Biomasse e riscaldamento, conoscere per non inquinare

L’Aiel, Associazione italiana energie agroforestali, in collaborazione con la Regione Emilia Romagna, nell'ambito del progetto europeo Life PrepAir, organizza una serie di eventi online per educare i cittadini a scegliere in modo corretto il loro nuovo apparecchio di riscaldamento a biomasse, che sia più efficiente e più rispettoso dell'ambiente. Il 19 e il 27 novembre i prossimi appuntamenti

0

Per abbattere l’inquinamento delle nostre città è fondamentale conoscere le principali sfide da affrontare. Una di queste riguarda gli apparecchi di riscaldamento a biomasse utilizzati nelle nostre abitazioni. Troppo spesso si tratta di macchine vecchie, con oltre 10 anni di utilizzo, malfunzionanti e non sempre correttamente controllate.

Il risultato è una bassa efficienza energetica accompagnata da una produzione di emissioni molto maggiore rispetto ad apparecchi nuovi e tecnologicamente avanzati.

Si impone dunque un doppio imperativo: “rottamare ed educare”: rottamare le vecchie macchine ed educare i cittadini a scegliere le soluzioni più rispettose e meno inquinanti. Si calcola che il 70% del parco di apparecchi installato, circa 6,3 milioni di impianti, contribuiscono all’emissione dell’86% del PM10 derivante dalla combustione domestica della biomassa.

Ma come poter educare i cittadini al corretto utilizzo degli apparecchi? In particolare: agli impatti della combustione, alla modalità di corretto utilizzo, alle norme di installazione e manutenzione, ai controlli previsti, agli obblighi a cui si deve adempiere e ai sistemi incentivanti che consentono di accelerare il turnover tecnologico? È fondamentale che tutte queste informazioni siano disponibili e facilmente consultabili per tutti coloro che scelgono di riscaldarsi con il calore di legna, pellet o cippato nel pieno rispetto dell’ambiente e della qualità dell’aria.

L’Aiel, l’Associazione italiana energie agroforestali, in collaborazione con la Regione Emilia Romagna, ha organizzato, nell’ambito del progetto europeo Life PrepAir, un ciclo di 10 eventi on-line per raccontare “Il corretto utilizzo delle biomasse per migliorare l’aria che respiriamo”, dando risposta a semplici ma fondamentali domande: hai una stufa a legna e vuoi sapere come usarla al meglio per ridurre le emissioni inquinanti? Non sai come scegliere una nuova stufa a pellet? Vuoi conoscere gli incentivi per sostituire la tua caldaia a biomassa?

Biomasse, conoscere per non inquinare

Nel corso di ogni incontro, sarà possibile rivolgere queste domande ad un esperto di Aiel che affronterà un tema specifico legato al corretto uso della biomassa.

Il primo incontro si è svolto lo scorso 13 novembre, con approfondimenti sulla sostituzione degli apparecchi obsoleti con il conto termico, lo strumento messo a disposizione dei privati e della pubblica amministrazione per incentivare la realizzazione di interventi per l’incremento dell’efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili (disponibile alla visione al link).

Il programma prevede altri due incontri. Il primo giovedì 19 novembre alle 18, con un focus su come utilizzare al meglio la stufa a legna per ridurre le emissioni: tutte le informazioni per adottare alcune semplici buone pratiche che garantiscano una combustione efficiente e pulita.

Il secondo, in programma venerdì 27 novembre alle 13, aprirà uno sguardo sulle nuove tecnologie disponibili sul mercato, per capire quale nuovo generatore scegliere e quale tipologia di apparecchio faccia al caso nostro.

Gli eventi non termineranno qui, ma proseguiranno anche nel mese di dicembre e gennaio del prossimo anno. Per visualizzare il programma completo e rimanere sempre aggiornato è sufficiente visitare la pagina Facebook della campagna.

 

Leggi anche

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta