Futouroma, verso un piano strategico per il turismo di Roma Capitale

Oggi al Convention Center La Nuvola di Roma, Green Planet News ha partecipato a Futouroma 2019>2025, l’importante appuntamento per il futuro del turismo di Roma Capitale. Eccovi il racconto della giornata

0

Roma, 13 novembre 2019

Una giornata strategica di lavori, per un percorso condiviso, per la stesura di una strategia di valorizzazione e potenziamento del turismo capitolino, da qui ai prossimi anni, con l’apporto fattivo di stakeholder, istituzioni e mondo accademico.

Virginia Raggi – Sindaca di Roma

Una giornata ricca di appuntamenti per individuare gli strumenti e le strategie più idonee per fare di Roma l’eccellenza del turismo e dell’accoglienza nel mondo. Una sfida lanciata da questo evento, perché occorre dare vita a un percorso partecipato che conduca alla definizione di un piano strategico condiviso a breve, medio e lungo termine.

La sindaca di Roma Virginia Raggi introduce il tema del dibattito: “Città d’arte e turismo sostenibile. Roma, Venezia, Milano, Napoli e Matera a confronto”. “Questa è una bella sfida che abbiamo deciso di affrontare insieme, ci vuole un progetto complessivo sulla città, per il turismo. È ora di fare un salto in avanti, bisogna pensare al turismo come ad un sistema da gestire, da programmare, da organizzare. Roma è un grandissimo laboratorio, è una città aperta all’innovazione, aperta allo sviluppo, aperta alle imprese.

Roma è non solo la sua storia, la sua tradizione, il suo passato, Roma è presente e futuro. Siamo qui per puntare al turismo di qualità, ad un turismo sostenibile, perché il tema della sostenibilità fa parte del nostro nuovo modo di vivere. Dobbiamo scrivere un grande piano strategico per il turismo di Roma nell’ottica del 2025 verso il 2030, con offerte diversificate dal centro storico alle periferie perché la sfida è grande: uscire dai nostri singoli ambiti per riscrivere la storia di Roma e riconquistare il primo posto nel mondo”.

Il tema “Città d’arte e turismo sostenibile” è raccontato da diversi ospiti in rappresentanza delle loro città:
Matera, capitale europea della cultura 2019 è rappresentata Mariangela Liantonio, Assessore del Turismo, Agricoltura, Commercio e Artigianato, Politiche per il lavoro Eventi e Spettacoli, dopo la testimonianza sulla recente alluvione, ribadisce che ci vuole l’impegno per trovare nuove soluzioni che possano contrastare il cambiamento climatico a tutela della città, dei cittadini e dei turisti sempre più numerosi.

Futouroma, verso un piano strategico per il turismo di Roma Capitale

Roma, che città ambientale è? Carlo d’Orta del comitato scientifico Fondazione Univerde, docente Link Campus University, afferma che tutte le aziende che lavorano nel settore del turismo sostenibile andrebbero aiutate con  un ecobunus per fare crescere la green economy, come passo reale verso il new deal.

Iacopo Mazzetti, Capo segreteria Assessorato del turismo, Sport e Qualità della Vita di Milano, non più da bere ma da vivere, una città multietnica di turismo e lavoro, con una importante vita culturale. Milano come cartina del mondo dopo l’expo del 2015.

Non è potuta intervenire Paola Mar, Assessore del Turismo di Venezia, a causa dell’acqua alta, un problema serio che ha riacceso il tema del Mose di Venezia, della necessità di concretizzare un intervento per preservare il territorio dalle sue fragilità.

Roma non è solo Colosseo e Musei Vaticani, ma anche parco archeologico, le Terme di Caracalla, Parchi verdi, tanti, tantissimi siti ”minori” che hanno bisogno di  essere proposti. È importante creare dei circuiti di interesse da offrire ad un crescente flusso di turisti. “il tempo, la pazienza e l’unità” per un week end che possa fare cambiare la percezione storico-culturale del cittadino come afferma Maria Vittoria Marini Clarelli, Sovrintendente capitolina ai Beni Culturali.

Futouroma, verso un piano strategico per il turismo di Roma Capitale

Giuseppe Roma, Vicepresidente del Touring Club, associazione che quest’anno compie 125 anni, il turismo va gestito con la responsabilità di tutti, dai cittadini ai politici per un’offerta mondiale.

Roma lavora per Roma: la filiera professionale, istituzionale, accademica ha collaborato per delineare la profilazione di un turismo sostenibile e di qualità, di cui possano beneficiare tutti a 360°. Il nostro ringraziamento va a tutti loro”, dichiara Carlo Cafarotti, assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale.

Tra le azioni in programma, il varo del Bollino Made in Roma che certificherà la qualità dell’offerta delle attività ricettive e ristorative, ma anche dell’accoglienza turistica in generale, l’istituzione di una task force di Polizia turistica per contrastare il fenomeno della ricettività illegale e la costituzione di una Destination Management Organisation (D.M.O.), un braccio operativo a partecipazione mista pubblico-privata, per la cooperazione di tutti gli stakeholder di settore.

La riorganizzazione della rete dei punti informativi, gli itinerari tematici via QR Code/beacons, i sistemi digitali Web/Informazione turistica, Thanks for visiting Roma e Roma Concierge, ovvero il sistema accoglienza attraverso WhatsApp, chiudono infine il quadro degli strumenti previsti.

Da queste premesse sono stati declinati i punti chiave da sviluppare con azioni e programmi:
Attrattività – Accessibilità – Competitività – Gestione ed innovazione – Sostenibilità ed inclusione – Accoglienza ed ospitalità – Intelligence e data – Sensibilizzazione – Governance e finanziamento – Formazione e professionalizzazione.

In un clima di partecipazione e di buoni propositi si è concluso il dibattito, con tanta voglia di “fare futuro” insieme per un turismo sostenibile.

Foto
Manola Testai

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta