giovedì, Aprile 25, 2024

Rome 14°C

Ucraina, Russia avanza ancora. Biden in pressing: Kiev ha bisogno di armi Usa

(Adnkronos) – L'Ucraina continua ad arretrare, la Russia avanza ancora e Joe Biden a Washington lancia l'ennesimo allarme: Kiev ha bisogno delle armi americane. La guerra, entrata nel terzo anno, prosegue con un trend favorevole a Mosca ormai da settimane. La Russia, dopo la conquista della città di Avdiivka una decina di giorni fa, si spinge verso ovest e approfitta dell'arretramento delle forze armate ucraine. I soldati di Kiev lasciano i villaggi di Sieverne e Stepove, dopo aver ceduto qualche ora prima anche le posizioni a Lastochkyne. Una strategia prevedibile, alla luce della carenza di armi e munizioni, e tra l'altro annunciata apertamente dal presidente Volodymyr Zelensky nella conferenza stampa di domenica 25 febbraio: "Cederemo terreno per non perdere vite umane", la sintesi del leader.  
L'Ucraina è in difficoltà e, sopratutto lungo il fronte orientale, ha dovuto fare i conti con una netta inferiorità in termini di munizioni. Come ha detto lo stesso Zelensky, il rapporto nelle dotazioni di artiglieria è di 1:7. Per ogni colpo sparato da Kiev, Mosca risponde 7 volte. In queste condizioni, anche la difesa diventa complicata e bisogna ripiegare. Mentre la Russia può contare su forniture massicce da parte della Corea del Nord, come ha denunciato la Corea del Sud facendo riferimento ad un nuovo invio da parte del regime di Kim Jong-un, l'Ucraina deve fare i conti con lo stallo a Washington, dove è bloccato ormai da mesi il pacchetto da 61 miliardi di dollari con armi e aiuti. Il Senato ha votato il via libera, ma alla Camera dei Rappresentanti – a maggioranza repubblicana – il tema non è all'ordine del giorno. In un quadro caratterizzato anche dall'influenza di Donald Trump, che potrebbe condizionare le scelte di una parte dei deputati Gop, i riflettori sono puntati sullo speaker Joe Johnson, convinto che la priorità per i legislatori sia il tema dell'immigrazione e quindi la protezione del confine con il Messico: il Congresso, dice, "deve preoccuparsi prima dell'America" e poi degli aiuti all'estero. L'Ucraina è stata al centro del vertice che, alla Casa Bianca, il presidente Joe Biden ha tenuto con i leader del Congresso. "E' stato uno dei summit più intensi", ha detto Chuck Schumer, leader democratico al Senato. Tutti i presenti, compreso il repubblicano Mitch McConnell, secondo Schumer "hanno sottolineato quanto la questione sia vitale per gli Stati Uniti. Non possiamo permetterci di aspettare un mese, due o tre: con ogni probabilità, perderemmo la guerra".  L'immobilismo del Congresso rischia di incrinare il rapporto tra gli Stati Uniti e la Nato. "I leader di Corea del Nord e Iran – ha aggiunto Schumer – sarebbero spinti a pensare che gli Stati Uniti sono un paese soft e inattivo. E ne trarrebbero vantaggio". —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

ALTRI ARTICOLI
nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i più letti

Newsletter

Gli articoli della settimana direttamente sulla tua email

Newsletter