Travel Book Trenitalia, i siti Unesco tutti da scoprire

Presentato a Roma il Travel Book di Trenitalia in cui vengono illustrati e raccontati i 33 siti italiani raggiungibili da Nord a Sud, in treno. Conoscere la bellezza della nostra cultura e dei nostri paesaggi in modo sostenibile, sempre più green, è ora possibile

0

Trenitalia propone il Travel Book che racconta e raccoglie ben 33 siti Unesco raggiungibili in treno tra quelli presenti in Italia. Il nostro Paese stima infatti un grande e straordinario numero di siti inseriti nella Lista dei Patrimoni dell’Umanità.

Motivo, questo, che, associato alla tendenza in crescita dei viaggiatori che durante il tempo libero, scelgono di muoversi in treno, porta la società di trasporto del Gruppo FS Italiane, ad offrire l’occasione di vivere nel modo migliore possibile questo tempo libero, mettendo insieme comodità, sicurezza e relax con un turismo che vuole essere sempre più green e sostenibile.

Trenitalia ha presentato il Travel Book presso la sede della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco e grazie all’impulso di questa collaborazione, è possibile ora consultare una guida dettagliata delle 33 bellezze Unesco presenti in Italia e percorribili in treno da Nord a Sud.

Tutto ciò grazie agli oltre 5 mila collegamenti giornalieri dei trasporti regionali e dagli oltre 280 servizi quotidiani effettuati con le Frecce Trenitalia. Nel corso dell’anno 2018, rispetto a quello precedente, vediamo crescere dell’8% il numero di viaggi nei treni regionali durante il tempo libero, crescita che porta a quota 29% il numero di persone che si spostano per viaggi di piacere rispetto al totale dei viaggiatori.

Il progetto

Trenitalia, grazie a questo progetto editoriale, intende rispondere alle esigenze di questi stessi viaggiatori, permettendo loro di raggiungere direttamente il cuore delle bellezze italiane, luoghi meravigliosi e talvolta poco conosciuti, semplicemente in treno, accostando il tutto alla filosofia del viaggio green, sostenibile.

La possibilità è quella di scoprire centri storici, siti archeologici, località realizzate dall’essere umano o regalate dalla natura, conoscendo quelle peculiarità che hanno portato al riconoscimento del loro valore e della loro bellezza, motivi della loro conseguente iscrizione nella Lista dei Patrimoni Mondiali dell’Umanità. Nella versione sfogliabile del Travel Book, disponibile in forma digitale su trenitalia.com, si raccolgono accuratamente cenni storici, principali curiosità, attrazioni, cultura, prodotti tipici e sapori del posto oltre che particolari eventi delle location trattate.

Troveremo, inoltre, informazioni dettagliate sulla tratta ferroviaria che interessa per sapere perfettamente come raggiungere la destinazione scelta. A breve, sarà anche prevista la versione in inglese, in vista del numero dei turisti stranieri che scelgono di visitare l’Italia attraverso i treni regionali. Un’ulteriore opportunità per far conoscere a tutti, oltre i confini, le grandi bellezze presenti nel nostro Paese.

Travel Book Trenitalia, i siti trattati

Ma quali sono i siti italiani patrimonio dell’ Unesco, raggiungibili con treni regionali Trenitalia, illustrati e raccontati nel Travel Book appena presentato?

• Piemonte: Le residenze della casa Reale Savoia in Piemonte – Torino, Moncalieri e Racconigi; Sacri monti del Piemonte – Orta; I paesaggi vitivinicoli del Piemonte – Langhe-Roero e Monferrato; Ivrea – città industriale del XX secolo.
• Lombardia: Mantova – la città.
• Veneto: Venezia e la sua laguna; Vicenza – la città e le ville palladiane del Veneto; Padova – l’orto botanico; Verona – la città; Le Dolomiti; Siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino – Cerea e Peschiera del Garda.
• Friuli Venezia Giulia: Opere di difesa veneziane tra XVI e XVII secolo – la fortezza di Palmanova.
• Liguria: Le Cinque terre; Genova – le strade nuove e il sistema dei Palazzi dei Rolli.
• Emilia Romagna: Ferrara – città del Rinascimento e il suo Delta del Po; Ravenna – i monumenti Paleocristiani; Modena – la Cattedrale, la Torre Civica e Piazza Grande.
• Toscana: Firenze – il centro storico; Firenze – Ville e giardini medicei in Toscana; Pisa – la Piazza del Duomo; Siena – il centro storico.
• Umbria: Assisi – la Basilica di S. Francesco e altri siti francescani; I Longobardi in Italia – la Basilica di S. Salvatore a Spoleto.
• Lazio: Roma – il centro storico; Tivoli – Villa d’Este.
• Campania: Napoli – il centro storico; La costiera amalfitana – Vietri sul mare; Pompei, Ercolano e Torre Annunziata – le aree archeologiche; Caserta – la Reggia; Cilento – Paestum.
• Sicilia: Val di noto – le città tardo barocche; Siracusa; Palermo arabo-normanna e la Cattedrale di Cefalù.

Viaggiare in treno per arrivare direttamente nel cuore della bellezza italiana, la bellezza di quei luoghi che molto spesso siamo abituati a dare per scontati perché sempre sotto i nostri occhi o che non riusciamo a vedere completamente, perché poco valorizzati, oppure che neanche conosciamo perché troppo distanti dalla nostra regione d’appartenenza o ancora perché fuori da quel turismo di massa a cui siamo soliti; zone nascoste, forse più appartate, capaci di meravigliare ancora perché poco conosciute, ma in attesa di essere scoperte, apprezzate, vissute.

Un modo di viaggiare e trascorrere il tempo libero assaporando la novità di luoghi che sono Patrimonio dell’Umanità, attraverso la loro bellezza culturale, la straordinarietà dei loro paesaggi, la singolarità dei loro sapori e profumi.

Un viaggio alla scoperta dell’unicità italiana per trascorrere il proprio tempo libero in modo salutare, associando la meraviglia paesaggistica alla tutela del nostro ambiente, abbandonando la propria macchina, scegliendo di non immergersi nello stress del traffico stradale con il conseguente inquinamento da questo prodotto, ma optando piuttosto per un viaggiare eco sostenibile, sempre più green.

Lascia una risposta