mercoledì, Febbraio 28, 2024

Rome 11°C

Ecofuturo CIODUE e sostenibilità

Ecofuturo CIODUE e sostenibilità
Ecofuturo CIODUE e sostenibilità

Ecofuturo, domani ultima giornata a Padova per il festival delle ecotecnologie, un luogo di incontro tra chi crede e aspira ad un futuro davvero ecosostenibile. Ecoinnovazione, sostenibilità, coraggio, scienza, etica: sono queste le “parole chiave” della manifestazione ideata da Jacopo Fo, Michele Dotti e Fabio Roggiolani, giunta quest’anno alla sua quinta edizione

Il festival, a ingresso gratuito, punta a evidenziare la necessità di una nuova idea di tecnologia che sia prima di tutto etica e a proporre una riflessione sui tempi principali delle parole chiave, così determinanti per la salute dell’ambiente.

Il manifesto di Ecofuturo

Ecoinnovazione: risparmiare energia, materia, suolo, foreste, biodiversità. e produrre energie e materie, rinnovabili. Tutte le innovazioni devono essere utili per quello scopo e per il clima. Ogni soluzione concreta deve essere economicamente vantaggiosa quindi teoricamente disponibile per tutti e di norma essere finanziabile con il risparmio prodotto rispetto alle soluzioni dell’era fossile. Ecofuturo Festival e la rete connessa è il luogo di confronto permanente degli esploratori, degli inventori, degli economisti, degli imprenditori, dei ricercatori, dei pensatori e di tutte e tutti coloro che non hanno paura di cambiare.

Sostenibilità: riuscire a mettere insieme la salvaguardia del creato, il bisogno di lavorare con la giustizia tra gli umani e degli umani con gli altri animali e la biodiversità.

Scienza: decine di centri di ricerca universitaria o privata si sono messi a disposizione per vagliare le Ecotecnologie presentate nel corso del festival, soluzioni che andranno a comporre l’Almanacco delle Ecotecnologie.

Coraggio: gli imprenditori che scommettono le loro vite e le loro risorse personali nelle Ecoinnovazioni sono i “coraggiosi” che credono in un approccio diverso al pianeta. Ecofuturo Festival e la rete si trasformano da spettatori delle presentazioni in alleati per campagne di sostegno e diffusione, anche commerciale, oppure si impegnano a rimuovere gli ostacoli legislativi e burocratici che ostacolano la strada del cambiamento.

Etica: se l’era fossile, con le risorse esauribili e conquistabili è stata la premessa della prevaricazione e del possesso, l’era rinnovabile con risorse inesauribili e disponibili in ogni luogo può avviare una fase di pace tra i popoli e di giustizia dentro i popoli. L’etica di impresa sempre di più fa coppia con l’ecoinnovazione. La produzione di idee e strumenti nuovi richiede competenze, applicazione e libertà.

Come si rimette in equilibrio la CO2?

“L’anidride carbonica che sta “climalterando” il pianeta è un disastro ma è anche una risorsa fino ad ora male utilizzata”, spiegano da Ecofuturo. “Troppa in cielo e troppo poca in terra, nei primi centimetri di suolo dove la CO2 è fondamentale per la crescita delle piante e per lo sviluppo della vita. La strategia degli ecologisti si è giustamente concentrata su modalità rinnovabili per fare energia elettrica, oggi oltre allo sviluppo totale e libero delle energie rinnovabili elettriche sappiamo che occorre saper fare calore/freddo, avere combustibili e forza motrice da fonti rinnovabili. Tutto questo non basterà”.

Cosa fare dunque? Fondamentale riconvertire tutti i settori economici con ecotecnologie che consentano di risparmiare energia e quindi ridurre le emissioni di CO2, che imparino a fare della CO2 un ciclo chiuso: cattura e riuso della CO2 nelle innumerevoli applicazioni di questa risorsa, riconsegnando al suolo tutta quella in eccesso.

Determinanti alcuni settori da questo punto di vista come l’agricoltura. L’agricoltura e ogni altro intervento sulla terra devono per questo essere ripensati affinché tutta la sostanza organica, il carbonio, non venga dispersa con tecniche di aratura e rovesciamento dei suoli ampiamente superate da nuovi approcci di agricoltura bioenergetica rinnovabile e da forme di gestione bioattiva ed organica di ogni metro di terra anche nelle aree urbane, di agricoltura di precisione. Senza contare che suolo e attività fotosintetica sono essenziali per stoccare il carbonio nelle piante.

Si è parlato anche di biogas in questi giorni. Biogasfattobene® è il modello di agricoltura promosso dal Consorzio italiano biogas (Cib): “Un suolo biologicamente attivo, sano, rappresenta il principale deposito di carbonio del Pianeta – ha spiegato Piero Gattoni, presidente Cib – Il modello del Biogasfattobene®, prima di produrre biogas, permette all’agricoltura di ridurre le sue emissioni attraverso una corretta gestione degli effluenti zootecnici e limitando drasticamente l’impiego di concimi, erbicidi e pesticidi chimici”.

Per la giornata di domani, a chiusura della manifestazione, dalle 10 alle 13, Dall’elettrico al dual-fuel: la riforma della mobilità. Conduce la Sessione Maurizio Fauri UniTN-Ecofuturo. Questi i temi del dibattito:

Smart Sharing- New Horizon 2020: il progetto di Greenspider – Alessandro Cantore (Greenspider)
La mobilità elettrica: libera colonnina in libero stato – il punto sulla mobilità elettrica e la strategia delle wall-box – Alessandro Giubilo
Collegamento Skype con il team Onda Solare che a bordo del veicolo solare Emilia 4 sta partecipando all’American Solar Challenge dal Nebraska all’Oregon, rappresentando l’Europa
Arrivano i traghetti fotovoltaici – Vincenzo Bianco (BiNav)
Tradizione e innovazione per il turismo del futuro – Luciano Zepparelli Techne srl
Maurizio Donati (Associazione “Antiche Ruote”)
Davide Sabbadin (Legambiente Veneto)
Conclusioni del professor Lorenzo Fioramonti.

Leggi anche

ALTRI ARTICOLI
nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i più letti

Newsletter

Gli articoli della settimana direttamente sulla tua email

Newsletter