venerdì, Ottobre 7, 2022
25.5 C
Roma
spot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeImpresaDa Federmanager Roma, l'invito a saper cogliere le opportunità del PNRR

Da Federmanager Roma, l’invito a saper cogliere le opportunità del PNRR

Secondo Federmanager Roma, nell’ottica di utilizzare al meglio le risorse del PNRR, servono figure sempre più specializzate

Al confronto, che si è tenuto ieri in occasione dell’Assemblea Annuale di Federmanager Roma, sono intervenuti, sia in presenza sia in streaming, manager industriali, istituzioni e numerosi stakeholders

Aprire subito un tavolo di confronto con le istituzioni per individuare le reali esigenze del Lazio e identificare le competenze manageriali e progettuali necessarie per cogliere e sviluppare le opportunità che il PNRR offre al nostro territorio. Questo l’appello lanciato alle istituzioni da Federmanager Roma nel corso del dibattito “PNRR: proposte e sfide per il rilancio dell’economia”. Un incontro a cui ha partecipato anche Green Planet News, dibattito particolarmente interessante per porre alcuni spunti di riflessione (speriamo traducibili presto in atti concreti) su futuro di Roma e del Paese.

PNRR, risorse importanti ma che bisognerà saper investire

Il Pnrr e il fondo nazionale complementare porteranno a Roma risorse economiche importanti che dovremo saper investire per mobilità, telecomunicazioni e turismo: un’occasione preziosa e indispensabile per l’economia del nostro territorio” ha commentato Gherardo Zei, Presidente di Federmanager Roma, che ha poi aggiunto: ”In particolare due sono le grandi sfide a cui siamo chiamati a rispondere: dalla transizione ecologica al Giubileo 2025. Per non rischiare di perdere queste opportunità bisogna comprendere le reali esigenze del territorio e puntare su manager competenti, in grado di progettare e realizzare nelle Aziende i processi di adeguamento e sviluppo”.

Mutuando un celebre passaggio di Goethe: ‘Solo a Roma ci si può preparare a comprendere Roma’. L’Italia, per ripartire davvero, ha bisogno di una capitale che sia sì città eterna, ma con una forte vocazione alla modernità e all’inclusività ha dichiarato il Presidente di Federmanager e Cida, Stefano Cuzzilla I nostri manager dispongono delle competenze innovative necessarie a far rinascere la città, nel perseguimento degli obiettivi di sostenibilità ambientale e sociale che non sono più eludibili o procrastinabili. Dai problemi legati alla gestione dei rifiuti e delle infrastrutture, sino all’emergere di nuove povertà. Servono risposte chiare, serve una crescita della sinergia tra manager e istituzioni, a livello nazionale e locale. Perché il destino di Roma riguarda tutti”.

Servono figure specializzate

Secondo Federmanager Roma, nell’ottica di utilizzare al meglio le risorse del PNRR, servono figure specializzate come: Innovation manager, Manager di rete, Manager per la sostenibilità, Export manager, manager per l’internazionalizzazione e esperti nei progetti europei. Federmanager Roma raccoglie attualmente, tra i suoi circa 10.000 associati, figure manageriali specializzate a disposizione delle imprese e della pubblica amministrazione, indispensabili per la realizzazione del PNRR. Federmanager ha certificato fino ad ora le competenze di oltre 500 manager, con l’obiettivo di rispondere alle mutevoli esigenze del mercato in ottica di competitività a livello nazionale ed internazionale; tra questi oltre 200 colleghi, certificati come Innovation, sono stati inseriti nell’elenco del MISE (Ministero dello Sviluppo Economico), dal quale le imprese possono attingere per avvalersi di consulenze qualificate nei processi di trasformazione digitale.

Bisogna continuare a investire nella creazione di figure manageriali specifiche, formate e certificate in grado di comprendere le dinamiche aziendali e di attuare un percorso che coinvolga attivamente tutti gli attori e gli aspetti dell’impresa e del tessuto economico del territorio. Per questo, come Federmanager Roma, ribadiamo sia indispensabile creare un tavolo di lavoro che coinvolga Manager, Aziende ed Istituzioni per elaborare insieme un piano che sia in grado di intercettare i cambiamenti e di rispondere alle reali esigenze della nostra realtà economica e industriale” ha concluso il Presidente di Federmanager Roma Zei.

“Quella del PNRR è una sfida storica per il Paese e per la sua Capitale, una grande occasione per ridurre il divario tra il Nord e il Sud e costruire finalmente un Paese più moderno, capace di guardare al futuro. Il Piano di Roma vuole realizzare interventi di qualità per garantire sviluppo, innovazione, sostenibilità economica e ambientale, inclusione sociale. Tutto questo mantenendo al centro dell’azione politica il benessere dei cittadini e il miglioramento della qualità dell’ambiente urbano. Adesso la sfida è quella di mettere a terra i progetti trasformando la grande occasione dei fondi dell’Unione europea in una leva per il rilancio della Capitale d’Italia, che passa per lo sviluppo della mobilità sostenibile, della riforestazione e di una trasformazione urbana vissuta in chiave green e smart” ha evidenziato Sabrina Alfonsi, Assessore all’Agricoltura, Ambiente e Ciclo dei Rifiuti del Comune di Roma.

La tavola rotonda sulla transizione ecologica

Prima della parte dedicata agli associati, l’assemblea è proseguita con la tavola rotonda, moderata da Antonio Di Bella, dal titolo “Transizione ecologica: piani per il raggiungimento della decarbonizzazione ed il miglioramento dalla dipendenza energetica”. Sono intervenuti: Giuseppe Ricci, Presidente di Confindustria Energia; Angelo Camilli, Presidente di Unindustria; Giacomo Palumbo, Enterprice & Public Administration Director Commercial Cellnex Italia; Sabrina Alfonsi, Assessore all’Agricoltura, Ambiente e Ciclo dei Rifiuti del Comune di Roma e Mons. Rino Fisichella,Pro-Prefetto Dicastero per l’Evangelizzazione – Sezione per le questioni fondamentale dell’evangelizzazione nel mondo. Monsignor Fisichella ha ricordato il motto del prossimo Giubileo “Pellegrini della speranza”. Una speranza, il Giubileo, anche per Roma. che dopo un “immobilismo” pluristellato, possa tornare, non dico agli antichi fasti, quanto piuttosto ad una decente normalità.

Leggi anche

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

I PIù LETTI