L’assemblea annuale di Federmanager Roma: sfide da vincere

Personalità del mondo della politica, dell’imprenditoria, dello sport e delle istituzioni hanno offerto il loro contributo di esperienza e professionalità rispondendo all’invito di Federmanager Roma in occasione della sua Assemblea annuale 2019. Tanti gli spunti di interesse, nella convinzione che soltanto dalla classe manageriale può ripartire l’economia di Roma, del Lazio e dell’intero Paese

0

L’assemblea annuale di Federmanager Roma: sfide da vincere. “Sfide da vincere. Siamo Pronti. I manager per il futuro di Roma e della Regione Lazio”, questo il titolo dell’Assemblea annuale 2019 di Federmanager Roma che si è svolta lo scorso 24 giugno presso l’Hotel Quirinale di Roma.

Ad accogliere il numerosissimo pubblico, il presidente di Federmanager Nazionale Stefano Cuzzilla, che, in apertura dei lavori, ha chiesto ai partecipanti di osservare un minuto di silenzio nel ricordo di Domenico Gargano, padre di Giacomo Gargano presidente di Federmanager Roma e Unione Dirigenti Industria Lazio. Vero gigante per la città di Cassino, della quale è stato a lungo sindaco ed assessore, a lui si deve lo stabilimento Riv-Skf, la Fiat e buona parte degli altri insediamenti produttivi, l’università, lo sviluppo della rete viaria del comprensorio, gli impianti sportivi di via Appia. Dal 1970 al 1975 ha anche ricoperto la carica di presidente dell’Amministrazione Provinciale di Frosinone.

L’assemblea annuale di Federmanager Roma: sfide da vincereNella sua relazione il Presidente Gargano ha sottolineato come “gli obiettivi da perseguire sono tanti e ambiziosi , ma allo stesso tempo irrinunciabili, soprattutto per un territorio come il nostro che non soltanto deve ripartire, ma deve recuperare il terreno perso. Roma paga lo scotto di essere terreno di battaglia tra i poteri forti, nazionali e internazionali, portando sulle spalle una zavorra che frena la crescita e può vanificare ogni sforzo di ripresa. Per fortuna – ha aggiunto – l’economia laziale ha un’eredità di primati e valori che l’attuale rallentamento scalfisce ma non abbatte e ancora una volta il management industriale mette le proprie competenze al servizio della collettività. I rischi di un’involuzione economica sono dietro l’angolo, occorre uno sforzo superiore da parte di tutti gli attori coinvolti. Noi siamo pronti”.

Giacomo Gargano presidente di Federmanager Roma e Unione Dirigenti Industria Lazio

Come ha precisato il Presidente di Federmanager Nazionale Stefano Cuzzilla: “La capitale e la regione Lazio devono rappresentare il motore per il rilancio del Paese. In questa regione vantiamo settori importanti, dal farmaceutico all’edilizia, passando per la meccanica, la logistica e i servizi. Sono realtà che vanno sostenute”.

Incisivo il contributo di Gherardo Zei, Vicepresidente di Federmanager Roma, che ha invitato tutti i partecipanti a riflettere sul significato dell’impegno sindacale come momento di aggregazione per una categoria, come quella dei dirigenti, che sta subendo pressioni ed attacchi sia nella sua componente giovanile in servizio sia nella categoria dei pensionati, spesso all’indice per presunti privilegi immeritati. “Da più parti – ha aggiunto Zei – i manager vengono indicati come tassello fondamentale per il rilancio produttivo del Paese, ma sempre più spesso è evidente un’incoerenza tra annunci e provvedimenti concreti”.

L’assemblea annuale di Federmanager Roma: sfide da vincere

Tanti e qualificati gli interventi nel corso dell’assemblea, moderati in modo brillante da Manuela Moreno, vice caporedattrice del Tg2 Rai. Politica, sicurezza, imprenditoria, università e sport: ognuno ha declinato il termine “sfida” in base alla propria esperienza e alle proprie professionalità. Gennaro Vecchione, Direttore Generale Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza della Repubblica e Nicolò Marcello D’Angelo, Prefetto già Vice Capo della Polizia hanno concentrato la loro attenzione sulla cyber security e sulla necessità di rafforzare le misure di difesa contro possibili attacchi informatici alle imprese.

Giovanni lo Storto, Direttore Generale Luiss Guido Carli, ha ricordato l’impegno della sua università nella formazione dei giovani manager con l’acceleratore di impresa Luiss Enlabs e la futura scuola per la formazione di super esperti digitali Luiss42.

Claudio Lotito, Presidente della S.S. Lazio, ha sottolineato i successi di bilancio e sportivi della squadra romana, dicendosi pronto a nuove sfide.

L’assemblea annuale di Federmanager Roma: sfide da vincere

William De Vecchis, Vice presidente Commissione Lavoro pubblico e privato Senato della Repubblica e Annamaria Parente, Vice presidente Commissione Lavoro pubblico e privato Senato della Repubblica, hanno rappresentato alla platea la posizione della politica e le sfide che a questa si impongono per agevolare il lavoro degli imprenditori e dei manager. Da apprezzare il clima di confronto che, come sottolineato da entrambi, è indispensabile per raggiungere risultati.

I contributi di Filippo Tortoriello, Presidente Unindustria (Unione degli Industriale e delle Imprese del Lazio) e Riccardo Pedrizzi, Presidente Nazionale C.T.S. UCID (Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti), hanno concluso gli interventi.

L’assemblea annuale di Federmanager Roma: sfide da vincere

 

La kermesse è stata impreziosita dalle testimonianze di Mario Trimeri, manager e primo scalatore al mondo ad aver scalato le Seven Summits e le Volcanic Seven Summits e Raffaele Zurlo CEO Brenner Basis Tunne, cioè il tunnel che attraversa il Brennero per 64 chilometri, da Fortezza fino a Tulfes in Austria, e parte del progetto europeo Ten T che darà vita al corridoio scandinavo-mediterraneo .

 

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta