Isole ecologiche per la raccolta differenziata a lavoro

Con il ritorno, in molte realtà aziendali ed industriali, al lavoro in presenza, è giusto interrogarsi sulla correttezza o meno delle soluzioni adottate per garantire una corretta raccolta differenziata. Airbank presenta quattro diverse proposte, per rispondere alle differenti esigenze

0

All’interno del Rapporto Rifiuti Urbani, presentato da ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione
e la Ricerca Ambientale) lo scorso 10 dicembre 2019, si evidenzia come, nel 2018, la quantità di rifiuti urbani raccolti in modo differenziato ha raggiunto in Italia il 58,1%.

Un valore in crescita rispetto a quelli degli anni precedenti (nel 2017 era pari al 55,5%). Nonostante l’ulteriore incremento non viene, tuttavia, ancora conseguito l’obiettivo fissato dalla normativa per il 2012 (65%).

Oggi che, lentamente, nei luoghi di lavoro si torna a lavorare in presenza, allentando il ricorso allo smart working, si fa urgente la necessità di individuare soluzioni efficienti per la raccolta differenziata dei rifiuti. Per aiutare industrie e aziende a garantire una corretta gestione dei rifiuti sul posto di lavoro e contribuire alla crescita virtuosa del Paese, Airbank, leader nel settore dell’antinquinamento e della sicurezza, presenta quattro soluzioni per l’isola ecologica sui luoghi di lavoro, tutte diverse per materiali e struttura così da rispondere alle diverse esigenze.

Fare correttamente la raccolta differenziata è uno dei primi e dei più importanti passi da compiere verso il rispetto dell’ambiente, sia in privato che sui luoghi di lavoro”, afferma Gloria Mazzoni, Presidente e Amministratore Delegato di Airbank, “Per questo motivo noi di Airbank abbiamo creato diverse proposte per le isole ecologiche: vogliamo che ogni azienda abbia a disposizione la soluzione più adatta alle sue necessità, così da contribuire in maniera attiva a una raccolta più consapevole e più rispettosa indipendentemente dal luogo, dallo spazio e dalla tipologia di lavoro”.

L’isola ecologica in acciaio

L’isola ecologica in acciaio, stabile, compatta e resistente, è perfetta per gli ambienti di lavoro interni, dai centri commerciali agli uffici, passando per stazioni e impianti sportivi. La soluzione proposta da Airbank, un’isola ecologica in lamiera d’acciaio elettro zincata, è composta da tre o quattro scomparti, a seconda delle esigenze, ed è caratterizzata da un design sobrio e lineare che, unito alla grafica personalizzabile, la rende adatta a ogni tipo di ambiente.

I contenitori in alluminio per isola ecologica

Per chi cerca una soluzione adatta agli interni, sia pubblici che privati, ma è limitato da spazi e altezze, una valida alternativa sono i contenitori in alluminio per isola ecologica: maneggevoli, combinabili e con coperchi reggisacco disponibili in diversi colori per garantire la raccolta differenziata. I moduli possono essere posizionati separatamente a seconda delle esigenze e possono contenere da un minimo di 15 litri a un massimo di 27.

Isole ecologiche per la raccolta differenziata a lavoro

L’isola ecologica in cartone

L’Isola ecologica in robusto cartone riciclato è una struttura modulare pratica e maneggevole che permette all’utente una composizione personalizzata, ideale per eventi e per ambienti chiusi. Quella proposta da Airbank è dotata di coperchio in polipropilene riciclato che funge da reggisacco e di apposite aperture che permettono di fissare i moduli tra loro creando così una struttura più stabile adatta a ogni necessità.

Isole ecologiche per la raccolta differenziata a lavoro

L’isola ecologica industriale

Per industrie e aziende che necessitano di recipienti più grandi, la soluzione è un’isola ecologica industriale composta da contenitori di sicurezza indipendenti (tutti con un proprio portellone superiore) e da una struttura perimetrale con sponda apribile per agevolare le operazioni di movimentazione dei singoli contenitori, sia tramite carrello elevatore che transpallet. Il trattamento con resine poliuretaniche anticorrosione di diversi colori, inoltre, permette di garantire la raccolta differenziata in sicurezza anche all’aperto.

 

Leggi anche:

 

 

 

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta