Cuore Mediterraneo, la raccolta differenziata non va in vacanza

Cuore Mediterraneo, l'iniziativa congiunta tra Consorzio RICREA e Goletta Verde di Legambiente per sensibilizzare sull'importanza del riciclo e della sostenibilità anche in estate

0

Cuore Mediterraneo, portare sulle spiagge i valori della sostenibilità degli imballaggi in acciaio e la necessità di una sempre maggiore attenzione al riciclo. Imparare a differenziare in modo corretto gli imballaggi in acciaio è importante e non va dimenticato, anche in vacanza.

Bisogna gettare nel contenitore giusto barattoli e scatolette, tappi corona e capsule affinché possano essere avviati al riciclo. La campagna itinerante Cuore Mediterraneo promossa da RICREA, il Consorzio Nazionale per il Riciclo e il Recupero degli Imballaggi in Acciaio, insieme a Goletta Verde di Legambiente, sta percorrendo le coste italiane con l’obiettivo di sensibilizzare bagnanti e diportisti sulle qualità e i valori degli imballaggi in acciaio, un metallo che viene riciclato all’infinito senza perdere le proprie intrinseche qualità.

Cuore Mediterraneo, una iniziativa congiunta tra Consorzio RICREA e Goletta Verde di Legambiente per sensibilizzare sull'importanza del riciclo e della sostenibilità anche in estate

“Legambiente e RICREA dialogano tra loro da più di vent’anni per molte e importanti attività svolte su tutto il territorio, e siamo fieri di averli al nostro fianco – commenta Stefano Ciafani, Presidente nazionale di Legambiente I prossimi anni saranno decisivi per il pianeta e noi continueremo ad impegnarci affinché l’Italia possa contribuire attivamente per ridurre le emissioni di gas serra e per rispettare gli obiettivi concordati a livello internazionale, continuando a sottolineare l’importanza dell’economia circolare”.

Non c’è dubbio, infatti che se l’economia circolare è l’economia del futuro, gli imballaggi in acciaio sono tra i protagonisti principali per l’attuazione di un mondo più verde e sostenibile. Anche grazie all’impegno dei Comuni e dei cittadini, nel 2019 in Italia sono state riciclate 399.006 tonnellate di imballaggi in acciaio, pari al peso di circa 167 Atomium, il celebre monumento di Bruxelles.

Da materia prima a imballaggio, a rifiuto differenziato, raccolto e avviato al riciclo per nascere a nuova vita, all’infinito, l’acciaio è protagonista di una reale economia circolarespiega Domenico Rinaldini, Presidente RICREA– Con un tasso di avvio al riciclo pari all’82,2% dell’immesso al consumo, superiore all’obiettivo dell’80% fissato per il 2030 dalla Direttiva Europea, l’Italia è un’eccellenza nella raccolta differenziata degli imballaggi in acciaio e non possiamo che essere soddisfatti dei risultati raggiunti. Ma il nostro obiettivo è quello di migliorare ancora, continuando a formare ed educare i cittadini”.

Attraverso l’iniziativa Cuore Mediterraneo, l’inviata speciale Alice è protagonista di un viaggio alla scoperta delle abitudini e delle conoscenze degli italiani sugli imballaggi in acciaio, per informarli sull’importanza di una corretta raccolta differenziata.

Cuore Mediterraneo, una iniziativa congiunta tra Consorzio RICREA e Goletta Verde di Legambiente per sensibilizzare sull'importanza del riciclo e della sostenibilità anche in estate

Sempre presenti nel pranzo portato da casa e nelle cambuse, barattoli e scatolette in acciaio sono ideali per custodire le eccellenze della dieta mediterranea come il pomodoro, l’olio d’oliva e i prodotti ittici grazie alla capacità di proteggere i cibi da agenti esterni, mantenendone intatti il sapore, la qualità e le proprietà nutritive. E si riciclano al 100% all’infinito per tornare a nuova vita sotto forma di nuovi prodotti. Ecco perché Cuore Mediterraneo deve arrivare al cuore di tutti, italiani e non, per far capire che riciclo e smaltimento effettuati correttamente costituiscono la base dell’economia del futuro, un’economia che tenga conto della nostra salute e di quella del pianeta.

Leggi anche

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta