venerdì, Febbraio 3, 2023
4.9 C
Roma
spot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeAttualitàCon la guerra in Ucraina crolla il sogno dell’Occidente, non possiamo illuderci...

Con la guerra in Ucraina crolla il sogno dell’Occidente, non possiamo illuderci di eliminare guerra e violenza

Ne parla domani, Luigi Antonio Manfreda, docente di Teoretica a Tor Vergata per il Festival internazionale di filosofia ai Castelli Romani

Il filosofo: “Noi occidentali cattivi e distruttivi? No a letture alla Walt Disney”

Domani, per la giornata conclusiva del Festival internazionale della filosofia in corso ai Castelli Romani, si terrà l’incontro dedicato alla guerra in Ucraina e al turbamento di un conflitto che brucia nel cuore dell’Europa.

La Tavola rotonda dal titolo ‘Venti di guerra. La crisi in Occidente’ sarà tenuta da Luigi Antonio Manfreda filosofo e docente di Teoretica all’università Tor Vergata di Roma, con Anna Camaiti Hostert, Sergio Benvenuto, Flavio Fusi e Anselm Jappe, domani alle 17 a Genzano presso la Biblioteca comunale, un passaggio sulla cronaca che non poteva mancare in una manifestazione culturale dedicata al pensiero.

“Parto dal senso di smarrimento di fronte all’aggressione russa e alla guerra che abbiamo alle porte e in cui siamo coinvolti. Vedere massacri, fosse comuni è un fatto che ha provocato turbamento. Dalla II guerra mondiale – ha spiegato il professor Manfredaabbiamo vissuto un periodo di pace, a parte l’esperienza della Jugoslavia, rimossa dalla coscienza collettiva, e mi sono chiesto che tipo di atteggiamento abbia la coscienza europea nei confronti della guerra a partire dall’ idea che l’Occidente ha di se stesso e del conflitto armato”.

Il ragionamento e l’analisi che il filosofo presenterà in questo incontro pubblico, passando per Max Weber, Thomas Mann e Simone Weil, è che l’idea europea che il conflitto armato e la violenza potessero essere sublimati nell’evoluzione della civiltà, nello sviluppo scientifico e morale, nel mercato economico, si rivela oggi “un’illusione”.

“Illusorio è pensare – spiegherà Manfredache abbiamo superato la fase primitiva del conflitto armato, violento e sanguinoso che ritenevamo appartenesse ad altre parti del pianeta, ad altre società. Questa guerra ha smentito tutto”.

La lezione porterà a un naturale dibattito tra pacifisti e sostenitori di questo conflitto. “Non sono tra quelli che definiscono gli occidentali cattivi e distruttivi, c’è una parte di verità ma è puerile definirci noi come i cattivi così come lo è non produrre armi mentre Russia e Cina continuano ad armarsi e non sono democrazie: mi pare una lettura del mondo alla Walt Disney. C’è una bella differenza tra un dittatore e un Parlamento”, ha aggiunto il filosofo che quindi inviterà a fare i conti con la realtà e con le pagine più dure che la cronaca del conflitto ci consegna, ricordando quelle parole di Simone Weil: la forza è una componente che sempre ritorna nella storia, e se uno la possiede finisce sempre con l’usarla.

È la fine dell’illusione e l’inizio di un nuovo modo realistico e sincero di fare i conti con la guerra e la violenza.

Lo farà la filosofia domani, alla Biblioteca comunale di Genzano, alle 17.00.

Fonte: Agenzia DIRE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -spot_img
spot_img

I PIù LETTI