Generazione Riciclo

0

Generazione Riciclo.Gli imballaggi metallici diventano garanzia di sostenibilità

Generazione Riciclo. Piano piano, una mentalità davvero europea, almeno in questo, si sta facendo strada, una “rivoluzione culturale” in cui Mao non c’entra più nulla ma che, col necessario cambio di mentalità, può fare davvero bene al nostro ambiente.

Nel 2016 sono state prodotte in Italia 679mila tonnellate di imballaggi in acciaio e alluminio con uno dei tassi di riciclo tra i migliori in Europa. Ora, sui contenitori arriva il nuovo logo Metal Recycles Forever.

 

 

I dati sono stati presentati la scorsa settimana a Palermo nel corso dell’assemblea annuale di Anfima, l’Associazione Nazionale fra i Fabbricanti di Imballaggi Metallici e Affini aderente a Confindustria che rappresenta un settore che nel nostro Paese conta circa 4.000 addetti e un fatturato complessivo che nel 2016 è stato di 1.603 milioni di euro.

Gli imballaggi metallici, dalle scatolette ai barattoli, dalle lattine per bevande ai grandi fusti industriali, dalle bombolette aerosol a tappi e chiusure sono tra i migliori protagonisti dell’economia circolare. In Italia, nell’ultimo anno, ne sono state prodotti 679mila tonnellate, e il 77,5% degli imballaggi in acciaio e il 73,2% degli imballaggi in alluminio immessi al consumo è stato avviato al riciclo.

“Gli imballaggi metallici hanno caratteristiche uniche che li rendono un’ottima soluzione per le esigenze di aziende e consumatori e uno strumento fondamentale per il rispetto dell’ambiente – ha spiegato Monica Mantovani, Presidente di Anfima, in carica per il prossimo biennio – Acciaio e alluminio infatti sono materiali permanenti: sono facili da differenziare e si riciclano infinite volte senza perdere le proprie qualità. Proprio per trasmettere più facilmente al consumatore queste caratteristiche come associazione siamo impegnati nel promuovere la diffusione sui nostri imballaggi del marchio Metal Recycles Forever”.

Metal Recycles Forever, ossia “il metallo si ricicla all’infinito”, è stato adottato da Metal Packaging Europe come marchio definitivo per comunicare la riciclabilità degli imballaggi in metallo, unificando i messaggi di comunicazione ambientale.

Il logo, tradotto nelle diverse lingue, si sta diffondendo in tutta Europa grazie all’impegno dei produttori e delle aziende utilizzatrici. Anfima stima che nel 2016 siano stati prodotti in Italia oltre 500milioni di pezzi con il nuovo logo, e la previsione per il 2017 è di un miliardo di pezzi.

“Il nostro obiettivo – ha aggiunto Monica Mantovani – è di continuare a collaborare con le associazioni degli utilizzatori dei nostri imballaggi come ad esempio Anicav, l’associazione che rappresenta i conservieri di pomodoro, con cui abbiamo recentemente firmato un protocollo di intesa per la promozione del pomodoro in scatola e l’apposizione del logo Metal Recycles Forever, AIA, l’associazione italiana aerosol, e Ancit, l’associazione dei produttori di tonno e altre conserve ittiche.

E naturalmente lavorare insieme ai Consorzi CIAL e RICREA per promuovere il logo e comunicare l’importanza di differenziare correttamente i contenitori in acciaio e alluminio per assicurare il loro riciclo”.

Delle 679mila tonnellate di imballaggi metallici prodotte in Italia nel 2016, 656mila sono di imballaggi in acciaio (+1,7% rispetto all’anno precedente) e 23mila in alluminio (-19,5%). Il fatturato complessivo di 1.603 milioni di euro, in lieve crescita rispetto al 2015 (+0,13%) deriva principalmente dal mercato interno (62%).

Il primo settore merceologico si conferma quello degli imballaggi per il food, con un fatturato di 584 milioni di euro, seguito dalle chiusure metalliche (tappi corona, capsule, coperchi easy open) con 327 milioni di euro e dalla General Line (latte, secchielli, fustini destinati prevalentemente all’industria per vernici, pitture, smalti, oli) con 313 milioni di euro.

Se questi sono i risultati, insomma, vuol dire che siamo sulla strada giusta e che, soprattutto, dobbiamo continuare a percorrerla.

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta