Ecovillaggio Montale: un quartiere che vive secondo natura

Nell’ambito della manifestazione “Giardini e Paesaggi Aperti”, AIAPP, l’Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio, organizza il 4 settembre una visita studio presso l’Ecovillaggio Montale, in provincia di Modena. Un quartiere, primo in Italia, eco sostenibile e che tiene conto di diversi fattori (case, energia, mobilità, vegetazione, gestione dell’acqua) per ridurre al minimo l’impatto ambientale

0

L’AIAPP, Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio, promuove la cultura del progetto di giardino e del paesaggio.

Fondata nel 1950 su iniziativa di Pietro Porcinai e Elena Luzzato, riunisce oggi più di 700 iscritti, fra professionisti, studiosi e studenti impegnati a tutelare, conservare e valorizzare il paesaggio, attraverso la progettazione, la ricerca, la formazione e le attività scientifico-culturali di informazione e aggiornamento professionale.

Ecovillaggio Montale: un quartiere che vive secondo natura

Giardini e paesaggi aperti

L’Associazione, nell’ambito della manifestazione “Giardini e Paesaggi aperti” secondo le direttive di IFLA (International Federation of Lanscape Architects), la Federazione internazionale di cui la stessa AIAPP fa parte, organizza per il prossimo 4 settembre (dalle ore 16 alle 18) una visita studio in Ecovillaggio Montale, a Montale di Castelnuovo Rangone in provincia di Modena, il primo di una interessante serie di incontri formativi e workshop con cui AIAPP celebra la cultura del Progetto di Paesaggio. Il tema di quest’anno è “Sfide Climatiche – Climate Challenges”.

Ecovillaggio Montale: un quartiere che vive secondo natura

L’Ecovillaggio di Montale

L’Ecovillaggio Montale, esempio unico in Emilia Romagna e in Italia, è un quartiere abitativo immerso in un paesaggio tipicamente urbano-rurale, nel quale la matrice verde si scontra con quella dell’urbanizzato, fondendosi il più delle volte in modo casuale e totalmente disarmonico.

Ecovillaggio Montale: un quartiere che vive secondo natura

Ecovillaggio è un quartiere modello, realizzato con veri e completi criteri di bioarchitettura. I consumi idrici sono limitati al massimo, l’acqua piovana viene restituita alle falde sottostanti attraverso sistemi complessi “piante-terreno-canale filtrante” per far sì che le acque superficiali vengano depurate, recuperate nel sottosuolo e, quindi, riutilizzate nel sistema complessivo. Il Parco Verde centrale diviene un importantissimo bacino per raccogliere e smaltire in modo naturale le acque dell’intero Piano e, nello stesso tempo, per contribuire al controllo termico del quartiere, sfruttando il naturale processo di evapotraspirazione delle piante e cercando di posizionarle in modo da essere funzionali al bilancio energetico degli edifici del quartiere.

Ecovillaggio Montale: un quartiere che vive secondo natura

Le tecniche di costruzione di ogni singola casa sono volte alla realizzazione di involucri performanti, non energivori, con attenzione scrupolosa agli isolamenti, alla tenuta termica, all’aria e acustica. Il minimo fabbisogno energetico è raggiunto in maniera significativa anche grazie all’utilizzo di fonti di energia rinnovabile come la pompa di calore e i pannelli fotovoltaici per la climatizzazione invernale ed estiva e la produzione di acqua calda sanitaria degli edifici. Sono inoltre dotate di infissi ad alte prestazioni energetiche, ventilazione meccanica controllata dell’aria e illuminazione a led.

Emissioni negative di Co2

La vegetazione inserita assorbe circa 100 tonnellate di Co2 all’anno e poiché gli edifici di ecovillaggio sono privi di emissioni per la loro climatizzazione questo è un dato che porta il nuovo quartiere residenziale ad avere emissioni negative di Co2 creando un vantaggio per la collettività.

Ecovillaggio Montale: un quartiere che vive secondo natura

Come partecipare con AIAPP

A guidare i visitatori in questa esperienza all’insegna dei criteri della bioarchitettura, saranno Marcella Minelli e Loretta Bellelli, progettiste del verde, insieme a Silvia Pini ideatrice e imprenditrice di Ecovillaggio Montale. La visita sarà aperta dall’Assessore all’Urbanistica del Comune di Castelnuovo Rangone (MO) Matteo Ferrari.

La visita, per quanti fossero interessati, si terrà nell’ecoquartiere sito in via Beniamino Gigli a Montale di Castelnuovo Rangone (MO) e sarà l’occasione per visitare una palazzina in costruzione. Per partecipare alla visita guidata scrivere alla dott.ssa Marcella Minelli socio referente AIAPP e agronomo paesaggista di Ecovillaggio all’indirizzo mail reggioemilia@studiminellinegroni.it.

Leggi anche:

La bioedilizia, di cosa si tratta realmente?

Dal riso materiali per un’edilizia sostenibile 

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta