mercoledì, Luglio 24, 2024

Rome 27°C

Piotta: “Molti voti al Premio Tenco ma non sono in cinquina, come mai?”

(Adnkronos) – "Ieri come avete visto sono uscite le cinquine del Premio Tenco. Pur avendo ricevuto tantissimi voti da molti dei giurati, che ringrazio uno per uno, ma 'Na notte infame' 'non è dentro. Girano voci che questi voti non siano stati proprio presi in considerazione. Se fosse così mi chiedo: 'come mai?'". Lo scrive Piotta, al secolo Tommaso Zanello, sui suoi canali social, chiedendo spiegazioni agli stessi promotori del Premio: "Se il Club Tenco – Premio Tenco potesse darci la motivazione – scrive il rapper e produttore discografico – darebbe prova di grande trasparenza, per rispetto di tutto il progetto, viste anche le motivazioni da cui nasce e di tutti i giornalisti che votano", conclude l'artista.  Le cinquine dei finalisti delle Targhe Tenco 2024 – il premio assegnato dal 1984 a 'I migliori dischi dell’anno' di canzone d’autore pubblicati nel corso dell’anno, che si terrà il 17, 18 e 19 ottobre al Teatro Ariston di Sanremo – vedono in lizza per il 'Migliore album in assoluto': Paolo Benvegnù con 'È inutile parlare d’amore'; Vasco Brondi con 'Un segno di vita'; Calcutta con 'Relax'; La Crus con 'Proteggimi da ciò che voglio'; Daniele Silvestri con 'Disco X'. Per la categoria 'Migliore album in dialetto' (o lingua minoritaria parlata in Italia), in cinquina compaiono: Eleonora Bordonaro con 'Roda'; Mesudì -con 'Nodi'; Setak con 'Assamanù'; Massimo Silverio con 'Hrudja'; Davide Van De Sfroos con 'Manoglia'. E ancora: il 'Migliore album opera prima' (primo album di lunga durata del titolare, cantautore o gruppo): Coanda con 'Le vite altrove'; Marta Del Grandi con 'Selva'; Lamante con 'In memoria'; Elisa Ridolfi con 'Curami l'anima' e Andrea Satta con 'Niente di nuovo tranne te'. Per il 'Migliore album di interprete': Joe Barbieri con 'Vulío'; Simona Molinari con 'Hasta Siempre Mercedes'; Alberto Patrucco con 'AbBrassens'; Perturbazione con 'La Buona Novella' (dal vivo); Chiara Raggi e Giovanna Famulari con 'In punta di corde' e Agnese Valle con 'I miei uomini'. Per il premio 'Migliore canzone singola' (il premio va agli autori del brano), la cinquina vede: 'La fioraia' di Agnese Valle; 'La mia terra' di Diodato; 'La promessa della felicità' di Federico Sirianni; 'L'oceano' di Paolo Benvegnù; 'L'uomo nel lampo' di Paolo Jannacci e Stefano Massini. A contendersi il 'Migliore album a progetto' sono: 17 fili rossi + 1 – Ricordando Piazza Fontana; Parole liberate vol. 2; Sarò Franco – Canzoni inedite di Califano; Shahida – Tracce di libertà; Stagioni.Tributo ai Massimo Volume.  —spettacoliwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

ALTRI ARTICOLI
nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i più letti

Newsletter

Gli articoli della settimana direttamente sulla tua email

Newsletter