Il cibo strumento di pace, dialogo, incontro e confronto

A Roma, una giornata di studio per sottolineare come il cibo possa rappresentare lo strumento per riscoprire e rimettere in campo valori come solidarietà ed inclusione, ma anche identità e difesa della terra e del lavoro agricolo. Il cibo come elemento unificatore e di conoscenza delle persone e della loro cultura.

0

Il cibo da troppo tempo è divenuto un ulteriore strumento di profitto a svantaggio della salute, delle popolazioni locali e dell’ambiente. E’ dunque fondamentale tornare a dargli il giusto valore e significato. Il cibo rappresenta un elemento che, dalla sua produzione al consumo, può contribuire a vincere le resistenze, ad aprirsi al nuovo e al differente, a sperimentare forme di contaminazione che incuriosiscano e attirino attenzione.

Il cibo può e deve diventare uno strumento anti-intolleranza: elemento di congiunzione, di dialogo, di inclusione e convivenza pacifica, quanto mai urgente, considerando il progressivo affermarsi nella società occidentale di preoccupanti fenomeni di intolleranza verso cittadini stranieri.

Ma che cosa occorre per riconsegnare al cibo questi valori positivi? Le cosa da fare non mancano: dal ripensare gli stili di consumo alla ricostruzione di tecniche di produzione e di filiere agricole che, riscoprendo i saperi tradizionali, riducano l’impatto ambientale e sociale dell’agricoltura e riaffermino la centralità dei piccoli produttori.

Il cibo strumento di pace, dialogo, incontro e confronto (Foto Pixabay)

Il cibo per unire, per costruire ponti fatti di dialogo, incontri e confronti. Il cibo per la pace e l’integrazione tra i popoli di culture e religioni diverse. È questo il cuore della giornata di studio organizzata da  Regione Lazio, Arsial (Agenzia Regionale per lo Sviluppo e Innovazione dell’Agricoltura del Lazio) e l’associazione di giornalismo ambientale Greenaccord Onlus a Roma, nell’aula magna Augustinianum, a San Pietro, dove esperti, studiosi e studenti delle scuole alberghiere e agrarie del Lazio hanno discusso di buone pratiche legate al valore e al significato del cibo.

Il cibo strumento di pace, dialogo, incontro e confronto

Cibo e cultura

Ernesto di Renzo, storico dell’alimentazione dell’Università di Roma Tor Vergata, nel suo intervento ha sottolineato come “condividere il cibo rappresenti un atto di ingegno e di cultura e mangiare secondo cultura significa stabilire una relazione con chi è con noi”. Il cibo e le cucine, secondo Di Renzo, rappresentano “le prime e promettenti basi del contatto e della conoscenza tra persone di culture diverse”. Un linguaggio universale “che permette di comunicare oltre le barriere”. Il cibo ha un enorme valore simbolico “segna il nostro tempo, la nostra appartenenza di classe e territoriale, ma può essere allo stesso tempo sintomo del male interiore e del disagio psichico contemporaneo quando prende corpo nelle forme di anoressia-bulimia sempre più diffuse”.

Cibo e solidarietà

Particolarmente significativi, proprio per sottolineare come cibo e agricoltura possano diventare fortissimi strumenti sociali, sono stati gli interventi di Salvatore Stingo, presidente della cooperativa sociale Agricoltura Capodarco di Grottaferrata, e Paolo Venezia responsabile di Slow Food Roma. Il primo ha ricordato l’esperienza quarantennale di Agricoltura Capodarco nel dare lavoro a soggetti con difficoltà mentali e fisiche e ad ex tossicodipendenti. 40 persone di 7 nazionalità differenti che hanno potuto riaffermare il loro ruolo nella società attraverso il lavoro in agricoltura. Il secondo ha presentato Tavole Solidali, una rete di iniziative di solidarietà diffuse sul territorio di Roma, pranzi e cene organizzati da chiunque abbia il desiderio e la volontà di farlo. Un modo di condividere un pasto per ripartire dalle relazioni, sedere alla stessa tavola per imparare a conoscersi in maniera conviviale. Il tutto per dare sostegno a Baobab Experience, che in maniera del tutto volontaria offre accoglienza e servizi ai migranti.

Il cibo strumento di pace, dialogo, incontro e confronto

Cibo ed identità

Secondo Antonio Rosati, presidente di Arsial, “Il cibo è il più potente fattore sociale contemporaneo, chi lavora intorno al cibo ha la possibilità di fare incontrare le persone, di spezzare la solitudine. In Italia ci sono 5 milioni di poveri, ma anche la contraddizione dell’obesità e dello spreco di cibo. Ecco perché ogni volta che facciamo la spesa possiamo mettere in atto un gesto politico, nel senso nobile del termine, scegliendo prodotti che tutelino il lavoro degli agricoltori, la nostra identità e la terra”.

Cibo e fede religiosa

Una particolare rilevanza ha assunto la tavola rotonda tra i rappresentanti delle principali religioni per spiegare le differenze alimentari tra i diversi culti e favorire il dialogo interreligioso. Cattolicesimo, Ebraismo, Islam e Induismo seduti insieme allo stesso tavolo hanno condiviso il rispetto per il creato e per ogni forma di vita. Chiamati ad intervenire: Sandro Di Castro, presidente della comunità ebraica romana; Yahya Pallavicini, presidente del Coreis (comunità religiosa islamica italiana); Paolo Trianni, teologo cattolico e Svamini Hamsananda, vice presidente della comunità induista.

Caro lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta