martedì, Dicembre 7, 2021
8.5 C
Roma
spot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeAltroEventi e IniziativeExplora, il museo dei bambini: dalla Toilet Art alla sostenibilità ambientale

Explora, il museo dei bambini: dalla Toilet Art alla sostenibilità ambientale

Il museo Explora, il museo dei bambini. Sulla via Flaminia, in pieno centro, uno spazio recuperato da un ex deposito tranviario ATAC e restituito ai cittadini, che oggi si è trasformato in una struttura per attività didattiche dedicate ai bambini su ambiente e sostenibilità. Da oggi fino a domenica, tante le iniziative per il festival AAA, il progetto europeo Accessible Art for All

Da oggi fino a domenica 21 novembre, al museo Explora, in programma il Festival AAA: dalla Toilet Art alla sostenibilità ambientale, tre giornate di festa per raccontare il progetto europeo Accessible Art for All che ha permesso di portare opere di artisti in luoghi inusuali, come i servizi igienici di Explora, trasformandoli in opere di Toilet Art.

I nuovi servizi igienici, trasformati in un capolavoro di Toilet Art grazie all’intervento creativo degli artisti Mook e Cristina Damiani, immergono il pubblico del museo in un nuovo contesto subacqueo composto da iconiche sagome marine.

Foto: per gentile concessione Ufficio stampa Museo Explora

Abissi, pesci e coralli per riconoscere il ruolo determinante del bagno come luogo d’interazione tra uomo e natura: unico obiettivo la sostenibilità. Proprio su quest’ultimo punto si basa il Festival AAA: carenza di acqua potabile, siccità, inquinamento dei mari, fanno parte della realtà in cui viviamo.

È così che le nostre scelte devono trasformarsi in cooperazione e dialogo, diventare un messaggio nel quale non esistono barriere architettoniche o distinzioni, raggiungendo proprio tutti.

Explora nasce per trasformare l’esperienza di gioco in un’opportunità di crescita, di sperimentazione e di sensibilizzazione a temi cari all’ambiente e allo sviluppo sostenibile, attraverso exhibit e percorsi realizzati per trasmettere concetti in chiave giocata e rendere il pubblico più consapevole e partecipe alle problematiche dell’intera comunità.

Finora non avevamo pensato di proseguire l’identità di Explora anche nei bagni: l’occasione è arrivata con il progetto AAA -Art Accessible for All, grazie al quale abbiamo potuto trasformare i servizi igienici in un’opera creativa di Toilet Art coinvolgendo gli artisti Mook e da Cristina Damiani senza i quali non avremmo potuto” afferma Patrizia Tomasich, presidente del Museo.

Il Festival AAA è realizzato grazie al progetto Art Accessible for All, cofinanziato dal programma Europa Creativa dell’Unione Europea, e nato per diffondere messaggi importanti per la società europea attuale e futura, attraverso l’arte nelle toilette (Toilet Art), artisti selezionati e festival locali.

Mira a sensibilizzare le future generazioni europee attraverso le arti (visive, digitali, street art) nelle toilettes di musei, festival, scuole, stazioni e altri spazi comunitari: dal cambiamento climatico e sostenibilità ambientale, all’identità comunitaria europea, una generazione da sempre schierata contro il bullismo e la discriminazione, inclusiva con migranti e rifugiati.

Explora, la struttura visitata stamattina

Questa mattina, ho avuto il piacere di visitare la struttura recuperata dall’ex deposito tranviario. A illustrarmi le principali peculiarità di uno spazio particolarmente allegro, dai mille colori e dalle infinite curiosità, la piacevole spiegazione di Alessandra Arcella che mi ha illustrato la struttura, accompagnandomi lungo il percorso alla scoperta del museo Explora.

Explora, il museo dei bambini di Roma è il primo Children’s Museum privato non profit italiano. Parliamo di una struttura permanente dedicata ai bambini, alle scuole e alle famiglie attiva dal 2001.

È membro di Ecsite, il network europeo dei musei scientifici e science centres, di Hands On! International, network internazionale che raggruppa realtà museali di tutto il mondo rivolte all’infanzia; è un museo che fa parte dell’Organizzazione Museale Regionale (O.M.R.) della Regione Lazio ed è Associato dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS).

Il Museo offre un’opportunità di gioco, sperimentazione diretta e apprendimento sul campo che pone al centro i bambini e le loro potenzialità, proponendo occasioni di arricchimento e socializzazione, promuovendo lo sviluppo delle loro capacità cognitive ed emozionali.

L’ex deposito tranviario, uno spazio restituito alla città

Explora si trova nell’area dell’ex deposito tranviario storicamente denominata Borghetto Flaminio, nel cuore di Roma, tra Villa Borghese e Piazza del Popolo. L’area di 8.000 mq, data in concessione al Museo dei Bambini dal Comune di Roma (atto concessorio n° 102517 del 14/09/00 e Deliberazioni C.C. n° 175/99 e n° 228/97), è stata ristrutturata e riqualificata grazie al sostegno di aziende private ed enti pubblici coinvolti in una raccolta fondi di 3.700.000 euro.

Nel 1998, quando l’area comunale dell’ex deposito tranviario Atac di via Flaminia 80 è stata data in concessione al Museo dei Bambini, gli edifici erano in completo stato di abbandono e degrado.

Gli spazi sono stati oggetto di un progetto di recupero ed adattamento alla funzione espositiva. Con la ristrutturazione degli edifici sorti tra il 1870 e il 1920, si è realizzata una grande opera di riqualificazione urbana, che ha trasformato un’area degradata in un prezioso punto di riferimento per i bambini, famiglie e scuole.

Conservata la memoria storica

L’impostazione progettuale ha voluto mantenere la memoria storica della facciata industriale su via Flaminia. La ghisa del padiglione è una testimonianza del recupero architettonico effettuato sulla struttura, caratterizzata dalle capriate reticolari dell’ingegnere francese Polonceau, coevo di Eiffel.

In questo ambito, dal recupero della struttura in acciaio e ghisa brevettata da Polenceau, nasce il padiglione espositivo, circondato da un’area verde urbana, elemento fondamentale per la riqualificazione dell’intera area.

Explora è costituito da un padiglione espositivo, una cucina dedicata ai laboratori di educazione alimentare, un’area verde ad accesso gratuito attrezzata con giochi e mostre fotografiche, libreria, shop, bar, ristorante ed un parcheggio riservato ai visitatori.

La campagna “Vedo nel futuro”

Dopo 16 anni di crescita e successi, Explora Cresce – il progetto di ampliamento del museo – costituisce il passo finale della riqualificazione dei restanti 2.000 mq dell’area. La campagna di fund-raising Vedo nel futuro ha lo scopo di raccogliere 2.500.000 euro per realizzare nuove strutture ed edifici dedicati a gioco, scienza e ambiente.

Da non dimenticare che Museo dei Bambini Società Cooperativa Sociale onlus ha ottenuto la certificazione di qualità EN ISO 9001:2015 per la Progettazione ed erogazione di allestimenti ed attività ludico-educative per bambini e ragazzi da 0 a 12 anni

Per il programma completo del festival, ecco il LINK.

Foto senza didascalia @ Daniele Del Moro

spot_img

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

spot_img
- Advertisment -spot_img
spot_img

I PIù LETTI