giovedì, Luglio 18, 2024

Rome 25°C

Dai libri alla realtà: le città che hanno ispirato i grandi romanzi

La storia d’amore fra Turismo e Letteratura è oggi reciproca ma iniziò secoli con la Letteratura nel ruolo di precursore nell’ispirare il Turismo: nel 18° e 19° secolo, il “Grand Tour” degli aristocratici europei era fortemente influenzato dalla letteratura classica e dalle opere di poeti e scrittori romantici come Goethe, Byron e Shelley che, scrivendo delle loro esperienze in Italia, ne crearono un’immagine idilliaca, la quale, a sua volta, ispirò altri. In seguito il binomio fu anche a doppio senso di marcia: al Grand Tour seguirono i diari di viaggio e suggestive pubblicazioni.

Da secoli, e ancora oggi, è spesso la Letteratura a suggerire le mete dei viaggi, per provare l’emozione di ripercorrere i luoghi magistralmente descritti in pagine che si sono amate, con parole che, come vivide pennellate, possono prendere vita. Recarsi fra le pagine di un romanzo letto, nelle piazze, strade, negli angoli di una città che si è già vissuta leggendo, è come immedesimarsi nelle vicende dei protagonisti con tutti e 5 i sensi. Ecco 4 città affascinanti e protagoniste di romanzi importanti, consigliate da Space Hotels.  Scopriamole insieme.

Per assaporare l’essenza e la complessità di una città multisfaccettata come Venezia, cosa c’è di meglio che immergersi nelle pagine di un saggio che descrive la città attraverso gli occhi dei suoi abitanti, offrendo un affascinante ritratto della vita veneziana contemporanea e dei luoghi iconici del centro storico?Dove cadono gli angeli” di John Berendt è un libro noto per essere una narrazione non fiction sulla vita a Venezia dopo l’incendio del Teatro La Fenice nel 1996. Città come Venzia si abbinano bene ai grandi romanzi.

Berendt offre una vivida descrizione di Venezia, concentrandosi principalmente sulla vita sociale e culturale della città dopo questo tragico evento. Venezia è descritta come una città che attrae artisti, scrittori, musicisti e una vasta gamma di personaggi eccentrici. Berendt esplora le sfumature della cultura veneziana, dai suoi rinomati festival e feste tradizionali alle sue istituzioni culturali e artistiche. Attraverso le storie dei suoi abitanti, Berendt dipinge un ritratto vivido e complesso di Venezia, esplorando le sue dinamiche sociali, politiche ed economiche e offrendo al lettore uno sguardo intrigante sulla vita nella città lagunare. Venezia viene descritta come una città piena di contrasti, dove il fascino e la bellezza si mescolano alla corruzione, all’ambizione e alla rivalità: luogo vibrante e affascinante, ma anche complesso e pieno di contraddizioni. (Consigli utili a questo link).

Torino, città storica, affascinante ed enigmatica, ha nel tempo ispirato diversi romanzi importanti: come non pensare a “Cuore” di Edmondo De Amicis ambientato nel 1881-1882. Ma se si desidera immergersi in pagine attuali che descrivono la città così come si può godere oggi, Il tempo che vorrei” di Fabio Volo è il libro adatto.

È un romanzo pubblicato nel 2016, ambientato principalmente nel centro storico di Torino; offre una descrizione dettagliata della città, dei suoi monumenti e delle sue atmosfere. Il protagonista torna a Torino dopo molti anni e ripercorre i luoghi del suo passato, esplorando le strade del centro storico e rivivendo ricordi ed emozioni legate alla città. Attraverso le descrizioni delle piazze, delle vie e degli edifici storici di Torino, il romanzo cattura l’essenza di Torino e dei suoi luoghi più iconici, rendendolo un’opzione interessante per coloro che cercano una narrazione che esplori questa affascinante città italiana. (Consigli utili a questo link).

Roma è forse la città che vanta il maggior numero di romanzi, diari di viaggio e guide stampate, nella storia dell’editoria e della letteratura. Il suo centro storico è un teatro a cielo aperto, un set permanente, il luogo ideale per i personaggi di un libroRoma si trova fra le pagine dei romanzi più famosi del mondo: da I Promessi Sposi a Il nome della Rosa e molti altri. Viene descritta approfonditamente in romanzi come “Roma” di Emile Zola che la racconta attraverso gli occhi del protagonista: un prete che visita Roma per la prima volta.

Ma si tratta della fine del XIX secolo e vale la pena di confrontarlo con uno spaccato più attuale.Angeli e Demoni” di Dan Brown, scritto nel 2000, è un best seller che dipinge un ritratto di Roma ricco di dettagli e atmosfera, presentandola come una città che bilancia perfettamente l’antico e il moderno. I monumenti storici convivono con la vita urbana contemporanea, creando un palcoscenico perfetto per la trama del thriller di Brown. Parte del romanzo si svolge a Roma e nelle sue famose chiese e piazze, mentre il protagonista, il professore di simbologia Robert Langdon, cerca di risolvere un mistero che coinvolge l’antica società segreta degli Illuminati. Il libro offre descrizioni dettagliate di molti luoghi emblematici del centro storico di Roma, tra cui il Pantheon, Piazza Navona, il Vaticano e Castel Sant’Angelo.Le descrizioni dei luoghi storici, l’uso di simbolismi artistici e religiosi, e la trama avvincente creano un’esperienza immersiva per il lettore, rendendo la città di Roma un personaggio vivente e che respira(Consigli utili a questo link).

Da diversi anni Ragusa, tra la campagna e il lungomare, evoca automaticamente i romanzi del Commissario MontalbanoLa saga dei libri di Andrea Camilleri ha portato un grande interesse verso la Sicilia sud orientale, e in particolare la città di Ragusa. Camilleri ne descrive in modo affascinante e dettagliato il centro storico e i dintorni, sebbene utilizzi nomi fittizi per le località. Montalbano vive nella città immaginaria di Vigata, ma è il centro storico di Ragusa, o quello di Scicli, che vengono spesso descritti: la bellezza barocca dei palazzi, delle chiese e delle piazze di Ragusa Ibla sono lo sfondo perfetto per molte delle indagini del commissario.

Gli edifici importanti come la Questura, dove Montalbano lavora, richiamano l’architettura maestosa e storica delle città siciliane. Le atmosfere uniche sono rese con grande maestria da Camilleri, che riesce a far rivivere le strade, i vicoli e le piazze di RagusaCamilleri descrive con grande attenzione anche il paesaggio siciliano, includendo le coste frastagliate, le spiagge, le campagne e i muretti a secco che caratterizzano la regione. Per esempio, la casa di Montalbano a Marinella, località di fantasia descritta come situata vicino al mare, con vista panoramica e spiaggia tranquilla, richiama le località costiere del Ragusano. Per le riprese della serie tv, infatti, è stata scelta una casa sulla spiaggia della località Punta Secca. (Consigli utili a questo link).

ALTRI ARTICOLI
1 Commenti

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i più letti

Newsletter

Gli articoli della settimana direttamente sulla tua email

Newsletter