martedì, Aprile 23, 2024

Rome 14°C

Infestazione di piccioni: quali sono gli effetti collaterali sulla salute e sull’ambiente

Infestazione di piccioni: quali sono gli effetti collaterali sulla salute e sull’ambiente
Foto @Ufficio stampa

In verità, le infestazioni non sono relegate a questi luoghi, ma sono sempre più diffuse in tutta Italia e nel resto del mondo, con conseguenze significative sulla salute pubblica e sull’ambiente.

Oltre alla sporcizia generata e alla corrosione degli edifici causata dai loro escrementi, infatti, questi volatili possono portare a più di 60 diverse infezioni e malattie trasmissibili all’uomo, direttamente o indirettamente.

Per contrastare efficacemente il disagio, diventa essenziale adottare strategie mirate, come l’installazione di dissuasori per piccioni e altri volatili, al fine di proteggere la salute pubblica e preservare l’ambiente urbano.

In questo articolo parleremo nel dettaglio di quali sono i danni che possono causare i piccioni e come contrastare efficacemente queste spiacevoli situazioni.

I danni causati dalle infestazioni dei piccioni

I piccioni hanno una capacità riproduttiva che può arrivare fino a 9 covate all’anno, con almeno 2 uova per covata: ciò contribuisce quindi a un aumento esponenziale della popolazione aviaria nelle aree urbane.

Il guano, ovvero i loro escrementi, si accumula in modo significativo su marciapiedi, veicoli, monumenti, e altre superfici, causando non solo una fastidiosa sporcizia visiva, ma anche danni strutturali a lungo termine.

Questo, infatti, è una sostanza acida in grado di corrodere i materiali da costruzione come il marmo, la pietra, il cemento e il metallo, mettendo a rischio l’integrità degli edifici e dei monumenti storici.

Oltre ai danni materiali, gli escrementi dei piccioni rappresentano un grave rischio anche per la salute umana. Tali volatili sono portatori di più di 60 malattie che possono trasmettersi all’uomo attraverso il contatto diretto con il guano o l’inalazione di microrganismi patogeni dispersi nell’aria.

Infine, non è da sottovalutare il fatto che sono ospiti di numerosi parassiti, come acari, zecche, pulci e cimici, che possono trasmettere ulteriori malattie o causare disturbi cutanei alle persone.

Come eliminare un’infestazione di piccioni

Per eliminare efficacemente un’infestazione di piccioni è fondamentale intervenire con approcci mirati e soprattutto professionali, cercando di evitare il fai da te che può portare a una diffusione degli agenti patogeni attraverso il contatto con il guano.

In caso di situazioni gravi, infatti, è importante rivolgersi a ditte specializzate nel settore, in quanto possono adottare procedure specifiche volte a ripristinare l’igiene ambientale e a rimuovere in modo sicuro lo strato di escrementi che si è accumulato.

Ciò che può fare il singolo cittadino, invece, è la prevenzione. Tra le soluzioni più moderne ed efficaci vi è ad esempio l’installazione di dissuasori su statue, cornicioni e altre strutture dove i piccioni trovano rifugio.

Un’altra soluzione innovativa può consistere nell’allestire colombaie apposite nei parchi urbani, indirizzando quindi i piccioni verso queste aree. Qui il guano può essere, oltre che limitato a zone controllate, raccolto da ditte specializzate che possono usarlo per creare fertilizzanti.

Infine, tra le misure preventive spesso diventate ordinanze comunali, vi è il divieto di dare da mangiare ai piccionie di lasciare immondizia per strada: ciò non solo renderà la città più decorosa, ma scoraggerà lo stallo di questi volatili in tali zone per invitarli a spostarsi altrove, dove è più facile per loro trovare cibo.

ALTRI ARTICOLI
nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i più letti

Newsletter

Gli articoli della settimana direttamente sulla tua email

Newsletter