 6 di mattina, era un po stanco, ha detto 'voglio riposarmi' e ha chiuso gli occhi per sempre". "Mio padre era per me un confidente, un amico. Mi ha trasmesso la passione per l'aviazione e per il mare, mi ha insegnato gli sport, avevamo una vera complicità. Era una persona veramente buona: dall'uomo più importante a quello più umile, lui si comportava nello stesso modo", aggiunge. —spettacoliwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

ALTRI ARTICOLI
nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i più letti

Newsletter

Gli articoli della settimana direttamente sulla tua email

Newsletter