venerdì, Aprile 12, 2024

Rome 21°C

Vannacci indagato per peculato e truffa. Il generale: “Non commento ispezioni di servizio”

(Adnkronos) –
"L'inchiesta su di me? L'ho letta stamattina e non commento ispezioni di servizio". Così il generale Roberto Vannacci commenta all'Adnkronos la notizia dell'inchiesta sull'indagine avviata nei suoi confronti dalla Procura Militare per peculato e truffa nei mesi passati a Mosca in qualità di addetto militare.
 
Secondo quanto ha reso noto il Corriere della Sera, l’ispezione ministeriale sul generale si
è chiusa con almeno tre contestazioni Roberto Vannacci: indennità di servizio per i familiari percepite illecitamente, spese per benefit legate all’auto di servizio non autorizzate, rimborsi per l’organizzazione di eventi e cene che in realtà non sarebbero stati organizzati. La relazione è stata già trasmessa alla magistratura e la procura militare procede per peculato e truffa. L’informativa finale evidenzia "criticità, anomalie e danni erariali nelle autocertificazioni e richieste di rimborso depositate" che secondo gli ispettori "devono essere valutate dall’autorità giudiziaria".  
Il generale dovrà dunque spiegare ai pubblici ministeri che cosa accadde quando era il rappresentante della Difesa in Russia. Un incarico ottenuto il 7 febbraio del 2021 e terminato il 18 maggio 2022, quando Mosca decretò l’espulsione di 24 tra diplomatici ed esperti militari italiani per rispondere a un’analoga mossa del governo guidato da Mario Draghi che aveva preso la decisione di mandare via dall’Italia trenta fedelissimi di Vladimir Putin.  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

ALTRI ARTICOLI
nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i più letti

Newsletter

Gli articoli della settimana direttamente sulla tua email

Newsletter