Cascina Pulita e l’“Impatto Zero”

0

La gestione di un’azienda agricola impone precisi obblighi in materia di smaltimento dei rifiuti. La legge in questo senso non lascia margini di dubbio, ogni agricoltore deve porre massima attenzione alla gestione corretta dello stoccaggio, del trasporto e lo smaltimento certificato. Tutto ciò consente di evitare pesanti sanzioni in caso di controllo sulle condizionalità della PAC (Politica Agricola Comunitaria) ed anche di poter beneficiare dei contributi del PSR (Piano di Sviluppo Rurale).

In questo senso fondamentale diventa la conoscenza e la preparazione su come e dove poter smaltire. Il “fai da te” si mostra spesso pieno di rischi ed inevitabili errori, anche perché si ha a che fare con materiali altamente inquinanti, pensiamo a barattoli di agrofarmaci, batterie per mezzi agricoli, lampade al neon, vetro, olio esausto ecc.  Meglio allora affidarsi a chi, in questa materia, da anni si spende cercando di offrire a chi lavora in agricoltura e allevamento una serie di servizi e soluzioni.

Cascina Pulita è un’azienda piemontese, di Borgaro in provincia di Torino, che con grande impegno vuole contribuire al raggiungimento dell’”impatto zero”. Un futuro in cui  la produzione di scarti in agricoltura si azzererà completamente, grazie all’impegno quotidiano e alla ricerca costante per salvaguardare la terra e restituire un mondo più “green” alle generazioni che verranno.

Un’attività che ha portato Cascina Pulita a vincere il premio “Sviluppo Sostenibile 2014” del settore Agricoltura e Agrifood all’interno dell’evento “Stati Generali della Green Economy”.

Gli agricoltori che avessero la necessità di un servizio di smaltimento dei loro rifiuti, contattando Cascina Pulita riceveranno la visita di un tecnico specializzato. Dopo un attento sopralluogo ed aver definito le caratteristiche ed i bisogni dell’agricoltore, si potrà concordare la consegna in comodato d’uso di tutti i contenitori ed il necessario per dare vita ad una vera e propria isola ecologica in azienda.

I contenitori che costituiscono il deposito temporaneo dei rifiuti in forma differenziata sono costruiti con materiali a norma e correttamente etichettati in modo da superare i controlli degli enti preposti e il servizio di raccolta avviene annualmente, con grande risparmio sul trasporto e salvaguardia dell’ambiente in termini di Co2 emessa, con il rifiuto che viene in gran parte avviato al recupero. Gli operatori procederanno a prelevare i rifiuti e trasportarli verso gli impianti di raccolta. Le aziende agricole saranno anche sollevate da tutti gli obblighi burocratici e tra tutti la comunicazione con il Modello Unico Dichiarazione Ambientale (MUD), la cui inosservanza è spesso causa di pesanti sanzioni amministrative.

 

Lascia una risposta