domenica, Giugno 26, 2022
36.1 C
Roma
spot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeAttualitàGoogle Cloud presenta Active Assist contro impronta di carbonio nel cloud

Google Cloud presenta Active Assist contro impronta di carbonio nel cloud

Google Cloud impegnato a supportare i clienti per ridurre l’impronta di carbonio nel cloud introduce nuove raccomandazioni di sostenibilità con Active Assist e presenta la suite Carbon Sense

In Active Assist anche una raccolta di Raccomandazioni per una serie di servizi Google Cloud, tutti finalizzati al supporto nel raggiungimento degli obiettivi operativi riguardo alla sostenibilità

Lo scorso anno Google ha analizzato i dati aggregati di tutti i clienti Google Cloud rilevando oltre 600.000 kgCO2e lordi in progetti apparentemente inattivi che se risanati o recuperati, si otterrebbe un impatto comparabile alla piantumazione di quasi 10.000 alberi.

Ad oggi Google ha come obiettivo quello di semplificare l’identificazione di ogni carico di lavoro inattivo, con le nuove raccomandazioni di sostenibilità Active Assist.

Google Cloud Active Assist è un portfolio di strumenti che si avvale di dati, intelligence e machine learning per limitare la complessità del cloud e le difficoltà legate alle attività amministrative.

Nel portfolio Active Assist, sono presenti prodotti e strumenti come Policy Intelligence, Network Intelligence Center, Predictive Autoscaler e una raccolta di Raccomandazioni per una serie di servizi Google Cloud, tutti finalizzati al supporto nel raggiungimento dei propri obiettivi operativi.

Inoltre per consentire la realizzazione dei propri obiettivi di sostenibilità e la riduzione della carbon footprint dei carichi di lavoro, si stanno estendendo la capacità di Active Assist.

Google Cloud presenta Active Assist contro impronta di carbonio nel cloud
Foto @Google Cloud

Le emissioni di carbonio associate all’infrastruttura cloud possono rappresentare una parte considerevole della propria impronta ambientale totale. Per questo Google ha compensato l’energia utilizzata dai suoi data center con il 100% di energia rinnovabile dal 2017 e si è impegnata a gestire le proprie operazioni con energia carbon-free 24 ore su 24, 7 giorni su 7, entro il 2030.

Dal momento in cui si opera su Google Cloud, se si desidera ridurre le emissioni lorde di carbonio dei carichi di lavoro è possibile intervenire per ottimizzarne l’utilizzo.

Impatto lordo del carbonio, la valutazione

Ora con Active Assist Unattended Project Recommender è possibile stimare le emissioni lorde di carbonio che si risparmieranno con la rimozione di progetti inattivi, strumento che fornisce insight di utilizzo approfonditi di tutti i progetti nella propria organizzazione e utilizza il machine learning per identificare quelli inattivi e molto probabilmente non presidiati.

I dati che Active Assist visualizza come parte dei propri insight di utilizzo includono ora carbonFootprintDailyKgCO2 che consente di stimare le emissioni di carbonio associate a un determinato progetto.

Le raccomandazioni valutano anche l’impatto derivante dalla rimozione di un progetto inattivo in termini di chilogrammi di CO2 risparmiati al mese.

La funzionalità è disponibile tramite Recommender API, Recommendation Hub, la dashboard Carbon Footprint e l’esportazione delle raccomandazioni in BigQuery, semplificando l’integrazione con gli strumenti e i flussi di lavoro esistenti nella propria azienda.

La suite Carbon Sense

Incrementare la sostenibilità delle applicazioni e delle infrastrutture digitali è una priorità per il 90% dei leader IT globali, e Google continuerà ad investire in varie aree di prodotto, incluse le funzionalità AIOp come i suggerimenti di Active Assist per supportare il progresso verso i propri obiettivi di sostenibilità.

Google, al fine di semplificare la consultazione e l’utilizzo di queste nuove funzionalità, sta unificando il proprio lavoro sui prodotti esistenti e futuri nella suite Carbon Sense – una raccolta di funzionalità che rende semplice riportare con precisione le proprie emissioni di carbonio e ridurle.

Active Assist si aggiunge a prodotti come Carbon Footprint, che fornisce la possibilità di comprendere e misurare le emissioni lorde di carbonio del proprio utilizzo di Google Cloud, e a low-carbon signals, che aiutano gli utenti a scegliere le Regioni più pulite per operare i propri carichi di lavoro.

Active Assist, le raccomandazioni di sostenibilità

Per iniziare a lavorare con le raccomandazioni di sostenibilità di Active Assist, basta visualizzare la dashboard Carbon Footprint e Recommendation Hub per esaminare i progetti che potrebbero essere inattivi e valutare le emissioni di carbonio ad essi associate. Ecco come consultare le raccomandazioni in Google Cloud Console.

Le raccomandazioni sono visualizzabili se si è in possesso delle autorizzazioni IAM per Unattended Project Recommender e delle autorizzazioni per visualizzare le risorse in una data organizzazione.

Le raccomandazioni si possono anche esportare dalla propria organizzazione in BigQuery e successivamente indagare su eventuali progetti inattivi con DataStudio o Looker. In alternativa, è possibile avvalersi di Connected Sheets per utilizzare Google Workspace Sheets e interagire con i dati memorizzati in BigQuery senza dover programmare query SQL.

Inoltre, come con qualsiasi altro Recommender, è possibile scegliere di negare il trattamento dei dati per la propria organizzazione o i propri progetti in qualsiasi momento disabilitando i gruppi di dati corrispondenti nella scheda Transparency & Control nelle impostazioni di Privacy & Security.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -spot_img

I PIù LETTI