venerdì, Dicembre 2, 2022
8.6 C
Roma
spot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeAltroTurismo SostenibileEstate in arrivo – La Sardegna come meta turistica più amata

Estate in arrivo – La Sardegna come meta turistica più amata

La Sardegna è da sempre meta ambita da tantissimi turisti, specialmente da coloro che desiderano trascorrere giornate rigeneranti tra spiagge paradisiache e paesaggi suggestivi. Non sempre però chi è in villeggiatura sa dove andare, come spostarsi e cosa mangiare di tipico

Ecco quindi di seguito alcune delucidazioni che torneranno utili a chiunque è alla ricerca di una destinazione italiana per le prossime vacanze estive

Sardegna – Isola facile da raggiungere e ben collegata alla terraferma

La Sardegna, grazie ai numerosi traghetti in partenza dalle regioni vicine, può essere raggiunta comodamente via mare. Costo e metodi di pagamento biglietto traghetto sardegna sono facilmente reperibili, in particolar modo utilizzando delle piattaforme di comparazione, così da confrontare tariffe e tratte.

A differenza di altri mezzi di trasporto, i traghetti sono ideali per tutta la famiglia, in quanto offrono aree spaziose in cui far giocare i più piccoli e zone silenziose e rilassanti per chi invece, come gli anziani, è alla ricerca di riposo e tranquillità.

Sul territorio nazionale italiano sono numerose le corse effettuate da queste imbarcazioni e dirette verso la Sardegna, motivo per il quale anche chi stacca tardi dal lavoro o ha a disposizione orari scomodi in cui partire, può riuscire con facilità ad usufruire di questi mezzi.

Attrazioni turistiche da non perdere in Sardegna

Nord, sud, est e ovest, ogni parte della Sardegna merita una visita. Ma quando si hanno pochi giorni a disposizione è necessario selezionare bene i luoghi e prediligere quelli più suggestivi e unici, come ad esempio l’arcipelago della Maddalena, diventato parco nazionale protetto nel 1994, sito nelle Bocche di Bonifacio, vicino alla Corsica.

Meritevole di visita è anche la Costa occidentale dell’isola, che regala scenari selvaggi e incontaminati a partire da Capo Caccia, vicino alla città di Alghero, fino al Capo Spartivento. Vi è poi la penisola del Sinis, patrimonio naturalistico e archeologico, riconosciuta dalla Commissione europea come meta “Eden” (Destinazioni europee di eccellenza).

Qui dune di sabbia, falesie, spiagge di quarzo e oasi naturalistiche si alternano a stagni di sale abitati da fenicotteri rosa, nuraghi e città antiche. Chi ama i borghi invece non può non fare visita a Bosa, un piccolo e colorato borgo attraversato dal fiume Temo. Situata nell’Isola di San Pietro, vi è poi Carloforte, un paesino di pescatori che ogni anno ospita un evento gastronomico internazionale, il Girotonno.

Piatti tipici sardi da provare almeno una volta nella vita

Tra i piatti sardi da provare almeno una volta nella vita vi sono sicuramente la fregola, una pasta di semola simile al cous cous, generalmente cucinata con le vongole o con i frutti mare. Chi preferisce la carne invece può optare per i malloreddus che nella zona del campidanese vengono serviti con un sugo rosso di salsiccia.

Gettonatissima anche la sa cassola, una zuppa di pesce tipica del cagliaritano e la sa burrida, pietanza a base di gattuccio di mare cucinato in una salsa agrodolce. Ma se si parla di cucina tipica sarda non può mancare anche il porceddu, il maiale da latte cotto allo spiedo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -spot_img

I PIù LETTI