domenica, Giugno 23, 2024

Rome 23°C

Europee, il messaggio di Meloni a Vox: “Quando storia chiama non ci tiriamo indietro”

(Adnkronos) – "Caro Santiago, caro Jorge, cari amici di Vox, cari patrioti spagnoli, avete avuto il coraggio di non lasciarvi influenzare dal pensiero unico dominante. Avete deciso che i valori conservatori sarebbero sempre stati i pilastri della vostra vita. Avete scelto di lottare per ciò in cui credete. Siete l'unico futuro possibile per l'Europa". Lo ha detto Giorgia Meloni, nel corso di un video-collegamento con la manifestazione 'Europa Viva 24' di Vox, il partito spagnolo guidato di Santiago Abascal, in corso a Madrid. "Un continente stanco, sottomesso e coccolato che ha pensato di poter scambiare l'identità con l'ideologia, la libertà con la comodità, e che oggi paga inevitabilmente il prezzo delle sue scelte. Ma non tutto è perduto. Quando la storia chiama, quelli come noi non si tirano indietro. Non lo abbiamo fatto finora e non lo faremo, tanto meno adesso. Caro Santiago, amico mio. Abbiamo iniziato il nostro percorso comune al Parlamento europeo nel 2019. E da allora i nostri percorsi politici sono sempre stati molto simili. Fin dal primo momento hanno cercato di disprezzarci. Hanno cercato di isolarci. Hanno cercato di dividerci. E hanno finito per rafforzarci", continua. "Hanno detto che non saremmo stati all'altezza, che volevamo distruggere l'Europa, dicevano che non saremmo mai stati abbastanza credibili per contare, per essere decisivi. E mentre loro si godevano le loro rassicuranti certezze, noi abbiamo lavorato e guadagnato terreno, credibilità, spazio", ha detto ancora la prier. "Ed eccoci qui ad andare avanti insieme. Oggi Fratelli d'Italia è il primo partito italiano e io ho l'onore di servire la mia nazione come capo del Governo", dice l'italiana. "E anche se alcuni non si sono ancora rassegnati, e altri si chiedono come sia potuto accadere, sono il primo presidente del consiglio della destra nella storia della Repubblica italiana, e sono anche una donna. Nel frattempo Vox è diventato il terzo partito in Spagna. Un partito solido e ben radicato in tutta la nazione. Un partito che ha un grande futuro davanti a sé e che sarà decisivo per cambiare sia Madrid che Bruxelles – aggiunge – Ma dobbiamo continuare a lavorare, duramente e insieme, perché come sempre non vogliamo che ci venga dato niente gratis. Siamo abituati a guadagnarci i risultati sul campo, il nostro continente sta vivendo una fase di grande incertezza, di declino, e ha bisogno di noi".  "Vogliamo e possiamo costruire un'Unione Europea diversa e migliore di quella attuale, in grado di concentrare le sue iniziative e le sue risorse economiche solo sulle questioni più importanti, quelle in cui può davvero offrire un valore aggiunto", ha detto Meloni, continuando: "Come, ad esempio, difendere le proprie frontiere esterne, invece di costringere i cittadini ad accogliere masse di migranti irregolari contro la loro volontà".  "Sono particolarmente orgogliosa del lavoro che abbiamo svolto negli ultimi mesi -dice- realizzando un primo cambio di rotta nella gestione della politica migratoria: non più frontiere aperte e un eterno e inutile dibattito sui ricollocamenti, ma nuove politiche di cooperazione con i Paesi africani, di controllo delle partenze, di lotta ai trafficanti di esseri umani, di migrazione che può essere solo regolata, di accordi con Paesi terzi per l'esame delle domande di asilo". "Tutto questo sarebbe stato impensabile fino a pochi anni fa, ma le risposte pragmatiche stanno finalmente trovando interlocutori disponibili. La strada è lunga e faticosa, ma già oggi in Italia abbiamo avuto il 62% di arrivi in meno rispetto all'anno scorso", ricorda applaudita.  "Negli ultimi anni, l'Unione Europea ha preteso di decidere cosa potevamo o non potevamo mangiare, come dovevamo o non dovevamo ristrutturare le nostre case, quale auto potevamo o non potevamo guidare, quale tecnologia le nostre aziende potevano o non potevano utilizzare. Hanno usato l'alibi della difesa della natura per dare vita a un attacco alla nostra libertà che dobbiamo respingere. Difenderemo i nostri agricoltori, i nostri pescatori, la nostra industria manifatturiera, le nostre piccole e medie imprese e la nostra industria da questo attacco senza precedenti", ha detto ancora. "Li difenderemo -spiega- per difendere l'Europa, perché l'Europa è stata fatta da loro, con il loro lavoro, i loro sacrifici, la loro creatività, i loro prodotti di eccellenza, mentre gli ambientalisti discutevano di come proporre la prossima legge assurda comodamente sul divano del loro salotto".  "Ci opporremo a chi vuole mettere in discussione la famiglia come pilastro della nostra società, a chi vuole introdurre le teorie gender nelle scuole, a chi vuole promuovere pratiche disumane come la maternità surrogata. Perché nessuno mi convincerà che si possa chiamare progresso permettere a uomini ricchi di comprare i corpi di donne povere, o di scegliere i loro figli come se fossero prodotti da supermercato", ha continuato Meloni. "Non è progresso, è oscurantismo, e sono orgoglioso che il Parlamento italiano stia discutendo, su proposta di Fratelli d'Italia, una legge che vuole rendere la maternità surrogata un reato universale, cioè punibile in Italia anche se commessa all'estero", dice dal video. "La legislatura europea 2019-2024 è stata caratterizzata da priorità e strategie sbagliate, mentre altre forze politiche hanno sostenuto accordi innaturali con la sinistra, con la conseguente imposizione dell'agenda verde e progressista, noi abbiamo sempre lottato, spesso da soli, per un'Unione europea diversa. Ma oggi potrebbe essere un momento diverso. Siamo alla vigilia di un'elezione decisiva, perché per la prima volta l'esito delle elezioni europee potrebbe finalmente non concludersi con maggioranze innaturali e controproducenti", ha detto la premier a Vox. "Dobbiamo rimanere concentrati, tenere i piedi per terra e gli occhi all'orizzonte. È il momento della mobilitazione, è il momento di scendere in piazza e guardare negli occhi i nostri compatrioti, per spiegare loro cosa vogliamo fare nei prossimi cinque anni, è tempo di alzare la posta in gioco". "Abbiamo il dovere di lottare fino all'ultimo giorno della campagna elettorale. Perché nessun cambiamento in Europa è possibile senza i Conservatori europei, e questo è un dato di fatto, siamo il motore e i protagonisti del rinascimento del nostro continente", sono le parole finali del premier italiano. —politicawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

ALTRI ARTICOLI
nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i più letti

Newsletter

Gli articoli della settimana direttamente sulla tua email

Newsletter