sabato, Marzo 2, 2024

Rome 15°C

Ucraina, Zelensky avverte: “Con Putin rischio Terza Guerra mondiale”

(Adnkronos) – IIl cancelliere tedesco Olaf Scholz ha capito che "Vladimir Putin non è solo un nome, ma una minaccia, e non solo una minaccia per l'Ucraina". Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, al talk show dell'emittente tedesca Ard, cerca di scuotere nuovamente l'Europa mentre la guerra tra Russia e Ucraina si avvia a tagliare il traguardo dei 2 anni. "Mi sembra che il Cancelliere capisca questo rischio", ha aggiunto, sottolineando che se la Russia colpisse un paese Nato, "sarebbe l'inizio di una Terza Guerra mondiale". Zelensky si è rammaricato ancora una volta del fatto che la Germania non sia pronta a fornire missili da crociera Taurus all'Ucraina. Tuttavia, ha detto di non ritenere Scholz responsabile di questo. La decisione del Bundestag, che aveva respinto la fornitura a maggioranza, è stata un chiaro segnale, ha osservato, auspicando una nuova decisione. Il presidente ucraino, in una conversazione telefonica con il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis, quindi ha ribadito "l'importanza" di "sbloccare" i 50 miliardi di euro promessi dall'Unione Europea, confidando che ciò consentirà di inviare un "segnale importante" agli altri partner internazionali, da cui Kiev è economicamente dipendente per affrontare l'aggressione russa. Alla vigilia del vertice dei principali leader a Bruxelles che sarà caratterizzato in gran parte sulla questione degli aiuti all'Ucraina, il presidente ucraino ha colto l'occasione per ringraziare la Grecia per il suo sostegno all'ingresso dell'Ucraina nell'Ue e per mettere sul tavolo le "esigenze difensive" di Kiev.  Il Consiglio Ue ha rinnovato oggi per altri sei mesi, fino al 31 luglio 2024, le misure restrittive adottate contro la Federazione Russa, per le azioni volte a destabilizzare la situazione in Ucraina. Le sanzioni, introdotte per la prima volta nel 2014, sono state notevolmente ampliate dal febbraio 2022, in risposta all’aggressione militare non provocata, ingiustificata e illegale della Russia contro l’Ucraina.  Oggi consistono in un ampio spettro di misure settoriali, comprese restrizioni al commercio, alla finanza, alla tecnologia e ai beni a duplice uso, all’industria, ai trasporti e ai beni di lusso. Riguardano inoltre il divieto di importazione o trasferimento di petrolio greggio trasportato via mare e di alcuni prodotti petroliferi dalla Russia all’Ue, la rimozione dal sistema Swift di diverse banche russe e la sospensione delle attività di trasmissione e delle licenze di diversi organi di disinformazione sostenuti dal Cremlino. Sono previste misure specifiche per rafforzare la capacità dell’Ue di contrastare l’elusione delle sanzioni.  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

ALTRI ARTICOLI
nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i più letti

Newsletter

Gli articoli della settimana direttamente sulla tua email

Newsletter