Inge Morath. La vita. La fotografia, al Museo di Roma in Trastevere

A Roma la retrospettiva italiana di Inge Morath, prima fotoreporter donna entrata a far parte della famosa agenzia fotografica Magnum Photos

0

Roma, 2 dicembre 2019

Roma ospita nel Museo di Roma in Trastevere la retrospettiva italiana di Inge Morath. La vita. La fotografia, aperta al pubblico sino al 19 gennaio 2020 . Una retrospettiva di circa centoquaranta scatti in bianco e nero che rende omaggio ad Inge Morath (Graz, 1923 – New York 2002). “La fotografia è essenzialmente una questione personale: la ricerca di una verità interiore”, così considerava lo scatto Inge Morath (1923-2002), prima fotoreporter donna  entrata nella storica agenzia Magnum Photos.

Green Planet News ha partecipato all’inaugurazione che si è tenuta al Museo di Roma in Trastevere alla presenza di Luca Bergamo, vice Sindaco con delega alla Crescita culturale del Comune di Roma, di Maria Vittoria Marini Clarelli, Sovrintendente Capitolina ai Beni Culturali,  di Silvana Bonfili, responsabile del Museo di Roma in Trastevere ed uno dei curatori dell’esposizione Kurt Kaindl.

Inge Morath. La vita. La fotografia. al Museo di Roma in Trastevere
Inge Morath, Autoscatto, Gerusalemme, 1958

Chi era Inge Morath?

Morath nasce a Graz, in Austria, nel 1923. Cresciuta in un ambiente colto e intellettuale, studia lingue romanze all’università di Berlino e ama viaggiare. Non teme barriere culturali, linguistiche o geografiche. La meta del suo primo viaggio in Italia è Venezia. Tra le strade dell’antica Repubblica Serenissima, prende corpo la passione per la fotografia. Inge rivolge il suo obiettivo verso i luoghi meno frequentati e i quartieri popolari della città, cogliendo le persone nella loro propria quotidianità.

Inge Morath, una viaggiatrice

Inge Morath era una viaggiatrice insaziabile. Il marito Arthur Miller, che conobbe sul set de Gli spostati, ultimo film finito di Marilyn Monroe, descriveva così questa sua passione: “Inge inizia a fare i bagagli non appena vede una valigia”.

Nel corso della sua carriera ha realizzato reportage fotografici in Spagna, Medio Oriente, Stati Uniti, Russia e Cina, tutti preparati con cura maniacale. La conoscenza di diverse lingue straniere le permette di analizzare in profondità ogni situazione e di entrare in contatto diretto e profondo con la gente con preparazione, conoscenza, empatia. “Così può giungere al momento magico, quello della chiusura dell’otturatore. Un momento di gioia, paragonabile alla felicità del bambino che in equilibrio in punta di piedi, improvvisamente e con un piccolo grido di gioia, tende una mano verso un oggetto desiderato”, amava ripetere la fotografa.

Inge Morath inizia a scattare nel 1952. L’anno successivo, grazie a Robert Capa, comincia a lavorare per Magnum Photos a Parigi. Il suo primo importante reportage, datato 1953, è dedicato ai “Preti operai”. È di questi anni l’incontro con Henry Cartier-Bresson, con cui inizia un sodalizio decennale che ne segnerà l’esistenza. Proprio nel 1960, l’anno del ritratto di Rosanna Schiaffino, Inge accompagna infatti Cartier-Bresson a Reno, per lavorare sul set de Gli Spostati, pellicola con Marilyn Monroe e Clarke Gable diretta da John Huston. Qui scatta uno dei suoi più bei ritratti: una Marilyn quasi scomposta che sola, lontana dal set, prova dei passi di danza.

Inge Morath, Un lama a Times Square, New York, 1957

Un percorso ricco, articolato in 12 sezioni

Oltre 140 scatti e numerosi documenti inediti, il cammino umano e professionale di Inge Morath, dagli esordi come giornalista, all’apprendistato al fianco Ernst Haas ed Henri Cartier-Bresson, fino alla collaborazione con prestigiose riviste quali Picture Post, LIFE, Paris Match, Saturday Evening Post e Vogue.

Minuziosa e seria nell’ affrontare il lavoro,  affronta ogni viaggio con preparazione e studiando la lingua e la cultura del luogo. Conosceva e parlava in maniera fluente tedesco, inglese, francese, spagnolo, rumeno, russo e mandarino. “Più attratta dall’elemento umano che dall’astratto”, come lei stessa sottolinea.

Nelle fotografie esposte in questa retrospettiva si può notare una grande attenzione all’elemento umano, agli atteggiamenti, e si può capire come la sua passione per le culture e per il nuovo le abbia permesso di realizzare degli scatti pieni di vita e in grado di raccontare. “Ho amato la gente. Mi hanno permesso di fotografarli, ma anche loro volevano che li ascoltassi, per dirmi quello che sapevano. Così abbiamo raccontato la loro storia insieme”

Ricca, infatti, la sezione dedicata ai grandi artisti, scrittori e celebrità: Henri Moore, Alberto Giacometti, Jean Arp, Pablo Picasso, André Malraux, Doris Lessing, Philip Rothe, Igor Stravinskij, Yul Brynner, Audrey Hepburn, Marilyn Monroe, Pierre Cardin, Fidel Castro. Imperdibili le foto della casa di Boris Pasternak, della biblioteca di Puskin, della casa di Cechov.

Ritratti, ma anche opere concettuali. Con Saul Steinberg, durante la sua prima permanenza a New York, collabora per realizzare un servizio fotografico di interazione tra le maschere create dell’artista e i cittadini della Grande Mela, studiando con precisione i soggetti e le ambientazioni. In Romania scatta, invece, un reportage di tutte le città ai bordi del Danubio in epoca comunista, riuscendo a interpretare dignità e semplicità di un popolo.

Inge Morath, Audrey Hepburn sul set di “Unforgiven”, Messico, 1959

Poco prima di morire, il 30 gennaio 2002, Morath lavora a una serie di scatti tra Austria e Slovenia. Al momento della morte, la fotografa lascia un rullino ancora da sviluppare. All’interno del rullino i suoi collaboratori trovano la sua ultima fotografia: un autoscatto del 1958 su cui la fotografa ha posato con una pianta secca a mo’ di maschera. Una maschera come metafora, la volontà di Inge di mimetizzarsi fino alla morte con l’ambiente circostante. La volontà di lasciare ai soggetti spazio per mostrare la propria identità, perchè come affermava Inge Morath “La fotografia è un fenomeno strano … Ti fidi dei tuoi occhi ma non puoi fare a meno di mettere a nudo la tua anima.”

L’ultima fotografia, un autoscatto del 1958 con una pianta secca a mo’ di maschera

L’esposizione è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e curata da Marco Minuz, Brigitte BlümlKaindl, Kurt Kaindl. Organizzazione: Suazes, in collaborazione con Fotohof e Magnum Photos, e con il supporto di Zètema Progetto Cultura. Catalogo: Silvana editoriale

Per tutte le informazioni: Museo di Roma in Trastevere

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta