lunedì, Luglio 22, 2024

Rome 27°C

Assange è libero, fondatore di Wikileaks ha lasciato Regno Unito – Video

(Adnkronos) –
Julian Assange è libero. Il 52enne fondatore di Wikileaks, dopo oltre 5 anni di carcere – 1901 giorni – nel Regno Unito, ha raggiunto un accordo con il Dipartimento di Stato americano. Assange si è imbarcato su un jet privato: la destinazione finale dovrebbe essere l'Australia. Secondo quanto riporta FlightRadar24, l'aereo è atterrato a Bangkok, in Thailandia. Da qui, Assange sarà trasferito a Saipan, sulle Isole Marianne Settentrional. Assange, in carcere per aver pubblicato con Wikileaks migliaia di documenti militari e dispacci diplomatici riservati di Washington, nella lunga battaglia legale aveva recentemente ottenuto il via libera dall'Alta Corte Britannica per presentare ricorso contro l'estradizione negli Stati Uniti. Wikileaks, in particolare, nel 2010 ha pubblicato centinaia di migliaia di documenti militari statunitensi riservati sulle guerre di Washington in Afghanistan e Iraq.    Assange, come mostra un video diffuso da Wikileaks, ha lasciato il carcere di massima sicurezza di Belmarsh nella giornata del 24 giugno, ha raggiunto l'aeroporto di Stansted e si è imbarcato su un jet privato con cui ha lasciato il Regno Unito. A bordo ci sarebbe anche un funzionario del governo australiano. L'aereo, come evidenzia FlightRadar, è diretto verso Bangkok, probabilmente per uno scalo tecnico.  L'annuncio della liberazione di Assange arriva poco dopo la notizia che si sarebbe dichiarato colpevole questa settimana di aver violato la legge statunitense sullo spionaggio, in base a un accordo che gli avrebbe permesso di tornare nella sua nativa Australia. La Bbc fa riferimento a documenti processuali secondo cui Assange dovrebbe comparire mercoledì mattina alle 9 ora locale in un'aula di tribunale delle Northern Mariana Islands, nell'Oceano Pacifico, sotto la giurisdizione degli Stati Uniti, per formalizzare l'accordo che, con l'approvazione di un giudice, chiuderà il caso. Assange avrebbe accettato, nell'ambito dell'intesa, di dichiararsi colpevole dell'unico reato di aver cospirato per ottenere e divulgare documenti riservati della difesa nazionale degli Stati Uniti. Il fondatore di Wikileaks dovrebbe essere condannato ad una pena di 62 mesi da scontare in carcere, ma secondo l'intesa – dopo la detenzione nel Regno Unito – non passerà più tempo in cella. Secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, Assange tornerà in Australia. WikiLeaks ha precisato in una nota che Assange ha trascorso in carcere 1.901 giorni, ''in una cella di 2 metri per 3 metri, isolato 23 ore al giorno''. WikiLeaks nel 2010 ha pubblicato centinaia di migliaia di documenti militari statunitensi riservati sulle guerre di Washington in Afghanistan e Iraq, le più grandi violazioni della sicurezza di questo tipo nella storia militare degli Stati Uniti, insieme a una serie di dispacci diplomatici.  Il primo ministro australiano Antony Albanese ha detto di "volere che venga riportato a casa in Australia" Julian Assange e che "ciò avvenga molto presto". Riferendo in Parlamento, Albanese ha spiegato che "abbiamo difeso gli interessi dell'Australia utilizzando tutti i canali appropriati per arrivare a un risultato positivo e l'ho fatto fin dall'inizio del mio mandato di primo ministro". Albanese ha aggiunto che "sia come leader laburista che come opposizione, ma anche come primo ministro sono stato molto chiaro nel dire che, indipendentemente dalle opinioni che le persone hanno su Julian Assange e sulle sue attività, il caso si è trascinato per troppo tempo. Non c’è nulla da guadagnare dalla sua detenzione e vogliamo che venga riportato a casa in Australia". Il ministro degli Esteri australiano Penny Wong ha quindi affermato che "il primo ministro e io siamo stati molto chiari: il caso di Assange si trascina da troppo tempo". Wong ha ricordato che "negli ultimi due anni il governo albanese ha sostenuto il suo ritorno a casa" e "il primo ministro ha guidato questi sforzi e ha sollevato personalmente il caso di Assange ai livelli più alti, anche con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il primo ministro[britannico Rishi Sunak". ''Julian è libero!!!! Le parole non possono esprimere la nostra immensa gratitudine a Voi, sì proprio Voi, che vi siete tutti mobilitati per anni e anni per far sì che tutto ciò diventasse realtà. Grazie. Grazie. Grazie''. Così Stella Assange, la moglie del cofondatore di Wikileaks, ha ringraziato su 'X' coloro che negli anni sono scesi in piazza o hanno chiesto attraverso vari canali la liberazione del marito. "Il suo calvario è finalmente giunto al termine", la reazione della madre, Christine, alla notizia del rilascio del figlio. Si tratta di una svolta ''meravigliosa'' che "dà energia", ha invece detto il padre di Julian Assange, come riporta il Guardian.  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

ALTRI ARTICOLI
nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i più letti

Newsletter

Gli articoli della settimana direttamente sulla tua email

Newsletter